TUTTI I QUIZ

Risposte

BASE n. 1 - Quando una nave a propulsione meccanica ne spinge un'altra in avanti ed è rigidamente connessa ad essa, come devono essere considerate?

V

Come un'unica nave e devono mostrare i fanali prescritti

F

Come due navi distinte e devono mostrare i fanali che competono loro

F

Come due navi distinte, di cui una rimorchia l'altra

.

Risposte

BASE n. 2 - Una nave che mostra un cilindro nero di giorno:

F

è incagliata

V

è condizionata dalla propria immersione

F

è all'àncora

.

Risposte

BASE n. 3 - Il cono con vertice rivolto verso l'alto è esposto dai pescherecci che hanno un attrezzo da pesca immerso più lungo di:

F

100 metri

V

150 metri

F

50 metri

.

Risposte

BASE n. 4 - Di giorno, 3 palloni neri in verticale indicano:

F

un subacqueo in immersione

V

una nave incagliata

F

una nave all'àncora

.

Risposte

BASE n. 5 - Di giorno, una nave incagliata mostra:

F

2 palloni neri

V

3 palloni neri

F

1 pallone nero

.

Risposte

BASE n. 6 - Di giorno, una nave incagliata mostra:

F

1 bandiera rossa

F

2 palloni neri

V

3 palloni neri

.

Risposte

BASE n. 7 - Di notte, una nave incagliata di lunghezza inferiore ai 50 metri mostra:

F

2 fanali rossi in verticale

V

2 fanali rossi in verticale più il fanale di fonda

F

3 fanali rossi in verticale

.

Risposte

BASE n. 8 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, una nave con difficoltà di manovra:

F

se non governa, di notte, vista di prua, mostra 5 luci

F

se condizionata dal pescaggio, di giorno mostra pallone, rombo, pallone neri

F

se con manovrabilità limitata, in navigazione di notte, vista di poppa, mostra 3 luci bianche

.

Risposte

BASE n. 9 - Esiste il pericolo di collisione quando:

V

le due rotte sono convergenti con rilevamento costante

F

le due rotte sono divergenti

F

le due rotte sono parallele e costanti

.

Risposte

BASE n. 10 - Una nave a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta a una nave intenta a pescare?

V

Sì, purchè non si trovi in canali stretti o in schemi di separazione del traffico disciplinati

F

Sì, sempre

F

No

.

Risposte

BASE n. 11 - Una nave a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta a una nave a vela?

V

Si, purchè non si trovi in canali stretti o in schemi di separazione del traffico disciplinati

F

Sì, sempre

F

No

.

Risposte

BASE n. 12 - Una nave a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta a una nave che non governa?

V

F

No

F

Solo se la nave che non governa si trova a dritta

.

Risposte

BASE n. 13 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

nave a propulsione meccanica: qualsiasi nave mossa da macchine

V

nave intenta alla pesca: se l'attrezzo da pesca utilizzato ne riduce la manovrabilità

V

nave intenta a dragare: una nave con manovrabilità limitata

.

Risposte

BASE n. 14 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

F

nave intenta alla pesca: una nave che stia effettuando un qualsiasi tipo di pesca

V

in navigazione senza abbrivo: se è ferma, non vincolata alla terra od al fondo

V

nave condizionata dalla sua immersione: una nave a propulsione meccanica che, a causa della sua immersione, è fortemente limitata a deviare dalla sua rotta

.

Risposte

BASE n. 15 - Due unità a motore devono reciprocamente manovrare:

F

quando una viene avvicinata dall'altra con rotta raggiungente

V

quando si avvistano esattamente di prua

F

quando una, sul proprio lato sinistro, vede il lato di sinistra dell'altra unità

.

Risposte

BASE n. 16 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

V

Qualsiasi unità in mare mostra almeno una luce

V

I fanali laterali rosso e verde sono mostrati solo dalle unità in navigazione con abbrivo

F

i fanali di testa d'albero hanno la stessa portata dei fanali laterali

.

Risposte

BASE n. 17 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, una nave a motore di lunghezza inferiore a 50 metri:

F

se all'àncora, di notte ha l'obbligo di illuminare i ponti

V

se incagliata, di notte mostra 3 fanali: 2 rossi in verticale e 1 bianco a prua o nel punto più visibile

F

se ha una lunghezza superiore o uguale a 100 metri ed è all'àncora, di notte mostra 2 fanali speciali bianchi a prua e 2 a poppa

.

Risposte

BASE n. 18 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

F

il fanale laterale verde è visibile da prua fino al traverso di dritta

F

i fanali speciali hanno un settore di visibilità di 360° e luce rossa, verde o gialla

F

i fanali speciali devono avere una portata minima di 6 miglia

.

Risposte

BASE n. 19 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

V

il fanale di testa d'albero è mostrato sempre da tutte le unità mosse da macchine

F

il fanale di rimorchio è a luce gialla con un settore di visibilità di 225°, verso poppa

V

i fanali laterali hanno una portata minima di 3 miglia per le unità di lunghezza superiore o uguale a 50 metri

.

Risposte

BASE n. 20 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

F

il fanale di rimorchio è a luce gialla con un settore di visibilità di 225°, verso poppa

V

qualsiasi unità in mare mostra almeno una luce

V

i fanali laterali sono visibili anche vedendo l'unità a poppavia del traverso

.

Risposte

BASE n. 21 - Due navi in rotta di collisione su rotte uguali e contrarie:

F

si fermano

V

accostano a dritta

F

accostano a babordo

.

Risposte

BASE n. 22 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

in navigazione con abbrivo: se mossa da macchine o sotto vela

F

a vela: se sotto vela e con macchine in uso

F

nave intenta alla pesca: una nave che sta effettuando un qualsiasi tipo di pesca

.

Risposte

BASE n. 23 - Una nave con manovrabilità limitata deve lasciare libera la rotta:

F

Ad un'unità a vela che le mostri il lato di dritta

F

A una nave a vela con mure a dritta

F

A una nave intenta alla pesca a strascico

.

Risposte

BASE n. 24 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

nave che non governa: se eccezionalmente impossibilitata a manovrare

V

in navigazione senza abbrivo: se ferma, non vincolata alla terra o al fondo

F

nave condizionata dalla sua immersione: se la chiglia piatta ne riduce la stabilità di rotta

.

Risposte

BASE n. 25 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, tra le navi impegnate in attività particolari:

V

un dragamine di giorno mostra tre palloni neri disposti a triangolo

V

un hovercraft di notte mostra un fanale giallo lampeggiante

V

un dragamine di lunghezza superiore o uguale a 50 metri, in attività operativa, di notte mostra 8 luci

.

Risposte

BASE n. 26 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

F

Il fanale laterale verde è visibile da prua fino al traverso di dritta

F

I settori di visibilità del fanale di poppavia e dei fanali laterali si sovrappongono al traverso

F

I fanali speciali devono avere una portata minima di 6 miglia

.

Risposte

BASE n. 27 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, una nave con difficoltà di manovra:

V

se con manovrabilità limitata, di notte mostra 3 fanali: rosso, bianco, rosso, visibili per 360°

F

se non governa, di giorno mostra un cilindro nero

F

se condizionata dal pescaggio, di notte mostra due fanali speciali rossi

.

Risposte

BASE n. 28 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

V

il fanale di testa d'albero è mostrato sempre da tutte le unità mosse da macchine

V

il fanale di testa d'albero ha un settore di visibilità di 225°, centrato sulla linea di prora

V

i fanali laterali, o di via, hanno una portata minima di 3 miglia per le unità di lunghezza superiore o uguale a 50 metri

.

Risposte

BASE n. 29 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

F

il fanale di rimorchio è a luce gialla con un settore di visibilità di 225°

F

i fanali speciali hanno un settore di visibilità di 360° e luce rossa, verde o gialla

V

i fanali laterali (o di via) di un'unità raggiunta non sono visibili dall'unità raggiungente

.

Risposte

BASE n. 30 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

in navigazione con abbrivo: se mossa da macchine o sotto vela

F

nave a vela: se, sotto propulsione meccanica, ha le vele a riva

V

nave con manovrabilità limitata: se limitata a manovrare dalle operazioni che ha in corso

.

Risposte

BASE n. 31 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, il rischio di collisione in vista di un'altra nave:

F

esiste solo nel raggio di 500 metri

F

esiste solo nel raggio di due miglia

V

in caso di dubbio il rischio deve considerarsi esistente

.

Risposte

BASE n. 32 - Riguardo ai fanali notturni previsti dalle norme per prevenire gli abbordi in mare:

V

Il fanale laterale verde è visibile da prua fino ad oltre il traverso di dritta

F

I fanali di testa d'albero hanno la stessa portata dei fanali laterali

F

Il fanale di rimorchio è a luce gialla con settore di visibilità di 225°, verso poppa

.

Risposte

BASE n. 33 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

in navigazione senza abbrivo: se ferma, non vincolata alla terra

V

in navigazione: se mossa da macchine o sotto vela

V

nave condizionata dal suo pescaggio: se l'immersione della carena è tale da condizionare la navigazione

.

Risposte

BASE n. 34 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

nave condizionata dal suo pescaggio: se l'immersione della carena è tale da condizionare la navigazione

V

nave che non governa: se eccezionalmente impossibilitata a manovrare

V

in navigazione senza abbrivo: se ferma, non vincolata alla terra

.

Risposte

BASE n. 35 - Come deve comportarsi una nave che ne raggiunge un'altra?

V

Deve lasciare libera la rotta alla nave raggiunta

F

Deve emettere quattro suoni brevi

F

Deve segnalare l'intenzione di sorpasso e la nave raggiunta deve cederle la rotta

.

Risposte

BASE n. 36 - Un'unita a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta ad un'unità che non governa?

V

Sì, sempre

F

No, in nessun caso

F

Solo se l'unità che non governa si trova a dritta

.

Risposte

BASE n. 37 - Una nave che in navigazione diurna mostra un cilindro verticale è un tipo di unità:

F

all'àncora

F

che ha manovrabilità limitata

V

che è condizionata dalla propria immersione

.

Risposte

BASE n. 38 - In figura sono rappresentate due unità a motore. Quale ha la precedenza?

V

L'unità A accosta a dritta e passa a poppa della B

F

L'unità B accosta a dritta e passa a poppa della A

F

Accostano a dritta entrambe

Risposte

BASE n. 39 - In quali porti bisogna dare la precedenza alle unità che escono su quelle che entrano?

V

In tutti, eccetto Brindisi.

F

In nessun porto.

F

In tutti, eccetto Portoferraio.

.

Risposte

BASE n. 40 - Come si comportano due navi a propulsione meccanica che si trovano in situazione di rotte incrociate, con rischio di abbordaggio?

V

La nave A accosta, passando di poppa a B

F

La nave B accosta, passando di poppa ad A

F

La nave B accosta a dritta fino a che A non la supera, poi ritorna in rotta

Risposte

BASE n. 41 - Come si devono comportare due navi a propulsione meccanica che si trovano in situazione di rotte opposte con rischio di abbordaggio?

V

Accostano entrambe a dritta

F

Accostano entrambe dallo stesso lato

F

La nave più piccola rallenta e cede il passo

Risposte

BASE n. 42 - Come devono comportarsi due unità che, navigando in acque interne, procedono con rotte opposte in un passaggio stretto?

F

L'unità più veloce e manovriera lascia libera la rotta all'altra

F

L'unita che naviga con la corrente in poppa manovra e cede il passo all'unità che procede contro corrente

V

L'unità che ha la corrente di prua cede il passo all'unità che procede con la corrente di poppa

.

Risposte

BASE n. 43 - Nella situazione illustrata in figura, quale unità ha il diritto di precedenza?

F

L'unità A ha la precedenza su quelle B e C

F

L'unità B, essendo a vela, ha la precedenza su quelle A e C

V

L'unità C ha la precedenza su quelle A e B; l'unità A ha la precedenza su quella B

Risposte

BASE n. 44 - Come dovrà comportarsi una nave che non deve manovrare?

V

Mantenere invariate, per quanto possibile, rotta e velocità

F

Fermare le macchine

F

Rallentare

.

Risposte

BASE n. 45 - Una barca, in vista di un peschereccio con rete a strascico:

F

deve rallentare

V

deve dare la precedenza e tenersi a debita distanza

F

deve fermarsi

.

Risposte

BASE n. 46 - Due navi in vista l'una dell'altra devono reciprocamente manovrare nei seguenti casi:

F

quando l'unità raggiunta viene avvicinata dall'altra con rotta raggiungente

V

quando si vedono esattamente di prua

F

quando, sul proprio lato di dritta, un'unità vede il lato di dritta dell'altra

.

Risposte

BASE n. 47 - Una nave intenta alla pesca deve lasciare libera la rotta:

F

A una nave a vela senza motore ausiliario

F

A una nave a motore in normale navigazione che l'avvicini con rotta raggiungente

V

A una nave condizionata dalla propria immersione

.

Risposte

BASE n. 48 - Una nave a vela ha diritto di precedenza:

F

su qualsiasi nave a vela che abbia mure a dritta

V

su qualsiasi nave a motore in navigazione normale

F

su una nave a motore con difficoltà di manovra, che le mostri il lato di dritta

.

Risposte

BASE n. 49 - Una nave raggiunta va passata:

F

sul lato di dritta

F

sul lato di babordo

V

indifferentemente da ambo i lati

.

Risposte

BASE n. 50 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

V

Regolare la velocità nel rispetto delle norme e dell'ambiente circostante

V

Non gareggiare in velocità

F

Mantenere invariata la velocità in caso di rotta di collisione con unità proveniente da sinistra che non dia il passo

.

Risposte

BASE n. 51 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

F

Attenersi solo ed esclusivamente ai limiti previsti

V

Ridurre la velocità in caso di obbligo di precedenza ed accostare a dritta

F

Regolare la velocità in acque ristrette in base all'apparato motore

.

Risposte

BASE n. 52 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

V

Ridurre la velocità in caso di dubbio nel sorpasso in canali stretti previo uso dei segnali sonori

V

Ridurre la velocità in navigazione fluviale in curve o in tratti con visibilità ridotta

V

Ridurre la velocità all'ingresso di un porto per dare la precedenza a chi ne esce

.

Risposte

BASE n. 53 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

F

Mantenere invariata la velocità in caso di rotta di collisione con un'unità proveniente da sinistra che non dia il passo

V

Ridurre la velocità in caso di rotta di collisione ed in caso accostare a dritta

F

Attenersi solo ed esclusivamente ai limiti previsti

.

Risposte

BASE n. 54 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

V

Non gareggiare in velocità

F

Navigare entro 3 nodi, se su un motoscafo si conduce in posizione seduta o comunque non si ha una buona visibilità

F

Nei corridoi d'atterraggio mantenere comunque la velocità prevista anche in caso di presenza di bagnanti

.

Risposte

BASE n. 55 - In merito alla sicurezza della navigazione e per prevenire gli abbordi in mare, cos'è opportuno fare?

F

Mantenere invariata la velocità prevista in caso di rotta di collisione con un'unità proveniente da dritta

V

Regolare la velocità nel rispetto della norma e dell'ambiente circostante

F

Navigare entro 3 nodi, se su un motoscafo si conduce in posizione seduta o comunque non si ha una buona visibilità

.

Risposte

BASE n. 56 - Nella navigazione delle unità da diporto in acque ristrette o comunque in prossimità della costa:

F

la velocità è indipendente dal campo visivo

V

bisogna mantenere una velocità ridotta e rispettosa dell'ambiente circostante

F

non si devono mai superare i 2 nodi

.

Risposte

BASE n. 57 - Nella navigazione delle unità da diporto in prossimità della costa:

F

Si naviga sempre a 10 nodi e in dislocamento

F

Si tiene la velocità di 10 nodi entro 1000 metri dalla costa rocciosa e 3 nodi nei porti in navigazione semiplanante

V

Si riduce la velocità e occorre accertarsi di avere una buona visibilità in prossimità del settore oscuro di prua

.

Risposte

BASE n. 58 - Nella navigazione delle unità da diporto in acque ristrette o comunque in prossimità della costa:

V

si governa possibilmente in piedi a velocità ridotta

V

si deve essere pronti a fermare i motori in caso di pericolo

F

non si deve ridurre la velocità, se il campo visivo è libero

.

Risposte

BASE n. 59 - Nella navigazione delle unità da diporto in acque ristrette o comunque in prossimità della costa:

F

la velocità deve essere di 10 nodi

V

si deve essere pronti a fermare i motori in caso di pericolo

V

si assume una condotta cautelativa con velocità nei limiti e comunque vigilando eventuali pericoli

.

Risposte

BASE n. 60 - Le norme per comunicare tra navi sono contenute:

V

Per talune fattispecie nelle norme per prevenire gli abbordi in mare

V

nel codice internazionale dei segnali

F

nel codice della Marina Italiana

.

Risposte

BASE n. 61 - A quale distanza ci si deve tenere, se si avvista un segnale galleggiante provvisto di bandierina rossa con striscia diagonale bianca?

F

Oltre 1 miglio

V

Non meno di 100 metri

F

Dipende dal regolamento sugli accosti della locale Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 62 - Una draga intenta a lavorare è considerata:

V

una nave con manovrabilità limitata

F

una nave che non governa

F

un rimorchiatore

.

Risposte

BASE n. 63 - Nella situazione illustrata in figura, quale unità ha diritto di precedenza?

F

L'unità A

V

L'unità B

F

L'unità C

Risposte

BASE n. 64 - Il fanale in testa d'albero di un'unità a motore ha un settore di visibilità di:

F

135° verso poppa

V

225° verso prua

F

125° verso prua

.

Risposte

BASE n. 65 - I fanali laterali hanno un settore di visibilità di:

F

125°

V

112°30'

F

135°

.

Risposte

BASE n. 66 - Quanto è ampio il settore oscurato del fanale di coronamento?

F

135°

F

60°

V

225°

.

Risposte

BASE n. 67 - Il secondo fanale in testa d'albero di una nave di lunghezza superiore a 50 metri ha un settore di visibilità di:

F

225° verso poppa

V

225° verso prua

F

135° verso prua

.

Risposte

BASE n. 68 - In navigazione notturna, il fascio luminoso del fanale di poppa deve avere un'ampiezza di:

F

158°

V

135°

F

112°5'

.

Risposte

BASE n. 69 - Riguardo ai settori di visibilità di fari e fanali:

V

possono esservi settori occultati da ostacoli naturali

V

i rilevamenti che indicano i settori sono visti dal largo

V

la descrizione dei settori di visibilità di un faro è riportata sull'Elenco dei fari

.

Risposte

BASE n. 70 - Riguardo alla portata di un segnalamento luminoso:

V

la portata geografica dipende dalle altezze della lanterna e dell'osservatore sul mare

V

se la portata geografica è inferiore a quella luminosa, si vede prima il fascio spazzare l'orizzonte

F

sull'Elenco dei fari è riportata normalmente la portata geografica

.

Risposte

BASE n. 71 - Qual è la definizione di portata nominale?

F

La massima distanza alla quale è visibile la luce

V

la portata luminosa in un'atmosfera omogenea con visibilità meteorologica di 10 miglia

F

La distanza d'avvistamento della sorgente luminosa in funzione della curvatura terrestre

.

Risposte

BASE n. 72 - Quanto è ampio il settore oscurato del fanale di testa d'albero?

V

135°

F

22°5'

F

60°

.

Risposte

BASE n. 73 - Quanto è ampio il settore di visibilità di ciascun fanale laterale?

V

112,5°

F

90°

F

180°

.

Risposte

BASE n. 74 - Riguardo alla portata di un segnalamento luminoso:

V

la portata geografica dipende dalle altezze della lanterna e dell'osservatore sul mare

V

la portata nominale è quella luminosa, misurata con una visibilità meteorologica di 10 miglia

V

se la portata luminosa è inferiore a quella geografica, si avvista la luce sopra l'orizzonte

.

Risposte

BASE n. 75 - Nell'emissione luminosa di un segnalamento luminoso:

F

la portata nominale è la massima distanza d'avvistamento in funzione della curvature terrestre

F

Z è l'abbreviazione internazionale dell'emissione fissa

F

l'emissione è fissa quando l'eclisse ha una durata minore della luce

.

Risposte

BASE n. 76 - Tra i segnalamenti ottici diurni:

F

I dromi sono galleggianti parallelepipedi, spesso muniti di miraglio

V

il miraglio è una struttura metallica che aggiunge indicazioni alla boa o alla meda

V

i gavitelli sono piccoli galleggianti, per segnalazioni temporanee

.

Risposte

BASE n. 77 - Qual è il settore di visibilità del fanale di testa d'albero?

F

135°

F

360°

V

225°

.

Risposte

BASE n. 78 - La somma dei settori dei fanali di via è uguale a:

V

360°

F

225°

F

112°30'

.

Risposte

BASE n. 79 - Il fanale visibile per tutto l'arco dell'orizzonte ha un settore di:

F

225°

V

360°

F

135°

.

Risposte

BASE n. 80 - Il fanale laterale di un'imbarcazione ha un settore di:

F

225°

V

112°30'

F

135°

.

Risposte

BASE n. 81 - I fanali facoltativi rosso e verde di un'imbarcazione a vela hanno un settore di:

F

112°30'

V

360°

F

225°

.

Risposte

BASE n. 82 - Nell'emissione luminosa di un segnalamento luminoso:

F

la portata nominale è la massima distanza di avvistamento in funzione della curvatura terrestre

F

W è l'abbreviazione internazionale dell'emissione fissa

F

l'emissione è fissa quando l'eclisse ha una durata minore della luce

.

Risposte

BASE n. 83 - Tra i segnalamenti ottici diurni:

F

I dromi sono galleggianti parallelepipedi, spesso muniti di miraglio

F

Le mede sono aste piazzate sui promontori come punti cospicui

V

I gavitelli sono piccoli galleggianti, per segnalazioni temporanee

.

Risposte

BASE n. 84 - Tra i segnalamenti ottici diurni:

V

le boe sono galleggianti di forma varia, spesso muniti di miraglio

F

le boe sono ancorate su scogli affioranti, dei quali indicano la posizione

F

i dromi sono galleggianti parallelepipedi, spesso muniti di miraglio

.

Risposte

BASE n. 85 - Riguardo alla portata di un segnalamento luminoso:

F

sull'Elenco dei fari è indicata la portata luminosa, se inferiore a quella nominale

V

la portata nominale coincide con quella luminosa, misurata con una visibilità meteorologica di 10 miglia

V

se la portata luminosa è inferiore a quella geografica, si avvista la luce sopra l'orizzonte

.

Risposte

BASE n. 86 - Nell'emissione luminosa di un segnalamento luminoso:

F

la portata nominale è la massima distanza d'avvistamento in funzione della curvatura terrestre

F

Q è l'abbreviazione internazionale dell'emissione fissa

F

l'emissione è fissa quando l'eclisse ha una durata minore della luce

.

Risposte

BASE n. 87 - Tra i segnalamenti ottici diurni:

V

Le boe sono galleggianti di forma varia, spesso munite di miraglio

F

Le boe sono ancorate su scogli affioranti, dei quali indicano la posizione

V

il miraglio è una struttura metallica che aggiunge indicazioni alla boa o alla meda

.

Risposte

BASE n. 88 - Quando un fanale è visibile per 360° gradi si dice che è:

F

una luce semi-circolare

V

visibile a giro d'orizzonte

F

un faro

.

Risposte

BASE n. 89 - Dove sono indicate le caratteristiche dei nautofoni (segnali sonori)?

V

Nell'Elenco dei fari e dei segnali da nebbia

F

Nelle norme per prevenire gli abbordi in mare

F

Nelle regole generali di navigazione

.

Risposte

BASE n. 90 - Qual è la portata dei fanali laterali di una nave di lunghezza inferiore ai 50 metri?

V

2 miglia

F

10 miglia

F

6 miglia

.

Risposte

BASE n. 91 - La portata dei fanali di via di un'unità di lunghezza inferiore ai 50 metri è di:

F

8 miglia

V

2 miglia

F

5 miglia

.

Risposte

BASE n. 92 - Nell'Elenco dei fari e fanali, i fari sono elencati in ordine:

F

alfabetico

F

di importanza

V

geografico

.

Risposte

BASE n. 93 - La portata dei fanali laterali delle navi di lunghezza inferiore ai 50 metri è:

F

1 miglio

V

2 miglia

F

8 miglia

.

Risposte

BASE n. 94 - Riguardo alla portata di un segnalamento luminoso:

F

sull'Elenco dei fari è riportata la portata luminosa, se inferiore a quella nominale

F

sull'Elenco dei fari è riportata normalmente la portata geografica

V

la portata geografica dipende dalle altezze della lanterna e dell'osservatore sul mare

.

Risposte

BASE n. 95 - Qual è il settore di visibilità del fanale di testa d'albero?

F

90°

F

180°

F

360°

.

Risposte

BASE n. 96 - Il fanale laterale di un'imbarcazione ha un settore di:

V

112°30'

F

135°

F

152°50'

.

Risposte

BASE n. 97 - Una meda è:

F

una boa

V

una costruzione o un palo emergente vincolato al fondo del mare

F

un tipo di faro

.

Risposte

BASE n. 98 - Un gavitello è:

F

un pontile galleggiante

F

un sub in immersione

V

un tipo di boa

.

Risposte

BASE n. 99 - L'Elenco dei fari e segnali da nebbia:

V

riporta ubicazione, descrizione e caratteristiche dei segnali luminosi e sonori delle coste del Mediterraneo

F

è il fascicolo periodico contenente dati, inserti e pagine sostitutive per l'aggiornamento delle carte e delle pubblicazioni nautiche

F

fornisce ogni notizia necessaria alla navigazione come descrizione della costa, pericoli, aspetto dei fari, fanali, servizi portuali, boe

.

Risposte

BASE n. 100 - L'espressione "suono breve" designa un suono della durata di:

F

circa 5 secondi

V

circa 1 secondo

F

circa 3 secondi

.

Risposte

BASE n. 101 - L'espressione "suono prolungato" designa un suono della durata di:

F

circa 15 secondi

V

da 4 a 6 secondi

F

da 6 a 10 secondi

.

Risposte

BASE n. 102 - L'arco di visibilità complessivo del fanale di coronamento e del fanale di testa d'albero è di:

F

306°

F

225°

V

360°

.

Risposte

BASE n. 103 - Qual è la definizione di portata geografica?

F

La massima distanza alla quale è visibile la luce

F

La portata luminosa in un'atmosfera omogenea con visibilità meteorologica di 10 miglia

V

La distanza d'avvistamento della sorgente luminosa in funzione della curvatura terrestre

.

Risposte

BASE n. 104 - Qual è la definizione di portata luminosa?

V

La massima distanza alla quale è visibile la luce.

F

La portata luminosa in un'atmosfera omogenea con visibilità meteorologica di 10 miglia

F

La distanza d'avvistamento della sorgente luminosa in funzione della curvatura terrestre

.

Risposte

BASE n. 105 - Cos'è la portata geografica di un faro?

F

La distanza alla quale si avvista un faro in caso di nebbia

F

La distanza alla quale la luce del faro può essere vista da un occhio normale

V

La distanza alla quale la luce di un faro può essere vista in relazione alla curvatura della Terra e all'altezza dell'osservatore

.

Risposte

BASE n. 106 - La distanza massima alla quale si vede un faro di notte:

V

è la portata luminosa

F

è al massimo di 2 miglia

F

è pari all'altezza del faro moltiplicata per 30

.

Risposte

BASE n. 107 - Qual è la definizione di portata geografica?

F

La massima distanza alla quale è visibile la luce

F

La portata luminosa in un'atmosfera omogenea con visibilità meteorologica di 15 miglia

V

La distanza d'avvistamento della sorgente luminosa in funzione della sua altezza e della curvatura terrestre

.

Risposte

BASE n. 108 - Quale segnale visivo mostra una nave all'àncora di giorno?

V

1 pallone nero

F

1 cono a prua con il vertice in alto

F

1 cilindro a prua

.

Risposte

BASE n. 109 - Di giorno un dragamine in operazione cosa mostra?

F

3 palloni neri in verticale

F

3 palloni neri in orizzontale

V

3 palloni neri disposti a triangolo

.

Risposte

BASE n. 110 - Di che colore è la luce del fanale di poppavia di un'unità a rimorchio?

F

Giallo

V

Bianco

F

Rosso

.

Risposte

BASE n. 111 - Quali fanali deve mostrare un'unità da diporto a motore, di lunghezza inferiore a 50 metri, in navigazione notturna?

F

Testa d'albero bianco; rosso a dritta; verde a sinistra; poppa bianco

V

Testa d'albero bianco; verde a dritta; rosso a sinistra; poppa bianco

F

Testa d'albero rosso; bianco a dritta; verde a sinistra; poppa rosso

.

Risposte

BASE n. 112 - Quale nave mostra un fanale supplementare a luce gialla lampeggiante con un settore di visibilità di 360°?

V

Una nave a cuscino d'aria o aliscafo

F

Una nave intenta a dragare

F

Un idrovolante

.

Risposte

BASE n. 113 - Per quali unità da diporto sono obbligatori i fanali regolamentari di navigazione?

F

Per tutte le unità da diporto indipendentemente dal tipo di navigazione effettuata

V

Per le unità da diporto in navigazione oltre 1 miglio dalla costa

F

Per le unità da diporto in navigazione entro 1 miglio dalla costa

.

Risposte

BASE n. 114 - Cosa mostra di giorno una nave che non governa?

F

1 cilindro

F

3 palloni neri in verticale

V

2 palloni neri in verticale

.

Risposte

BASE n. 115 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari hanno la luce visibile a grande distanza

F

i fanali hanno la luce normalmente bianca

F

i fari hanno la lanterna collocata normalmente a metà della loro altezza

.

Risposte

BASE n. 116 - Cosa sono i fanali?

F

Impianti di illuminazione fissa dei porti o delle piattaforme petrolifere

V

sorgenti luminose che segnalano entrate dei porti, boe, pericoli, canali navigabili, piattaforme, ecc.

F

sorgenti luminose capaci di essere rilevate sempre anche dai radar

.

Risposte

BASE n. 117 - Quale nave mostra un fanale giallo sopra uno bianco come indicato in figura?

V

Una nave che rimorchia, vista di poppa

F

un dragamine

F

una nave pilota

Risposte

BASE n. 118 - Se di notte appaiono i fanali illustrati in figura, quale nave stiamo incontrando?

V

Una nave che pesca a strascico di lunghezza superiore a 51 metri che mostra il lato sinistro

F

Una nave incagliata

F

Una nave intenta a dragare

Risposte

BASE n. 119 - Quale nave può mostrare, di notte, i fanali illustrati in figura?

V

Una nave a vela in navigazione, che mostra il suo lato sinistro

F

Una nave che pesca a strascico, che mostra il suo lato sinistro

F

Una nave intenta a dragare, che mostra il suo lato sinistro

Risposte

BASE n. 120 - Se di notte ci appaiono i fanali illustrati in figura, che tipo di nave stiamo incrociando?

V

Un'unità a vela vista da poppa, che mostra i fanali facoltativi

F

Un'unità da pesca

F

Un'unità a vela in manovra

Risposte

BASE n. 121 - Se di notte appaiono i fanali illustrati in figura, che tipo di nave stiamo incrociando?

V

Un'unità a vela vista di prua, che mostra i fanali facoltativi

F

Un'unità da pesca intenta a pescare a strascico

F

Una draga ferma

Risposte

BASE n. 122 - I fanali regolamentari sono obbligatori:

F

nel caso in cui l'unità superi i 12 metri di lunghezza, qualunque sia la sua abilitazione

V

in ogni caso, se l'unità viene impiegata in ore notturne

F

solo per le navi e le imbarcazioni

.

Risposte

BASE n. 123 - Che colore deve avere il fanale di testa d'albero?

V

Bianco

F

Giallo

F

Rosso

.

Risposte

BASE n. 124 - Quale tipo di nave mostra un fanale giallo fisso al di sopra del fanale bianco di poppa?

F

Una nave a cuscino d'aria vista di poppa

F

Una nave impegnata nella posa di cavi sottomarini, vista di poppa

V

Una nave che rimorchia vista di poppa

.

Risposte

BASE n. 125 - Quale nave mostra i fanali illustrati in figura?

V

Una nave impegnata nel dragaggio di mine, con abbrivo, vista di prua

F

Una nave impegnata nella pesca a strascico, vista di prua

F

Una nave impegnata in lavori subacquei

Risposte

BASE n. 126 - Riguardo alla luce emessa da fari e fanali:

V

un segnalamento può emettere luci variamente colorate per diversi settori di visibilità

V

la luce rossa IALA (regione A) viene impiegata per segnalare il lato sinistro delle imboccature dei porti

F

La luce verde viene impiegata per segnalare il diritto di precedenza nei canali navigabili.

.

Risposte

BASE n. 127 - Riguardo alla luce emessa da fari e fanali:

V

nelle carte internazionali la luce verde viene indicata con la lettera G

F

nell'abbreviazione internazionale la luce bianca viene indicata con la lettera Y

V

la luce rossa IALA (regione A) viene impiegata per segnalare il lato sinistro delle imboccature dei porti

.

Risposte

BASE n. 128 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari servono a riconoscere un tratto di costa

V

i fanali segnalano normalmente l'imboccatura dei porti

F

i fanali hanno normalmente la luce bianca

.

Risposte

BASE n. 129 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

F

i fanali hanno una luce di grande portata, generalmente superiore alle 10 miglia

F

i fari segnalano generalmente le testate dei moli

V

i fanali hanno la lanterna collocata su piccoli tralicci o altri supporti

.

Risposte

BASE n. 130 - Quanti fanali di testa d'albero mostra una nave a propulsione meccanica lunga 180 metri?

V

2

F

3

F

1

.

Risposte

BASE n. 131 - La differenza di quota fra i fanali di testa d'albero di nave di lunghezza superiore a 50 metri è di:

F

2 metri

F

1 metro

V

4,5 metri

.

Risposte

BASE n. 132 - Il segnale di pericolo isolato ha:

V

2 miragli sferici neri

F

1 miraglio sferico rosso

F

1 miraglio sferico nero

.

Risposte

BASE n. 133 - Una nave che usa campana e gong è più lunga di:

F

50 metri

V

100 metri

F

200 metri

.

Risposte

BASE n. 134 - La campana da nebbia è obbligatoria per le unità di lunghezza superiore a:

V

12 metri

F

24 metri

F

10 metri

.

Risposte

BASE n. 135 - I segnali di sponda nella navigazione fluviale sono:

V

4

F

2

F

5

.

Risposte

BASE n. 136 - La differenza tra faro e fanale è:

F

il fanale ha solitamente una portata superiore a 10 miglia

V

il faro ha solitamente una portata superiore a 10 miglia

F

il faro ha solitamente una portata inferiore a 10 miglia

.

Risposte

BASE n. 137 - Una nave con solo 2 fanali rossi visibili a 360° allineati verticalmente è:

F

una nave ferma

V

una nave che non governa senza abbrivo

F

una nave che sta cambiando rotta

.

Risposte

BASE n. 138 - Se vedo una luce verde in mare:

F

è una barca a vela che viene da dritta

V

è una barca a vela che mostra il suo lato di dritta

F

è una barca a vela in manovra

.

Risposte

BASE n. 139 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari servono a riconoscere un tratto di costa

F

i fari segnalano le testate dei moli

V

i fanali hanno la lanterna collocata su piccoli tralicci

.

Risposte

BASE n. 140 - Se navigando di giorno vediamo una nave che mostra:

F

pallone, rombo, pallone: si tratta di una nave condizionata dal proprio pescaggio

F

1 cilindro: si tratta di una nave con difficoltà di manovra

V

2 palloni in verticale: si tratta di una nave che non governa

.

Risposte

BASE n. 141 - Riguardo alla luce emessa da fari e fanali:

V

un segnalamento può emettere luci variamente colorate per diversi settori di visibilità

F

nell'abbreviazione internazionale la luce verde viene indicata con la lettera Y

F

la luce verde viene impiegata per segnalare il diritto di precedenza nei canali navigabili

.

Risposte

BASE n. 142 - Riguardo alla luce emessa da fari e fanali:

V

il settore rosso viene impiegato per segnalare zone pericolose

F

nell'abbreviazione internazionale la luce bianca viene indicata con la lettera Y

V

La luce rossa IALA (regione A) viene impiegata per segnalare il lato sinistro delle imboccature dei porti in entrata

.

Risposte

BASE n. 143 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari servono a riconoscere un tratto di costa

V

i fanali segnalano l'imboccatura dei porti

F

i fari hanno la lanterna sistemata su dromi o mede

.

Risposte

BASE n. 144 - Un rimorchiatore con convoglio superiore ai 200 metri, oltre ai fanali di via e di poppa, deve avere:

V

3 fanali bianchi in testa d'albero

F

2 fanali bianchi in testa d'albero e 2 fanali gialli

F

1 fanale bianco in testa d'albero e 3 fanali gialli

.

Risposte

BASE n. 145 - Una nave rimorchiata:

F

ha 2 luci rosse accese

V

ha accese le luci di via e di coronamento

F

ha accesa solo la luce di coronamento

.

Risposte

BASE n. 146 - Un peschereccio che non sta pescando ma è in navigazione mostra:

V

le luci di una nave normale in navigazione

F

luci gialle e rosse lampeggianti

F

luce verde fissa

.

Risposte

BASE n. 147 - Il fanale di poppa di una nave rimorchiata è:

F

bianco sotto e giallo sopra

F

giallo

V

bianco

.

Risposte

BASE n. 148 - I fanali di navigazione vengono accesi:

V

al tramonto ed in condizioni di scarsa visibilità

F

sempre

F

solo di notte

.

Risposte

BASE n. 149 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari servono a riconoscere un tratto di costa

V

i fanali hanno la lanterna collocata su piccoli tralicci o altri supporti

F

i fanali emettono luce unicamente bianca

.

Risposte

BASE n. 150 - Riguardo alla luce emessa da fari e fanali:

V

la luce verde viene indicata nell'abbreviazione internazionale con lettera G

F

nell'abbreviazione internazionale la luce bianca viene indicata con la lettera Y

F

La luce verde viene impiegata per segnalare il diritto di precedenza nei canali navigabili

.

Risposte

BASE n. 151 - Una nave di lunghezza inferiore a 100 metri, all'àncora, con nebbia emette:

F

2 fischi lunghi ogni minuto

F

3 suoni di campana a prua ogni minuto

F

1 fischio lungo e 1 suono di campana a prua ogni minuto

.

Risposte

BASE n. 152 - Cosa deve mostrare un'imbarcazione all'àncora?

F

2 palloni neri

F

3 palloni neri

V

1 pallone nero

.

Risposte

BASE n. 153 - Cosa indica, in caso di nebbia, un suono lungo?

V

Un'unità a motore in navigazione con abbrivo

F

Un'unità che viene rimorchiata

F

Un'unità intenta nella pesca a strascico

.

Risposte

BASE n. 154 - Una nave lunga 100 metri, alla fonda di giorno, mostra:

F

2 palloni neri

V

1 pallone nero

F

3 palloni neri

.

Risposte

BASE n. 155 - I segnali che emettono le navi in caso di nebbia sono elencati:

F

nell'Elenco dei fari e dei segnali da nebbia

V

nelle norme per prevenire gli abbordi in mare

F

nel libro di bordo

.

Risposte

BASE n. 156 - Qual è la pausa massima nei segnali emessi da una nave, in navigazione con abbrivo, in caso di nebbia?

F

Mezzo minuto

V

2 minuti

F

5 minuti

.

Risposte

BASE n. 157 - Quali segnali sonori deve emettere in caso di nebbia una nave a motore in navigazione con abbrivo?

F

2 fischi lunghi ogni 2 minuti

V

1 fischio lungo ogni 2 minuti

F

2 fischi brevi ogni 2 minuti

.

Risposte

BASE n. 158 - Di che colore è una meda che indica pericolo isolato?

F

Di colore rosso

V

Di colore nero con una o più bande orizzontali rosse

F

Di colore giallo con una banda nera

.

Risposte

BASE n. 159 - Un aereo che lancia razzi a luce verde:

F

ordina di allontanarsi, perché sta cadendo in mare per un'avaria

F

ordina di allontanarsi, perché la zona è pericolosa

V

ha un importante messaggio da trasmettervi via radio

.

Risposte

BASE n. 160 - Una nave che emette 1 segnale breve vuole comunicare:

V

che sta accostando a dritta

F

che sta accostando a sinistra

F

che sta effettuando un sorpasso

.

Risposte

BASE n. 161 - Una nave che emette 3 segnali brevi vuole comunicare:

F

che sta accostando a sinistra

F

che sta accostando a destra

V

che sta andando con le macchine indietro

.

Risposte

BASE n. 162 - Con nebbia, una nave con macchine ferme e senza abbrivo deve emettere:

F

1 suono lungo ogni minuto

F

2 suoni brevi ed 1 lungo ogni due minuti

V

2 suoni lunghi ogni due minuti

.

Risposte

BASE n. 163 - In caso di improvvisa scarsa visibilità, navigando con un unità a motore:

F

ci si deve fermare

V

si rallenta, si accendono le luci e si emettono i segnali prescritti

V

si emette un segnale acustico lungo, ogni 2 minuti

.

Risposte

BASE n. 164 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

F

2 suoni brevi per segnalare che sta accostando a dritta

V

2 suoni lunghi e 2 suoni brevi per segnalare che intende sorpassare sulla sinistra in canale stretto

F

4 suoni brevi ogni 5 minuti se si tratta di nave a motore con abbrivo nella nebbia

.

Risposte

BASE n. 165 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

V

1 suono lungo e 2 brevi ogni due minuti, se trattasi di nave con difficoltà di manovra in condizioni di nebbia

F

2 suoni brevi per segnalare che sta accostando a dritta

F

1 suono breve, per segnalare la propria presenza a un'altra unità

.

Risposte

BASE n. 166 - 2 fischi lunghi nella nebbia segnalano:

F

una nave con abbrivo

V

una nave senza abbrivo

F

una nave in manovra

.

Risposte

BASE n. 167 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

F

1 suono breve, per segnalare la propria presenza a un'altra unità

F

2 suoni brevi, per segnalare che sta accostando a dritta

F

3 suoni brevi, per segnalare che sta accostando a sinistra

.

Risposte

BASE n. 168 - Di notte la presenza di un subacqueo va segnalata con:

F

1 fanale giallo fisso

V

1 fanale giallo intermittente

F

1 fanale rosso intermittente

.

Risposte

BASE n. 169 - Di giorno la presenza di un subacqueo in acque nazionali va segnalata con:

F

1 boa con bandiera rossa

F

1 boa con una bandiera gialla

V

1 galleggiante con 1 bandiera rossa con striscia diagonale bianca

.

Risposte

BASE n. 170 - La lettera A del codice internazionale dei segnali posta a riva indica:

F

che si sta salpando l'àncora

V

un palombaro in immersione

F

una nave in manovra

.

Risposte

BASE n. 171 - Un subacqueo in immersione notturna deve essere segnalato da:

V

1 luce gialla lampeggiante visibile a 360°

F

1 luce rossa visibile a 360°

F

1 luce verde visibile a 360°

.

Risposte

BASE n. 172 - Come segnala un'accostata a sinistra una nave a propulsione meccanica in navigazione?

V

Con 2 suoni brevi emessi con il fischio

F

Con 1 suono breve ed 1 lungo emessi con il fischio

F

Con 2 suoni lunghi emessi con il fischio

.

Risposte

BASE n. 173 - Una nave raggiungente che emette 2 segnali lunghi e 2 brevi:

V

segnala all'unità raggiunta che intende superarla sulla sinistra

F

segnala all'unità raggiunta che intende superarla sulla destra

F

segnala all'unità raggiunta che non intende superarla

.

Risposte

BASE n. 174 - Come segnala un'accostata a dritta una nave a propulsione meccanica in navigazione?

V

Con 1 suono breve emesso con un fischio

F

Con 2 suoni brevi emessi con il fischio

F

Con 1 suono breve ed 1 prolungato emessi con il fischio

.

Risposte

BASE n. 175 - Una nave che emette 2 segnali brevi vuole comunicare:

V

che sta accostando a sinistra

F

che sta accostando a destra

F

che sta andando con le macchine indietro

.

Risposte

BASE n. 176 - I segnali laterali del sistema IALA:

V

Delimitano i canali navigabili

F

In Europa prevedono segnali rossi a dritta per chi proviene dal largo

F

Negli USA prevedono segnali rossi a dritta per chi si dirige al largo

.

Risposte

BASE n. 177 - I segnali cardinali del sistema IALA:

V

Hanno la posizione dei colori giallo e nero che indica il punto cardinale di riferimento

V

Di notte emettono luce scintillante o scintillante a gruppi

F

Indicano, rispetto alla loro posizione, la zona di mare dove si effettuano operazioni belliche.

.

Risposte

BASE n. 178 - Un'unità che accosta a dritta emette:

V

1 fischio breve

F

2 fischi brevi

F

1 fischio lungo

.

Risposte

BASE n. 179 - Una nave a propulsione meccanica in abbrivo con scarsa visibilità emette:

F

2 suoni lunghi

V

1 suono lungo

F

3 suoni lunghi

.

Risposte

BASE n. 180 - Una nave che esce dal porto prossima ad un gomito emette:

V

1 suono prolungato

F

2 suoni prolungati

F

3 suoni prolungati

.

Risposte

BASE n. 181 - Un'imbarcazione che mette macchine indietro emette:

F

2 suoni brevi

V

3 suoni brevi

F

4 suoni brevi

.

Risposte

BASE n. 182 - Una bandiera rossa con una diagonale bianca indica:

V

un subacqueo in immersione

F

un guasto ai motori

F

un'emergenza medica a bordo

.

Risposte

BASE n. 183 - Nel sistema IALA (regione A) la colonnina di sinistra all'ingresso del porto è di colore:

F

giallo

V

rosso

F

a strisce gialle e rosse

.

Risposte

BASE n. 184 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

V

1 suono lungo e 2 brevi ogni due minuti, se è una nave a vela o naviga in condizioni particolari nella nebbia

V

2 suoni lunghi e 1 breve per segnalare che intende sorpassare sulla dritta in un canale ristretto

V

1 suono lungo ogni due minuti, se è una nave a motore con abbrivo nella nebbia

.

Risposte

BASE n. 185 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

F

3 suoni brevi per segnalare che sta accostando a sinistra

V

2 suoni lunghi e 1 breve per segnalare che intende sorpassare sulla dritta in un canale stretto

V

1 suono lungo ogni due minuti, se si tratta di nave a motore con abbrivo nella nebbia

.

Risposte

BASE n. 186 - Una nave emette i seguenti segnali sonori:

V

1 suono lungo e 2 brevi ogni due minuti, se è una nave a vela o naviga in condizioni particolari nella nebbia

V

sequenza di suoni di campana a prora ogni minuto, se è all'àncora nella nebbia

F

1 suono breve, per segnalare la propria presenza a un'altra unità

.

Risposte

BASE n. 187 - Una boa con miraglio formato da due coni uniti per il vertice segnala:

F

che si deve passare a nord della boa

F

che si deve passare a est della boa

V

che si deve passare a ovest della boa

Risposte

BASE n. 188 - Quale bandiera mostra di giorno la nave pilota?

V

La bandiera bianca e rossa (lettera H)

F

La bandiera bianca con il rombo rosso (lettera F)

F

La bandiera rossa (lettera B)

.

Risposte

BASE n. 189 - Una nave che espone la lettera A (blu e bianca) del codice internazionale segnala:

F

un'emergenza sanitaria a bordo

V

un subacqueo in immersione

F

cha ha problemi al timone e non è in grado di manovrare.

Risposte

BASE n. 190 - 1 fischio breve significa:

F

"Ho intenzione di sorpassarvi sul lato sinistro"

V

"Sto accostando a dritta"

F

"Sto accostando a sinistra"

.

Risposte

BASE n. 191 - La boetta fumogena arancione è un segnale:

V

diurno

F

notturno

F

da utilizzare solo in presenza di nebbia

.

Risposte

BASE n. 192 - Il segnale cardinale illustrato in figura indica:

F

passare ad est, perché il pericolo è ad ovest

F

passare a nord, perché il pericolo è a sud

V

passare ad ovest, perché il pericolo è ad est

Risposte

BASE n. 193 - Il segnale cardinale illustrato in figura indica:

V

passare ad est, perché il pericolo è ad ovest

F

passare a nord, perché il pericolo è a sud

F

passare ad ovest, perché il pericolo è ad est

Risposte

BASE n. 194 - La scala Beaufort indica

F

lo stato del mare

V

la forza del vento

F

la direzione del vento

.

Risposte

BASE n. 195 - Riguardo alla situazione meteorologica:

F

in genere quando il tempo peggiora, l'umidità diminuisce

V

il barometro serve a misurare la pressione dell'aria

F

sul barometro è più importante il valore istantaneo della pressione che la sua variazione

.

Risposte

BASE n. 196 - Riguardo alla situazione meteorologica:

V

del barometro interessa soprattutto la variazione della pressione nel tempo

F

in genere quando il tempo migliora, la temperatura aumenta

V

il termometro serve a misurare la temperatura dell'aria

.

Risposte

BASE n. 197 - La pressione barometrica media è:

F

1000 hPa

F

2003 hPa

V

1013 hPa

.

Risposte

BASE n. 198 - Riguardo alla situazione meteorologica:

V

l'igrometro serve a misurare l'umidità dell'aria

F

in genere quando il tempo migliora, la pressione diminuisce

V

il barografo è un barometro che registra il valore della pressione nel tempo

.

Risposte

BASE n. 199 - Riguardo alla situazione meteorologica:

V

l'igrometro serve a misurare l'umidità dell'aria

V

in genere quando il tempo migliora, la pressione aumenta

F

il barografo è un barometro che riporta il valore della pressione in punti diversi

.

Risposte

BASE n. 200 - 1020 hPa indicano un pressione:

V

alta

F

media

F

bassa

.

Risposte

BASE n. 201 - Aumentando l'altitudine la pressione atmosferica:

F

rimane invariata

F

aumenta

V

diminuisce

.

Risposte

BASE n. 202 - Il barometro aneroide:

F

ha quattro lancette

V

ha due lancette

F

ha una lancetta

.

Risposte

BASE n. 203 - La pressione di 960 hPa è:

V

una pressione bassa

F

la pressione normale

F

una pressione alta

.

Risposte

BASE n. 204 - A che serve la Scala Fahrenheit?

F

A misurare l'umidità relativa

V

A misurare la temperatura

F

A misurare l'umidità assoluta

.

Risposte

BASE n. 205 - La Scala Celsius è:

V

Una scala per misurare la temperatura

F

Una scala per misurare la copertura del cielo

F

Una scala per misurare la velocità del vento tra due isobare

.

Risposte

BASE n. 206 - il barografo:

F

ha due lancette

V

è uno strumento che registra, su carta, la pressione atmosferica nel tempo

V

ha un pennino scrivente

.

Risposte

BASE n. 207 - Quando spira la brezza di mare?

V

Di giorno

F

Di notte

F

Sempre

.

Risposte

BASE n. 208 - La brezza di terra è dovuta al:

V

rapido raffreddamento della terra rispetto al mare

F

riscaldamento della terra da parte del sole

F

raffreddamento del mare

.

Risposte

BASE n. 209 - I venti a regime di brezza:

V

dipendono dalla differenza di temperatura tra I'acqua del mare e la terra

F

sono più consistenti nelle giornate nuvolose

V

Di notte soffiano dalla terra verso il mare

.

Risposte

BASE n. 210 - I venti a regime di brezza:

V

Dipendono dal fatto che di giorno la terra si riscalda più velocemente del mare

F

Sono particolarmente significativi sulle coste delle piccole isole

F

dipendono dal fatto che di giorno la pressione è più alta sulla terra che sul mare

.

Risposte

BASE n. 211 - Cosa indica la scala Beaufort?

V

L'intensità del vento

F

Lo stato del mare

F

La visibilità

.

Risposte

BASE n. 212 - La velocità del vento si misura con:

F

Il grafometro

F

il termometro

V

l'anemometro

.

Risposte

BASE n. 213 - La scala Beaufort è graduata da:

F

1-10

V

0-12

F

0-10

.

Risposte

BASE n. 214 - La brezza di mare è determinata dal fatto che:

F

l'acqua del mare si riscalda e si raffredda più velocemente della terraferma

V

l'acqua del mare si riscalda e si raffredda più lentamente della terraferma

F

l'acqua del mare si riscalda più lentamente ma si raffredda più velocemente della terraferma

.

Risposte

BASE n. 215 - La scala Beaufort misura:

V

la forza del vento

F

l'altezza delle onde

F

la profondità del mare

.

Risposte

BASE n. 216 - I venti a regime di brezza:

F

Sono indicatori di condizioni generali di cattivo tempo

V

Di giorno soffiano dal mare verso la terra

V

Di notte soffiano dalla terra verso il mare

.

Risposte

BASE n. 217 - I venti a regime di brezza:

F

Sono indicatori di condizioni generali di cattivo tempo

V

Di giorno soffiano dal mare verso la terra

F

Dipendono dal fatto che di notte il mare si raffredda più velocemente della terra

.

Risposte

BASE n. 218 - La velocità del vento si può misurare:

F

Con il solcometro

F

dall'altezza delle onde

V

con l'anemometro

.

Risposte

BASE n. 219 - La brezza di terra spira:

F

di giorno

V

di notte

F

di giorno e di notte

.

Risposte

BASE n. 220 - I venti a regime di brezza:

V

Dipendono dal fatto che l'acqua del mare si riscalda e si raffredda più lentamente della terraferma

V

Di giorno soffiano dal mare verso la terra

V

Di notte soffiano dalla terra verso il mare

.

Risposte

BASE n. 221 - I venti a regime di brezza:

F

sono indicatori di condizioni generali di cattivo tempo

F

sono più consistenti nelle giornate nuvolose

F

sono particolarmente significativi sulle coste delle piccole isole

.

Risposte

BASE n. 222 - I venti a regime di brezza:

F

Dipendono dal fatto che l'acqua del mare si riscalda e si raffredda più velocemente della terraferma

V

Di notte soffiano dalla terra verso il mare

F

sono più consistenti nelle giornate nuvolose

.

Risposte

BASE n. 223 - Qual è la caratteristica principale di un barografo?

F

Essere un barometro elettronico

F

Essere un barometro che misura anche la velocità del vento

V

Essere un barometro scrivente

.

Risposte

BASE n. 224 - L'anemometro indica:

F

la direzione del vento

V

la velocità del vento

F

la durata del vento

.

Risposte

BASE n. 225 - L 'igrometro misura:

F

la salinità dell'acqua di mare

V

l'umidità

F

la temperatura

.

Risposte

BASE n. 226 - l'anemometro misura:

V

la velocità del vento

F

la velocità dell'imbarcazione

F

la pressione atmosferica

.

Risposte

BASE n. 227 - perché di giorno la brezza soffia dal mare?

V

perché la terra si scalda di più e più in fretta del mare

F

perché la terra si raffredda di più e più in fretta del mare

F

perché la terra e il mare raggiungono la stessa temperatura ed il vento spira dal mare

.

Risposte

BASE n. 228 - Che cos'è il fetch?

V

È il tratto di mare privo di ostacoli sul quale, per un certo periodo, soffia il vento

F

È il vento caldo e secco che discende da una catena montuosa

F

È una particolare condizione del mare caratterizzata da onde corte e ripide

.

Risposte

BASE n. 229 - quali sono gli elementi che originano i venti?

F

l'umidità e il gradiente termico verticale

V

i differenti valori di temperatura e pressione

F

instabilità e umidità dell'aria

.

Risposte

BASE n. 230 - in genere il tempo peggiora se:

V

la pressione diminuisce e la percentuale di umidità aumenta

F

la pressione diminuisce e la percentuale di umidità diminuisce

F

la pressione aumenta, l'umidità aumenta, la temperatura diminuisce

.

Risposte

BASE n. 231 - le brezze nascono...

V

quando ci sono escursioni termiche tra il giorno e la notte

F

solo nei caldi periodi estivi

F

solo nel periodo invernale

.

Risposte

BASE n. 232 - qual è la differenza tra nube e nebbia?

F

la nebbia è più pesante e più fitta della nube

F

la nube è più pesante e più fitta della nebbia

V

nessuna differenza:dipende dalla quota

.

Risposte

BASE n. 233 - Perché di notte la brezza soffia da terra?

F

Perché la terra si scalda di più e più in fretta del mare

V

Perché la terra si raffredda di più e più in fretta del mare

F

Perché la terra e il mare raggiungono la stessa temperatura

.

Risposte

BASE n. 234 - che cosa sono le nubi?

V

il prodotto della condensazione del vapore acqueo presente nell'aria

F

il prodotto dello smog sollevato da correnti ascensionali

F

il prodotto del mescolamento di due masse d'aria

.

Risposte

BASE n. 235 - Quali di questi venti non sono stagionali?

V

Cicloni

F

Monsoni

V

Alisei

.

Risposte

BASE n. 236 - in genere il tempo migliora se:

F

la pressione aumenta e la percentuale di umidità aumenta

F

la pressione diminuisce e la percentuale di umidità diminuisce

V

la pressione aumenta e la percentuale di umidità diminuisce

.

Risposte

BASE n. 237 - il vento fluisce sempre...

V

dalle zone di alta pressione verso quelle di bassa pressione

F

dalle zone di bassa pressione verso quelle di alta pressione

F

dalle zone centrali alle zone periferiche

.

Risposte

BASE n. 238 - Qual è la differenza tra millibar ed hectopascal?

F

Il millibar è uguale a 0,25 hectopascal

V

Nessuna

F

L'hectopascal è il doppio del millibar

.

Risposte

BASE n. 239 - Quali intervalli di tempo riguardano la previsione e la tendenza nel bollettino meteomar?

F

Previsione 12 o 18 ore, tendenza per le 24 ore successive all'ultima ora di validità della previsione

V

"Previsione 12 o 18 ore, tendenza per le 12 ore successive all'ultima ora di validità della previsione"

F

Previsione e tendenza per le 18 ore successive all'ultima ora di validità della previsione

.

Risposte

BASE n. 240 - Ogni quanto tempo viene trasmesso il bollettino meteomar?

F

Ogni 18 ore

F

Ogni 12 ore

V

Ogni 6 ore

.

Risposte

BASE n. 241 - Su quale canale viene diffuso il bollettino meteorologico Meteomar?

F

Canale VHF 78

F

Canale VHF 16 o 68

V

Canale VHF 68

.

Risposte

BASE n. 242 - Il Bollettino Meteomar contiene:

F

avvisi ai naviganti

F

osservazione stellare

V

Avvisi, situazione, previsioni e tendenze

.

Risposte

BASE n. 243 - Nel bollettino Meteomar è contenuta la tendenza generale del tempo?

V

si

F

no

F

si, ogni 15 giorni

.

Risposte

BASE n. 244 - Il bollettino meteorologico Meteomar:

V

viene trasmesso su canali VHF e frequenze MF fisse per ogni stazione costiera

F

utile per chi si trova a Livorno è quello relativo al Tirreno meridionale

V

viene trasmesso sia in italiano che in inglese

.

Risposte

BASE n. 245 - Il bollettino meteorologico Meteomar:

F

viene trasmesso sia in italiano che in francese

F

utile per chi si trova a Fiumicino è quello relativo al Mar di Sardegna

F

nella sezione "Avvisi" fornisce la descrizione della situazione meteorologica generale

.

Risposte

BASE n. 246 - il Bollettino Meteorologico Meteomar:

F

fornisce le previsioni per le 6 ore in corso

V

viene trasmesso su più canali e frequenze per ogni stazione costiera

F

viene trasmesso alle ore 01.35 - 07.35 - 13.35 - 19.35, ora locale

.

Risposte

BASE n. 247 - il Bollettino Meteorologico Meteomar:

F

viene trasmesso alle ore 01.35 - 05.35 - 10.35

V

viene trasmesso su più canali e frequenze per ogni stazione costiera

F

utile per chi si trova a Leuca è quello relativo al tirreno settentrionale

.

Risposte

BASE n. 248 - il Bollettino Meteorologico Meteomar:

V

Viene trasmesso su canali VHF e frequenze MF fisse per ogni stazione costiera

F

Utile per chi si trova a Capo Rizzuto è quello relativo al Tirreno Meridionale

F

nella sezione situazione fornisce notizie su temporali e burrasche

.

Risposte

BASE n. 249 - il Bollettino Meteorologico Meteomar:

V

Viene letto sia in italiano che in inglese

F

Utile per chi si trova a Livorno è quello relativo al Mar di Sardegna

F

Nella sezione Avvisi fornisce la descrizione della situazione meteorologica generale

.

Risposte

BASE n. 250 - Il bollettino meteorologico Meteomar:

V

fornisce le previsioni ogni 6 ore

F

utile per chi si trova a Calvi (Corsica) è quello relativo al Mar Ligure

F

viene trasmesso alle ore 01:35 - 05:35 - 10:35 - 19:35, ora locale

.

Risposte

BASE n. 251 - Il bollettino meteorologico Meteomar delle stazioni radio costiere:

V

comprende la situazione meteorologica generale

V

comprende le osservazioni meteorologiche costiere

F

non comprende la situazione meteorologica generale

.

Risposte

BASE n. 252 - Chi fa le previsioni meteorologiche per l'assistenza alla navigazione?

F

Le Capitanerie di porto

F

L'istituto Idrografico della Marina Militare

V

L'Aeronautica Militare

.

Risposte

BASE n. 253 - Chi trasmette i bollettini meteorologici Meteomar?

F

Le Capitanerie di porto

V

Le Stazioni Radiotelefoniche Costiere

F

Il Ministero delle comunicazioni

.

Risposte

BASE n. 254 - Con mare agitato l'altezza delle onde è?

F

10/11 metri

F

6/8 metri

V

3/4 metri

.

Risposte

BASE n. 255 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

V

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare stato 5 ha onde da 2,50 a 4 m

V

le onde si propagano nella direzione del vento generante

V

con vento dal largo il moto ondoso aumenta verso terra

.

Risposte

BASE n. 256 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

V

le onde sono un movimento oscillatorio dell'acqua provocato dalla pressione del vento

F

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare stato 2 ha onde da 0 a 0,10 m

F

con vento da terra il moto ondoso diminuisce verso il largo

.

Risposte

BASE n. 257 - La scala Douglas si articola da:

F

0-12

F

0-10

V

0-9

.

Risposte

BASE n. 258 - Qual è il maggior difetto di un motore a benzina rispetto ad un motore diesel?

F

Un'accelerazione più lenta

F

le vibrazioni generate in navigazione

V

I possibili inconvenienti di ordine elettrico

.

Risposte

BASE n. 259 - Come avviene l'accensione della miscela aria-combustibile nel motore diesel?

V

Il combustibile viene iniettato in camera di combustione, quando l'aria raggiunge temperature elevate per effetto della compressione, e si autoaccende

F

Attraverso le candelette

F

Con lo spinterogeno

.

Risposte

BASE n. 260 - Il ciclo di funzionamento di un motore:

V

può essere a 4 tempi sia per i motori a scoppio, sia per i motori diesel

F

se a 2 tempi, consiste in 4 andate-ritorno del pistone

F

può essere a 4 tempi solo per motori a 4 o 6 cilindri

.

Risposte

BASE n. 261 - Nel sistema di alimentazione di un motore marino:

V

se a scoppio-carburazione, l'aria e la benzina si miscelano prima di entrare nel cilindro

V

se diesel, esistono due pompe del carburante

F

i filtri del carburante esistono solo nel motore diesel

.

Risposte

BASE n. 262 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

V

le candele ricevono l'impulso elettrico dallo spinterogeno secondo l'ordine di scoppio del motore

V

se diesel non dotato di centraline elettroniche, una volta avviato il motore funziona anche staccando la batteria

F

la batteria è esclusa dal sistema di accensione

.

Risposte

BASE n. 263 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

V

La combustione della miscela avviene per surriscaldamento dell'aria compressa nel cilindro

V

Il combustibile viene iniettato direttamente nei cilindri

V

Può essere a iniezione indiretta, con precamera di combustione riscaldata da candelette

.

Risposte

BASE n. 264 - Il carburatore:

F

spinge il carburante nel cilindro

F

depura i gas di scarico

V

miscela aria e carburante

.

Risposte

BASE n. 265 - Il cattivo funzionamento degli iniettori si manifesta con:

F

surriscaldamento

V

fumo nero dallo scarico

V

aumento dei consumi di carburante

.

Risposte

BASE n. 266 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, sono possibili operazioni inerenti:

V

all'azionamento manuale della pompa di alimentazione

F

all'azionamento manuale della pompa d'iniezione

F

alla lubrificazione degli iniettori

.

Risposte

BASE n. 267 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, sono possibili operazioni inerenti:

V

all'azionamento manuale della pompa di alimentazione

F

all'azionamento manuale della pompa d'iniezione

V

al disserraggio dello spurgo del filtro

.

Risposte

BASE n. 268 - I motori diesel sono:

F

provvisti di candele

F

solo a 2 tempi

V

sia a 2 che a 4 tempi

.

Risposte

BASE n. 269 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, sono possibili operazioni inerenti:

F

all'azionamento manuale della pompa d'iniezione

V

al disserraggio degli iniettori

F

alla lubrificazione degli iniettori

.

Risposte

BASE n. 270 - Se un motore diesel "perde colpi" e cala di giri, nel caso in cui il combustibile sia sufficiente, cosa può essersi verificato?

F

Il filtro dell'olio è intasato

F

Si è intasata la presa a mare

V

Il filtro del carburante è sporco

.

Risposte

BASE n. 271 - L'autonomia di un'unità si può misurare in:

V

Ore e miglia

F

Miglia e nodi

F

Velocità e nodi

.

Risposte

BASE n. 272 - Quanto carburante, inclusa la riserva, occorre avere a bordo per percorrere 180 miglia alla velocità di 20 nodi, sapendo che il consumo orario è di 30 litri/ora?

V

Circa 351 litri

F

Circa 700 litri

F

Circa 600 litri

.

Risposte

BASE n. 273 - Quanto carburante, inclusa la riserva, occorre avere a bordo per percorrere 160 miglia alla velocità di 20 nodi, sapendo che il consumo orario è di 70 litri/ora?

V

Circa 730 litri

F

Circa 560 litri

F

Circa 320 litri

.

Risposte

BASE n. 274 - Quanto carburante, inclusa la riserva, occorre avere a bordo per percorrere 16 miglia alla velocità di 8 nodi, sapendo che il consumo orario è di 40 litri/ora?

V

Circa 104 litri

F

Circa 130 litri

F

Circa 150 litri

.

Risposte

BASE n. 275 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M V=15N C=15 l/h Q=39l

V

S=40M V=20N C=15 l/h Q=39l

F

S=25M V=20N C=40 l/h Q=40l

.

Risposte

BASE n. 276 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

F

S=40M V=16N C=12 l/h Q=60l

F

S=25M V=50N C=20 l/h Q=65l

F

S=30M V=15N C=10 l/h Q=58l

.

Risposte

BASE n. 277 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M V=30N C=40 l/h Q=52l

F

S=40M V=20N C=15 l/h Q=50l

V

S=20M V=20N C=30 l/h Q=39l

.

Risposte

BASE n. 278 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=100M V=20N C=20 l/h Q=130l

F

S=50M V=20N C=20 l/h Q=80l

F

S=80M V=20N C=20 l/h Q=150l

.

Risposte

BASE n. 279 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M V=15N C=15 l/h Q=39l

V

S=57M V=19N C=10 l/h Q=39l

F

S=30M V=15N C=15 l/h Q=49l

.

Risposte

BASE n. 280 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=39M C=10 l/h V=13N Q=39l

F

S=15M C=20 l/h V=15N Q=23l

F

S=30M C=20 l/h V=15N Q=60l

.

Risposte

BASE n. 281 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

F

S=8M C=20 l/h V=16N Q=25l

V

S=51M C=10 l/h V=17N Q=39l

V

S=20M C=10 l/h V=10N Q=26l

.

Risposte

BASE n. 282 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M C=28 l/h V=12N Q=91l

V

S=20M C=20 l/h V=20N Q=26l

F

S=15M C=10 l/h V=15N Q=80l

.

Risposte

BASE n. 283 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=60M C=20 l/h V=20N Q=78l

V

S=60M C=15 l/h V=15N Q=78l

V

S=60M C=30 l/h V=30N Q=78l

.

Risposte

BASE n. 284 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=100M V=20N C=20 l/h Q=130l

F

S=100M V=20N C=20 l/h Q=100l

F

S=100M V=20N C=20 l/h Q=90l

.

Risposte

BASE n. 285 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=50M V=10N C=10 l/h Q=65l

F

S=50M V=10N C=10 l/h Q=55l

F

S=50M V=10N C=10 l/h Q=35l

.

Risposte

BASE n. 286 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M V=30N C=30 l/h Q=39l

F

S=30M V=30N C=30 l/h Q=69l

F

S=30M V=30N C=30 l/h Q=29l

.

Risposte

BASE n. 287 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=20M V=15N C=15 l/h Q=26l

V

S=20M V=20N C=20 l/h Q=26l

V

S=20M V=30N C=30 l/h Q=26l

.

Risposte

BASE n. 288 - Calcolare la quantità di carburante consumata da un'unità che consuma 20 l/h, dopo 3,5 ore di navigazione:

V

70 litri + 30%

F

70 litri + 20%

F

60 litri + 30%

.

Risposte

BASE n. 289 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=20M V=5N C=15 l/h Q=78l

F

S=20M V=5N C=15 l/h Q=36l

F

S=20M V=5N C=15 l/h Q=53l

.

Risposte

BASE n. 290 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=20M V=10N C=15 l/h Q=39l

F

S=20M V=10N C=15 l/h Q=19l

F

S=20M V=10N C=15 l/h Q=49l

.

Risposte

BASE n. 291 - L'autonomia di un'imbarcazione si misura:

V

in ore

F

in miglia/ora

F

in nodi

.

Risposte

BASE n. 292 - Cosa bisogna conoscere per calcolare l'autonomia di navigazione?

F

La velocità del vento

V

Il consumo orario

F

L'onda di marea

.

Risposte

BASE n. 293 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione, possiamo dire che:

F

il consumo specifico di un motore si calcola in grammi (o litri) al secondo

F

per calcolare l'autonomia oraria bisogna conoscere, tra l'altro, la velocità della barca

V

a parità di regime di rotazione, l'autonomia in miglia varia in funzione delle condizioni meteorologiche in atto

.

Risposte

BASE n. 294 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione, possiamo dire che:

V

per calcolare il consumo orario bisogna conoscere la potenza erogata

F

il consumo specifico di un motore a scoppio di media potenza è di circa 0,1l per HP all'ora

F

barche diverse, ad un medesimo regime di marcia, hanno sempre la stessa velocità teorica

.

Risposte

BASE n. 295 - Al fine di disporre di un'autonomia in sicurezza, il consumo presunto del motore deve essere aumentato almeno del:

F

50%

V

30%

F

10%

.

Risposte

BASE n. 296 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione, possiamo dire che:

F

per calcolare l'autonomia oraria bisogna conoscere l'autonomia in miglia

V

con mare mosso di prua, a parità di velocità, diminuisce l'autonomia in miglia

F

autonomia oraria = consumo orario / carburante disponibile

.

Risposte

BASE n. 297 - Come si stabiliscono le ore teoriche di autonomia di un'imbarcazione?

F

Dividendo lo spazio percorso per la velocità di crociera

V

Dividendo la capacità totale dei serbatoi di carburante per il consumo massimo

F

Dividendo lo spazio da percorrere per la potenza in HP e moltiplicando il risultato per la velocità

.

Risposte

BASE n. 298 - Qual è il consumo massimo di carburante per un motore fuoribordo di 80 HP con consumo effettivo di 0,40/l/CV/h?

F

Circa 20 l/h

F

circa 70 l/h

V

circa 32 l/h

.

Risposte

BASE n. 299 - Con potenza identica, quale dei seguenti motori, generalmente, consuma meno?

F

Un motore a scoppio a 2 tempi

F

Un motore a scoppio a 4 tempi

V

Un motore diesel

.

Risposte

BASE n. 300 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione, possiamo dire che:

V

per calcolare l'autonomia in miglia bisogna conoscere il consumo orario

F

l'autonomia non è influenzata dallo stato del mare

V

autonomia in miglia = autonomia oraria x velocità

.

Risposte

BASE n. 301 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione, possiamo dire che:

V

per calcolare l'autonomia bisogna conoscere la quantità di carburante disponibile

V

con mare mosso di prua, a parità di velocità, aumenta il consumo orario

F

consumo orario = autonomia oraria x HP erogati

.

Risposte

BASE n. 302 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

F

Spia temperatura acqua accesa: infiltrazione di acqua nei cilindri

F

Spia pressione olio accesa: filtro aria sporco

F

Spia pressione olio accesa: fasce elastiche pistoni consumate

.

Risposte

BASE n. 303 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore gira ma non parte, le cause dirette possono essere:

F

batteria scollegata

V

mancato afflusso di carburante

V

carburatore intasato (motore a scoppio)

.

Risposte

BASE n. 304 - Se il motore in marcia si ferma all'improvviso, le cause dirette possono essere:

V

Surriscaldamento eccessivo per mancanza di raffreddamento o lubrificazione

V

alimentazione del carburante interrotta

F

Motorino di avviamento bloccato

.

Risposte

BASE n. 305 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

V

motore bloccato: pistoni, bielle o valvole grippati

F

scarico intasato

V

motorino di avviamento bloccato

.

Risposte

BASE n. 306 - Se la quantità di carburante è sufficiente, ma il motore "perde colpi" e "cala di giri", cosa devo controllare?

F

Che il filtro dell'olio sia pulito

V

Che il sistema di alimentazione sia pulito, senza acqua o aria

F

Che la presa a mare del circuito di raffreddamento non sia occlusa

.

Risposte

BASE n. 307 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

V

motore bloccato: pistoni, bielle o valvole grippati

V

batteria scarica

F

candele sporche (motore a benzina)

.

Risposte

BASE n. 308 - Un'anomalia del circuito di raffreddamento del motore è segnalata:

V

dal termometro

F

dal barometro

F

dal termostato

.

Risposte

BASE n. 309 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

F

mancato avvio del carburante

V

batteria scarica

V

motore bloccato: pistoni, bielle o valvole grippati

.

Risposte

BASE n. 310 - Se il motore in marcia si ferma all'improvviso, le cause dirette possono essere:

F

cinghia dell'alternatore rotta

V

aria nel circuito del carburante (motore diesel)

F

cavo dell'invertitore rotto

.

Risposte

BASE n. 311 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore gira ma non parte, le cause dirette possono essere:

F

mancanza di olio motore

F

motorino di avviamento in cortocircuito

V

serbatoio carburante vuoto

.

Risposte

BASE n. 312 - Se il motore in marcia si ferma all'improvviso, le cause dirette possono essere:

V

guasto nel circuito elettrico di accensione (motore a scoppio)

F

anticipo accensione sfasato (motore a scoppio)

V

esaurimento del combustibile

.

Risposte

BASE n. 313 - Se il motore, con l'invertitore ingranato, non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

V

asse portaelica parzialmente bloccato

F

batteria scarica

V

filtri carburante sporchi

.

Risposte

BASE n. 314 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore gira ma non parte, le cause dirette possono essere:

V

presenza di acqua nel carburante

V

carburatore ingolfato

V

presenza di aria nel circuito del carburante (motore diesel)

.

Risposte

BASE n. 315 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

F

mancato avvio del carburante

V

batteria scarica

F

candele sporche (motore a scoppio)

.

Risposte

BASE n. 316 - Se il motore in marcia si ferma all'improvviso, le cause dirette possono essere:

V

guasto nel circuito elettrico di accensione (motore a scoppio)

V

acqua o impurità nel carburante

V

asse portaelica bloccato con l'invertitore ingranato

.

Risposte

BASE n. 317 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

V

motorino di avviamento bloccato

V

motore bloccato: pistoni, bielle o valvole grippati

V

batteria scarica

.

Risposte

BASE n. 318 - Se, girando la chiave di avviamento, il motore non gira, le cause dirette possono essere:

F

pompa di iniezione guasta (motore diesel)

F

mancato avvio del carburante

F

candele sporche (motore a scoppio)

.

Risposte

BASE n. 319 - Cos'è un motore entro fuoribordo?

F

Un motore fuoribordo, che ha un apposito pozzetto interno

V

Un motore entrobordo con organi di trasmissione riuniti in un piede fuoribordo

F

Un motore esterno allo scafo con organi di trasmissione interni

.

Risposte

BASE n. 320 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

F

se a 4 tempi, nella fase di aspirazione entrambe le valvole sono aperte

V

se a 2 tempi, espansione e scarico sono riuniti in una fase sola

V

se a scoppio, la scintilla scocca nel momento di massima compressione

.

Risposte

BASE n. 321 - Le batterie di accumulatori forniscono corrente:

V

Continua a bassa tensione

F

Alternata

F

Alternata a bassa tensione

.

Risposte

BASE n. 322 - Nel sistema di trasmissione di un motore marino:

V

Il riduttore modifica la velocità di rotazione dell'elica rispetto a quella dell'albero motore

F

Il riduttore ha sempre un rapporto 1:5

V

Il premistoppa serve a schiacciare la baderna tra l'astuccio passascafo e l'asse portaelica

.

Risposte

BASE n. 323 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

V

se diesel, non dotato di centraline elettroniche, una volta avviato il motore funziona anche staccando la batteria

V

il motorino di avviamento è un motore elettrico che fa girare l'albero motore

V

lo spinterogeno lavora in fase con la rotazione dell'albero motore

.

Risposte

BASE n. 324 - Nel sistema di raffreddamento di un motore marino:

V

L'acqua passa all'interno del monoblocco, nelle pareti esterne dei cilindro

V

Se indiretto, esistono sia una pompa per l'acqua di mare, sia una pompa per l'acqua dolce

V

Dallo scarico può uscire anche acqua di mare

.

Risposte

BASE n. 325 - Le valvole dei cilindri sono comandate da:

F

i pistoni

F

dall'acceleratore

V

dall'albero della distribuzione

.

Risposte

BASE n. 326 - In una rappresentazione di Mercatore i primi di longitudine:

V

sono eguali tra loro

F

aumentano la loro lunghezza con il crescere della latitudine

F

diminuiscono la loro lunghezza con il crescere della latitudine

.

Risposte

BASE n. 327 - In una rappresentazione di Mercatore i primi di latitudine:

F

sono uguali tra loro

V

aumentano la loro lunghezza con il crescere della latitudine

F

diminuiscono la loro lunghezza con il crescere della latitudine

.

Risposte

BASE n. 328 - Quali tra le operazioni seguenti rientrano tra quelle per determinare le coordinate di un punto segnato sulla carta nautica:

F

dal punto con la squadretta si traccia il parallelo fino alla scala delle latitudini

V

con il compasso si porta sulla scala delle longitudini la distanza tra il punto e un meridiano

F

con il compasso si trasporta il punto sulla scala delle distanze più vicina

.

Risposte

BASE n. 329 - Le carte nautiche si dividono in:

V

carte generali, carte costiere, piani

F

carte generiche, carte navali, carte topografiche

F

carte topografiche, carte generali, piani

.

Risposte

BASE n. 330 - Nella scala delle latitudini di una carta di Mercatore tutti i primi hanno la medesima dimensione?

F

Sì, è la medesima per tutta la carta

F

No, è variabile e diminuisce con la latitudine

V

No, è variabile ed aumenta con la latitudine

.

Risposte

BASE n. 331 - Dove sono indicate le basi misurate?

F

Sugli avvisi ai naviganti

V

Su un'apposita pubblicazione dell'Istituto Idrografico della Marina Militare

F

Sulla carta n. 1111 dell'I.I.M.M.

.

Risposte

BASE n. 332 - La carta di Mercatore:

F

serve per rappresentare le calotte polari

V

è una carta nautica dove i paralleli sono distanziati secondo la funzione delle latitudini crescenti

F

è una modifica della carta gnomonica operata dallo spagnolo Mercatore

.

Risposte

BASE n. 333 - Il piano nautico è una carta:

V

a grande scala, riproducente aree di limitate estensioni come porti, rade, isolotti

F

a piccola scala, riproducente aree di limitate estensioni come porti, rade, isolotti

F

a piccola scala, riproducente aree di elevate estensioni come oceani, mari, continenti

.

Risposte

BASE n. 334 - Ogni carta nautica dell'Istituto Idrografico della Marina Militare riporta i seguenti dati:

F

declinazione, deviazione e nome dei venti

F

simboli indicanti la natura del suolo terrestre e caratteristiche dei venti

V

simboli indicanti la natura del fondo marino

.

Risposte

BASE n. 335 - A che servono le carte generali?

F

Per lo studio degli eventi meteorologici nelle traversate

F

Per la disposizione delle varie carte particolari

V

Per il tracciamento delle rotte per grandi traversate

.

Risposte

BASE n. 336 - A che servono i piani nautici?

V

Alla navigazione in una particolare zona ristretta con dettagli della costa

V

A conoscere l'entrata dei porti

F

A conoscere le correnti marine e svolgere i relativi problemi

.

Risposte

BASE n. 337 - Dove si trovano tutti i simboli delle carte nautiche?

F

Sul dorso delle carte nautiche

F

Sul margine destro delle carte nautiche

V

Nella pubblicazione n. 1111 dell' istituto idrografico della Marina Militare

.

Risposte

BASE n. 338 - Tra due scale, qual è la maggiore?

F

Quella col denominatore maggiore

F

Dipende dalla latitudine

V

Quella con denominatore minore

.

Risposte

BASE n. 339 - Nel Mediterraneo quale tra le seguenti carte non è usata per condurre la navigazione costiera?

V

La carta gnomonica

F

La carta di Mercatore

F

1l piano nautico

.

Risposte

BASE n. 340 - Sulla carta di Mercatore le distanze vengono prese:

F

sulla scala di longitudine, che è anche scala delle distanze

V

sulla scala di latitudine, che è anche scale delle distanze

F

sulla scala dell'angolo di rotta

.

Risposte

BASE n. 341 - Come si definisce la scala delle carte?

F

Rapporto tra un primo di longitudine della carta e quello della Terra

V

Rapporto fra le dimensioni della sua rappresentazione grafica sulla carta nautica e le sue dimensioni reali sulla superficie terrestre

F

Rapporto tra un primo di latitudine della carta e quello della Terra

.

Risposte

BASE n. 342 - Sulle carte, oltre alla costa, cos'è descritto?

F

Meridiani, paralleli, stazioni radio costiere e R.G.

F

Porti, natura del suolo, notizie oceanografiche

V

Profondità, elevazioni, segnali convenzionali, ecc.

.

Risposte

BASE n. 343 - Le linee di base:

V

servono a calcolare la distanza delle acque territoriali

V

sono riportate su alcune carte nautiche

F

segnano la linea costiera della bassa marea

.

Risposte

BASE n. 344 - La scala di una carta nautica:

F

cambia al variare dell'unità di misura utilizzata

F

è sempre riportata nell'angolo in basso a destra della carta

F

è grande per le carte oceaniche e le carte generali di navigazione

.

Risposte

BASE n. 345 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

V

è isogona

V

lungo l'equatore le distanze non risultano alterate

F

i meridiani risultano convergenti verso i poli

.

Risposte

BASE n. 346 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

F

le due scale hanno sempre uguali dimensioni

V

la scala della latitudini è riportata sui bordi destro e sinistro della carta

V

sulla scala delle longitudini la lunghezza di un primo è costante

.

Risposte

BASE n. 347 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

V

la scala delle latitudini è anche la scala per misurare le distanze

F

i primi sono suddivisi in sei parti, cioè in tratti di dieci secondi l'uno

V

sulla scala delle latitudini un primo è sempre uguale a un miglio

.

Risposte

BASE n. 348 - Cosa sono le carte generali?

V

Carte a piccola scala

F

Carte a grande scala

F

Carte internazionali

.

Risposte

BASE n. 349 - Quando sulla carta nautica è segnalato un cavo sottomarino:

F

navi e imbarcazioni devono spegnere i motori quando sostano in quella zona

V

i pescherecci non devono calare in mare le reti a strascico

F

non sussiste divieto di ancoraggio sulla perpendicolare del cavo

.

Risposte

BASE n. 350 - Come si definisce la scala delle carte?

F

Rapporto tra un primo di longitudine della carta e quello della Terra

V

Rapporto tra segmento unitario "I" della carta e quello "L" sulla Terra espresso nella stessa unità di misura

F

Rapporto tra un primo di latitudine della carta e quello della Terra

.

Risposte

BASE n. 351 - Cosa sono le carte costiere?

F

Sono carte a scala medio-piccola

V

Sono carte nautiche impiegate nella navigazione costiera aventi una scala superiore a 1:300.000

F

Sono carte nautiche impiegate nella navigazione costiera aventi una scala superiore a 1:500.000

.

Risposte

BASE n. 352 - Quali sono le proprietà di una carta di Mercatore?

F

isogonia, equivalenza, isometria

V

isogonia, rettificazione delle lossodromie

F

isometria, rettificazione delle ortodromie, isogonia

.

Risposte

BASE n. 353 - Le linee isobate:

F

indicano la presenza di bassifondi e secche

F

delimitano aree in cui è vietato l'ancoraggio

V

congiungono punti di uguale profondità

.

Risposte

BASE n. 354 - Sulla carta di Mercatore i paralleli:

F

sono rappresentati da linee rette, parallele tra loro ed equidistanti

V

sono rappresentati da linee rette, parallele tra loro ma non equidistanti a causa della latitudine crescente

F

sono rappresentati da linee rette, non parallele tra loro ma equidistanti

.

Risposte

BASE n. 355 - Le linee batimetriche:

F

indicano la presenza di bassifondi e secche

F

delimitano aree in cui è vietato l'ancoraggio

V

congiungono punti di uguale profondità

.

Risposte

BASE n. 356 - Quali tipi di carte vengono usate per la navigazione costiera?

F

Carte batimetriche

V

Carte generali e carte costiere

F

Carte sinottiche

.

Risposte

BASE n. 357 - Cos'è un miglio marino?

V

È l'unità di misura delle distanze in mare

F

È l'unità di misura degli angoli in mare

F

E l'unità di misura dell'angolo che si forma tra le rotte di due imbarcazioni

.

Risposte

BASE n. 358 - Quali sono le carte usate per la navigazione costiera?

F

Sono le carte a scala medio-piccola

F

Sono le carte nautiche aventi una scala inferiore a 1:300.000

V

Sono le carte nautiche aventi una scala superiore a 1:300.000

.

Risposte

BASE n. 359 - Le linee di base:

V

segnano il limite da cui va misurata la fascia di mare territoriale

F

delimitano aree in cui è vietato l'ancoraggio

F

congiungono punti di uguale profondità

.

Risposte

BASE n. 360 - Cosa indica su una carta nautica il simbolo rappresentato in figura?

F

Un porto turistico non più in uso

F

Divieto di pesca a strascico

V

Divieto di ancoraggio

Risposte

BASE n. 361 - Cosa indica sulle carte nautiche italiane il simbolo rappresentato in figura?

F

Direzioni delle principali correnti

F

Correnti di marea in prossimità della foce di un fiume

V

Dispositivo di separazione del traffico

Risposte

BASE n. 362 - Cosa indica sulle carte nautiche italiane una zona delimitata come in figura?

F

Zona lmiitata per l'ancoraggio di piccole navi

V

Zona regolamentata

F

Zona in quarantena

Risposte

BASE n. 363 - Cosa significa sulle carte nautiche italiane il simbolo rappresentato in figura?

F

Scoglio affiorante

V

Scafo affondato coperto da 9 metri di acqua

F

Scafo affondato alto 9 metri

Risposte

BASE n. 364 - Sulla carta di Mercatore come sono rappresentati i paralleli?

F

Rette convergenti verso il polo

F

Rette parallele tra loro ed equidistanti a parità di differenza di longitudine

V

Rette parallele tra loro ma non equidistanti a parità di differenza di latitudine a causa della funzione delle latitudini crescenti

.

Risposte

BASE n. 365 - Quale tra le seguenti carte è la più usata per la navigazione costiera?

F

La carta gnomonica

V

La carta di Mercatore

F

Il piano nautico

.

Risposte

BASE n. 366 - Com'è espressa la profondità del mare nelle carte nautiche italiane?

F

In braccia

V

In metri

F

In decametri

.

Risposte

BASE n. 367 - Con quale strumento si misurano le distanze su una carta nautica?

F

Con un doppio decimetro

V

Con il compasso nautico

F

Con le squadrette nautiche

.

Risposte

BASE n. 368 - Come varia la distanza dei paralleli in una carta di Mercatore?

F

In misura decrescente dall'equatore ai poli

F

Non varia

V

In misura crescente dall'equatore ai poli

.

Risposte

BASE n. 369 - Cosa indica sulle carte nautiche italiane il simbolo rappresentato in figura?

F

Uno scafo affondato e affiorante con la marea

V

Un relitto emergente in parte

F

Un punto di fonda

Risposte

BASE n. 370 - Cosa indica sulle carte nautiche italiane il simbolo rappresentato in figura?

F

Pontile galleggiante

F

Sbarramento formato da boe e cima galleggiante

V

Acquedotto, fogna, scarico o presa d'acqua

Risposte

BASE n. 371 - Cosa indica sulle carte nautiche il simbolo rappresentato in figura?

F

Zona di forte risacca

F

Limite di zona di scarico

V

Cavo sottomarino in esercizio

Risposte

BASE n. 372 - La scala di una carta nautica:

V

è tale che maggiore è il numero al denominatore, più grande è l'area rappresentata

F

cambia al variare dell'unità di misura utilizzata

V

se la carta è generale o oceanica, varia tra 1:1.000.000 a 1:6.000.000

.

Risposte

BASE n. 373 - Nella scala di riduzione di una carta 1:80.000, un centimetro della carta nella realtà è uguale a:

V

80.000 centimetri

F

80.000 metri

F

80.000 decimetri

.

Risposte

BASE n. 374 - Nella carta di Mercatore i meridiani formano con i paralleli angoli di:

F

180°

V

90°

F

45°

.

Risposte

BASE n. 375 - La linea delle batimetriche sulle carte nautiche:

V

è la media fra le basse maree sigiziali

F

è la media fra tutte le maree sigiziali

F

è la media fra le alte maree sigiziali

.

Risposte

BASE n. 376 - La scala di una carta nautica:

V

è tanto più piccola quanto più grande è la zona rappresentata

F

è il rapporto tra le dimensioni sulla Terra e le corrispondenti dimensioni sulla carta

V

se la carta è generale o oceanica, varia tra 1:1.000.000 e 1:6.000.000

.

Risposte

BASE n. 377 - La scala di una carta nautica:

V

è tanto più piccola quanto più grande è l'area rappresentata

V

se la carta è generale o oceanica, varia tra 1:1.000.000 e 1:6.000.000

V

è tale che maggiore è il numero al denominatore, più grande è l'area rappresentata

.

Risposte

BASE n. 378 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

V

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo è sempre uguale a un miglio

V

la loro suddivisione in gradi e primi dipende dalla scala della carta

F

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo diminuisce al crescere della latitudine

.

Risposte

BASE n. 379 - Riguardo la scala di una carta nautica si può dire che:

V

essa è tanto più piccola quanto più grande è la zona rappresentata

V

la scala di una carta nautica che rappresenta l'intero bacino del Mar Mediterraneo è minore di quella della carta nautica che rappresenta il solo Golfo di Napoli

V

il suo denominatore esprime il fattore di riduzione della zona rappresentata

.

Risposte

BASE n. 380 - La scala di una carta nautica:

V

è tale che maggiore è il numero al denominatore, più grande è l'area rappresentata

V

è il rapporto tra le dimensioni sulla carta e le corrispondenti dimensioni sulla Terra

V

se la carta è generale o oceanica varia tra 1:1.000.000 e 1:6.000.000

.

Risposte

BASE n. 381 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta nautica hanno le seguenti caratteristiche:

F

la scala delle longitudini è utilizzabile come scala delle lunghezze solo a 45° di latitudine

V

la loro suddivisione in gradi e primi dipende dalla scala della carta

F

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo diminuisce al crescere della latitudine

.

Risposte

BASE n. 382 - Per misurare la distanza tra due punti su una carta nautica:

V

le letture sulla scala delle distanze vanno effettuate alla latitudine media tra i punti

F

con la squadretta si tracciano le proiezioni dei punti sulla scala delle longitudini

V

con il compasso si riporta la distanza sulla scala delle latitudini

.

Risposte

BASE n. 383 - La pubblicazione n. 1111 dell'Istituto Idrografico della Marina Militare contiene:

F

l'elenco di tutti i porti militari italiani

F

l'elenco delle zone adibite ad esercitazioni militari

V

l'elenco dei simboli, abbreviazioni e termini in uso nelle carte nautiche dell' I.I.M.M.

.

Risposte

BASE n. 384 - Il valore della longitudine su una carta nautica è indicato:

F

solo in alto

F

solo in basso

V

in alto e in basso

.

Risposte

BASE n. 385 - I dati sul tipo di fondale si trovano:

F

su internet

V

sulla carta nautica

F

si chiedono per radio

.

Risposte

BASE n. 386 - In una carta nautica la parte alta della carta indica:

V

il Nord

F

il Sud

F

l'Est

.

Risposte

BASE n. 387 - Una carta per la navigazione costiera ha una scala:

F

generalmente non superiore a 1:100.000

V

superiore a 1:300.000

F

pari a 1:1.000.000

.

Risposte

BASE n. 388 - La pubblicazione n. 1111 dell'Istituto Idrografico della Marina Militare deve:

F

essere vidimata dall'Autorità marittima ogni tre anni

V

essere aggiornata con i fascicoli quindicinali dell'lstituto Idrogafico della Marina Militare

F

essere aggiornata con i fascicoli trimestrali dell'Istituto Idrografico della Marina Militare

.

Risposte

BASE n. 389 - Il simbolo 'S' sulla carta nautica significa:

V

fondale sabbioso

F

scoglio affiorante

F

boa di segnalazione

.

Risposte

BASE n. 390 - Cosa sono i piani nautici?

F

I ponti della nave

V

Carte nautiche

F

I divisori orizzontali dello scafo

.

Risposte

BASE n. 391 - La scala di una carta nautica:

F

è il rapporto tra le dimensioni sulla terra e le corrispondenti dimensioni sulla carta

F

cambia al variare dell'unità di misura utilizzata

V

è tale che maggiore è il numero al denominatore, più grande è l'area rappresentata

.

Risposte

BASE n. 392 - La scala di una carta nautica:

V

se la carta è generale o oceanica, varia tra 1:1.000.000 e 1:6.000.000

V

è tanto più piccola quanto più grande è la zona rappresentata

F

cambia al variare dell'unità di misura utilizzata

.

Risposte

BASE n. 393 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

V

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo è sempre uguale a un miglio

V

la scala delle latitudini è anche la scala per misurare le distanze

V

la loro suddivisione in gradi e primi dipende dalla scala della carta

.

Risposte

BASE n. 394 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

F

la scala delle longitudini è utilizzabile come scala delle lunghezze solo a 45° di latitudine

F

sulla carta delle latitudini la lunghezza di un primo diminuisce al crescere della latitudine

F

i primi sono suddivisi in sei parti, cioè in tratti di dieci secondi l'uno

.

Risposte

BASE n. 395 - Le scale delle latitudini e delle longitudini di una carta di Mercatore hanno le seguenti caratteristiche:

V

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo è sempre uguale a un miglio

F

i primi sono suddivisi in sei parti, cioè in tratti di dieci secondi l'uno

F

sulla scala delle latitudini la lunghezza di un primo diminuisce al crescere della latitudine

.

Risposte

BASE n. 396 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

V

non conserva la forma delle superfici

F

la proiezione è effettuata su un piano tangente la Terra ai poli

V

i meridiani sono rappresentati da linee rette

.

Risposte

BASE n. 397 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

V

il punto di proiezione è situato al centro della Terra

V

la distanza tra i paralleli aumenta verso i poli

F

i meridiani convergono verso i poli

.

Risposte

BASE n. 398 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

V

conserva la corrispondenza dei valori angolari

V

i paralleli sono rappresentati da linee rette

F

i meridiani convergono verso i poli

.

Risposte

BASE n. 399 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

F

i paralleli risultano equidistanti tra loro

V

non è utilizzabile oltre i 70° di latitudine

F

lungo archi di meridiano i rapporti tra le distanze risultano inalterati

.

Risposte

BASE n. 400 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

V

conserva la corrispondenza dei valori angolari

V

i paralleli sono rappresentati da linee rette

V

i meridiani sono paralleli ed equidistanti

.

Risposte

BASE n. 401 - Tra le caratteristiche della proiezione di Mercatore abbiamo che:

F

i paralleli risultano equidistanti tra loro

V

è utilizzabile fino a 70° di Latitudine

V

i meridiani sono rappresentati da rette parallele

.

Risposte

BASE n. 402 - Il livello di riferimento delle batimetriche è indicato:

V

nel titolo delle carte nautiche

F

nel libro delle maree

F

negli Avvisi ai naviganti

.

Risposte

BASE n. 403 - Quali tra i seguenti sono documenti nautici?

F

Le carte nautiche

V

L'insieme delle carte e delle pubblicazioni nautiche necessarie per la condotta della navigazione

F

I documenti che lo skipper deve portare con sé come la patente nautica e il certificato di navigabilità

.

Risposte

BASE n. 404 - Quale tra i seguenti tipi di carte vengono impiegati in navigazione costiera?

F

Carta gnomonica e piani nautici

F

Carta di Mercatore e piani nautici

V

Solo la carta di Mercatore

.

Risposte

BASE n. 405 - Cosa sono i piani nautici?

F

Carte a piccola scala

V

Carte a grande scala

F

Carte generali

.

Risposte

BASE n. 406 - A quali aree marittime si riferiscono le carte e pubblicazioni nautiche edite dall'Istituto Idrografico della Marina Militare?

F

A tutti i mari del mondo

F

Ai mari e alle coste nazionali italiane

V

Ai mari e alle coste nazionali italiane, nonché a quelle del Mar Mediterraneo, del Mar d'Azov e del Mar Nero

.

Risposte

BASE n. 407 - Dove si trovano gli aggiornamenti delle carte nautiche?

F

Nella legenda del titolo

F

Sulle "Tavole nautiche"

V

Sul lato in basso a sinistra delle stesse carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 408 - La proprietà dell'isogonia è una caratteristica della carta:

V

di Mercatore

F

gnomonica

F

lossodromica

.

Risposte

BASE n. 409 - Ogni carta nautica dell'I.I.M.M. riporta i seguenti dati:

F

declinazione, deviazione, nome dei venti

F

simboli indicanti la natura del suolo terrestre e le caratteristiche dei venti

V

simboli indicanti la natura del fondo marino

.

Risposte

BASE n. 410 - Quando sulla carta nautica è segnalato un cavo sottomarino:

F

navi e imbarcazioni devono spegnere i motori quando sostano in quella zona

V

i pescherecci devono evitare di calare a mare le reti

F

c'è assoluto divieto d'ancoraggio nella zona fino a 10 miglia adiacenti al cavo

.

Risposte

BASE n. 411 - Tra le seguenti scale, quale sarebbe la più adatta ad una carta costiera?

F

1:1.200.000

V

1:150.000

F

1:10.000

.

Risposte

BASE n. 412 - La carta di Mercatore:

V

rettifica le lossodromie

F

rettifica solo le ortodromie

F

rettifica la rotta ortodromica

.

Risposte

BASE n. 413 - Fanno parte della simbologia internazionale delle carte nautiche:

V

le isobate

F

le boe dei fondali

F

il profilo del porto

.

Risposte

BASE n. 414 - La carta speciale I.I.M.M. n. 1.050 riporta:

V

l'elenco delle zone di mare pericolose

F

l'elenco di tutti i simboli presenti sulle carte nautiche

F

l'elenco di tutte le abbreviazioni presenti sulle carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 415 - Sulla carta nautica il simbolo rappresentato in figura indica:

V

dispositivo di separazione del traffico

F

zona di divieto di pesca

F

zona di divieto di ancoraggio

Risposte

BASE n. 416 - Sulle carte nautiche internazionali, il simbolo rappresentato in figura indica:

F

fare attenzione all'ancoraggio sul fondale dove si trova il simbolo

V

punto di fonda

F

passare ad un miglio dalla zona dove si trova il simbolo

Risposte

BASE n. 417 - Sulle carte nautiche internazionali, il simbolo rappresentato in figura indica:

F

segnali galleggianti con risponditori radar

F

boa con miraglio

V

scafo affondato in parte emergente

Risposte

BASE n. 418 - Tra quali valori è compresa la latitudine?

F

Tra 0° e 180° verso N o S

V

Tra 0° e 90° verso N o S

F

Tra 0° e 90° verso E o W

.

Risposte

BASE n. 419 - Come si conta la latitudine?

F

Si conta da 0° a +180° verso E e da 0° a - 180° verso W

V

Si conta da 0° a +90° verso N e da 0° a - 90° verso S

F

Si conta da 0° a 360° verso S o N

.

Risposte

BASE n. 420 - Cosa sono i meridiani?

F

Gli infiniti circoli minori che si dipartono parallelamente dall'equatore ai poli

V

Gli infiniti semicircoli massimi che uniscono i poli

F

Gli infiniti semicircoli che si dipartono parallelamente dall'equatore ai poli

.

Risposte

BASE n. 421 - Le coordinate geografiche si esprimono in:

V

latitudine e longitudine

F

rilevamento bussola e rilevamento magnetico

F

cerchio capace e rilevamento bussola

.

Risposte

BASE n. 422 - Cos'è il meridiano di Greenwich?

V

Il semicircolo massimo fondamentale al quale si rapportano le longitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: est ed ovest

F

Il circolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le latitudini dei luoghi; divide la Terra nei due emisferi: nord e sud

F

Il semicircolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le latitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: nord e sud

.

Risposte

BASE n. 423 - Cos'è la longitudine di un punto X?

F

L'arco di meridiano compreso tra l'equatore ed il punto X

V

L'arco di equatore o di parallelo compreso tra il meridiano di Greenwich e il meridiano passante per il punto X

F

La distanza angolare tra il punto X e il punto Y

.

Risposte

BASE n. 424 - Come si conta la longitudine?

V

Si conta da 0° a +180° verso E e da 0° a - 180° verso W

F

Si conta da 0° a +90° verso N e da 0° a - 90° verso S

F

Si conta da 0° a 360° verso S o N

.

Risposte

BASE n. 425 - Quali sono le coordinate geografiche?

F

Nord, Sud, Est, Ovest

V

Latitudine e longitudine

F

Equatore e meridiano di Greenwich

.

Risposte

BASE n. 426 - Della longitudine possiamo dire che:

F

assume valori positivi verso Ovest e negativi verso Est

V

assume il suo valore massimo in corrispondenza dell'antimeridiano di Greenwich

V

assume il valore massimo di 180°

.

Risposte

BASE n. 427 - Sulla relazione tra i punti della Terra e le loro coordinate geografiche possiamo dire che:

V

tutti i punti del meridiano di Greenwich hanno Long=0°

F

due punti con lo stesso valore e segno di longitudine si trovano sullo stesso parallelo

V

il solo valore Lat=40° individua tutti i punti di due paralleli equidistanti dall'equatore

.

Risposte

BASE n. 428 - Delle convenzioni geografiche della Terra possiamo dire che:

F

il Polo nord appartiene all'emisfero australe

V

la calotta polare antartica appartiene all'emisfero sud

V

la Terra ruota da Ovest verso Est

.

Risposte

BASE n. 429 - Sulla relazione tra i punti della Terra e le loro coordinate geografiche possiamo dire che:

F

tutti i punti dell'equatore hanno Lat=90°

V

i valori Lat=30°S e Long=060°E individuano un solo punto

V

il punto d'incrocio dell'equatore con il meridiano di Greenwich ha Lat=Long=0°

.

Risposte

BASE n. 430 - Della longitudine possiamo dire che:

F

individua la posizione di un punto rispetto all'equatore

V

individua la posizione di un punto lungo un parallelo

F

è la misura angolare di un arco di meridiano

.

Risposte

BASE n. 431 - Della latitudine possiamo dire che:

V

individua la posizione di un punto rispetto all'equatore

V

individua la posizione di un punto lungo un meridiano

V

può assumere il valore massimo di 90° (N o S)

.

Risposte

BASE n. 432 - Della latitudine possiamo dire che:

F

è la misura angolare di un arco di parallelo

V

assume il suo valore massimo in corrispondenza dei poli geografici

F

assume valori positivi verso Est e negativi verso Ovest

.

Risposte

BASE n. 433 - Le coordinate geografiche:

V

servono a stabilire la posizione di un punto sulla superficie terrestre

F

consistono nell'equatore e nel meridiano di Greenwich

F

non sono calcolabili alle alte latitudini

.

Risposte

BASE n. 434 - Cosa rappresenta un primo di latitudine?

V

La misura della distanza equivalente ad un miglio marino

F

La distanza angolare dall'uno all'altro dei 360 meridiani considerati

F

La distanza angolare tra due dei 180 paralleli considerati

.

Risposte

BASE n. 435 - Quali tra i seguenti sono elementi del sistema di riferimento sulla sfera terrestre?

V

Poli geografici, equatore e meridiano di Greenwich

F

Rosa dei venti, longitudine e latitudine

F

Miglio nautico, lossodromia e ortodromia

.

Risposte

BASE n. 436 - Cosa sono i paralleli?

V

Gli infiniti circoli minori, paralleli all'equatore

F

Gli infiniti semicircoli che uniscono i poli

F

Gli infiniti circoli minori che uniscono i poli

.

Risposte

BASE n. 437 - Il grado:

V

è l'unità di misura angolare, pari alla 360esima parte di un angolo giro; si divide in 60' ed ogni primo in 60"

F

è l'unità di misura angolare, pari alla 360esima parte di un angolo giro; si divide in 60' ed ogni primo in 90"

F

è l'unità di misura angolare, pari alla 60esima parte di un angolo giro; si divide in 60' ed ogni primo in 90"

.

Risposte

BASE n. 438 - Cosa rappresenta un primo di longitudine?

F

La misura della distanza equivalente ad un miglio marino

F

La distanza angolare dall'uno all'altro dei 360 meridiani considerati

F

La distanza angolare dall'uno all'altro dei 90 paralleli considerati

.

Risposte

BASE n. 439 - Cos'è l'equatore?

F

Il semicircolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le longitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: est ed ovest

V

Il circolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le latitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: nord e sud

F

Il circolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le longitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: est ed ovest

.

Risposte

BASE n. 440 - La Terra:

F

ha la forma di una sfera un po' schiacciata all'equatore

F

assimilata a una sfera, ha un diametro di circa 6.371 Km

V

vista dal Polo nord, gira intorno al suo asse di rotazione in senso antiorario

.

Risposte

BASE n. 441 - Considerata la Terra sferica, si ha che:

F

l'equatore è lungo 40.000 miglia

F

una circonferenza intera corrisponde a 180°

V

un arco di equatore di 1° è lungo 60 miglia

.

Risposte

BASE n. 442 - Per come viene definito, del meridiano di Greenwich possiamo dire che:

V

come tutti i meridiani, è la metà di un cerchio massimo passante per i poli geografici

F

divide la Terra in Nord e Sud

F

divide la Terra nei due emisferi boreale e australe

.

Risposte

BASE n. 443 - Un grado di latitudine equivale a:

V

60 miglia

F

10 miglia

F

30 miglia

.

Risposte

BASE n. 444 - I punti cardinali sono:

V

4

F

2

F

3

.

Risposte

BASE n. 445 - Per come viene definito, del meridiano di Greenwich possiamo dire che:

V

è il meridiano a partire dal quale si rapportano le longitudini

V

è il semicerchio massimo ovvero il meridiano "0"

F

divide la Terra nei due emisferi boreale e australe

.

Risposte

BASE n. 446 - Sulla relazione tra i punti della Terra e le loro coordinate geografiche possiamo dire che:

V

i valori Lat=35° e Long=080° non sono sufficienti per individuare il punto nave

V

tutti i punti di un parallelo hanno la stessa latitudine

V

i valori Lat=50° e Long=160° non sono sufficienti per individuare il punto nave

.

Risposte

BASE n. 447 - Sulla relazione tra i punti della Terra e le loro coordinate geografiche possiamo dire che:

V

il valore Long=075°E individua tutti i punti di un meridiano

F

tutti i punti con valori positivi della longitudine si trovano nell'emisfero ovest

F

i valori Lat=40° e Long=120° individuano due punti

.

Risposte

BASE n. 448 - Del reticolo geografico terrestre formato dai paralleli e dai meridiani possiamo dire che:

F

tutti i punti di un meridiano hanno la stessa distanza dal meridiano di Greenwich

V

tutti i punti di un parallelo hanno la stessa distanza dall'equatore

V

tutti i paralleli sono cerchi con il centro sull'asse della Terra

.

Risposte

BASE n. 449 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

V

un arco di meridiano o di equatore corrispondente a 1° è lungo 60 miglia

F

un quarto di circonferenza misura 2.700'

V

tutti i circoli massimi misurano circa 40.000 Km

.

Risposte

BASE n. 450 - Le coordinate geografiche:

V

vengono chiamate latitudine e longitudine

F

variano al variare della declinazione magnetica

V

utilizzano come sistema di riferimento i meridiani e i paralleli

.

Risposte

BASE n. 451 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

F

un cerchio massimo terrestre è lungo 40.000 miglia

V

un miglio marino misura 1.852 m

F

mezza circonferenza misura 90°

.

Risposte

BASE n. 452 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

V

un arco di meridiano di 1' è lungo un miglio

V

un quarto di circonferenza misura 90°

F

l'arco di meridiano tra l'equatore e un polo misura 10.000 miglia

.

Risposte

BASE n. 453 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

F

un arco di meridiano di 1' è lungo 120 miglia

F

l'angolo al centro tra due meridiani varia con la latitudine

F

un arco di parallelo di 1' è lungo 60 miglia

.

Risposte

BASE n. 454 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

F

l'equatore è lungo 42.328 miglia

V

una circonferenza intera corrisponde a 360°

V

un arco di equatore di 1° è lungo 60 miglia

.

Risposte

BASE n. 455 - Per come viene definito, del meridiano di Greenwich possiamo dire che:

V

è il meridiano a partire dal quale si misurano le longitudini

V

come tutti i meridiani, è la metà di un cerchio massimo passante per i poli geografici

F

divide la Terra nei due emisferi boreale e australe

.

Risposte

BASE n. 456 - Per come viene definito, dell'equatore possiamo dire che:

F

appartiene a un piano parallelo all'asse di rotazione

V

e il riferimento a partire dal quale si misura la latitudine

V

è l'unico parallelo ad essere un cerchio massimo

.

Risposte

BASE n. 457 - Sulla relazione tra i punti della Terra e le loro coordinate geografiche possiamo dire che:

F

il valore Long=075° W individua tutti i punti di un meridiano e del suo antimeridiano

F

tutti i punti con valori positivi della longitudine si trovano nell'emisfero ovest

F

i valori Lat=45° e Long=120° individuano due punti

.

Risposte

BASE n. 458 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

V

un circolo massimo misura 21.600'

V

la distanza angolare tra due paralleli è la stessa a qualsiasi longitudine

F

un arco di meridiano o di equatore corrispondente a 1' è lungo circa 1.000 metri

.

Risposte

BASE n. 459 - Considerata la Terra sferica, sulla relazione tra archi, distanze e misure angolari possiamo dire che:

V

un arco di meridiano o di equatore corrispondente a 1° è lungo 60 miglia

F

un quarto di circonferenza misura 2.700'

V

la circonferenza equatoriale misura 40.000 Km

.

Risposte

BASE n. 460 - La latitudine ha un valore compreso tra:

F

0° e 180° Nord e 0° e 180° Sud

V

0° e 90° Nord e 0° e 90° Sud

F

0° e 360° Nord e 0° e 360° Sud

.

Risposte

BASE n. 461 - Qual è la caratteristica dei punti lungo un arco di parallelo?

V

Hanno tutti la stessa latitudine

F

Hanno tutti la stessa longitudine

F

Sono tutti equidistanti fra loro

.

Risposte

BASE n. 462 - Il valore massimo della longitudine corrisponde a:

F

90°

V

180°

F

360°

.

Risposte

BASE n. 463 - 120 miglia sono pari a:

F

120 Km

V

2° di latitudine

V

120' di latitudine

.

Risposte

BASE n. 464 - 180 miglia sono pari a:

V

3° di latitudine

F

180 Km

F

1800 Km

.

Risposte

BASE n. 465 - 150 miglia sono pari a:

F

15°

F

15'

F

150°

.

Risposte

BASE n. 466 - 30 miglia sono pari a:

F

100 Km

F

60°

F

15°

.

Risposte

BASE n. 467 - 100 miglia sono pari a:

F

100 Km

V

100' di latitudine

F

10°

.

Risposte

BASE n. 468 - Tra quali valori è compresa la longitudine?

F

Tra 0° e 90° verso E o W

F

Da 0° a 360° in senso orario

V

Tra 0° e 180° verso E o W

.

Risposte

BASE n. 469 - Qual è la definizione di miglio nautico?

V

La lunghezza dell'arco di meridiano ampio un sessantesimo di grado

F

La lunghezza dell'arco di cerchio massimo ampio un grado

F

La lunghezza dell'arco di equatore ampio un grado

.

Risposte

BASE n. 470 - Per come viene definito un cerchio massimo, possiamo dire che:

V

l'equatore è un cerchio massimo

F

tutti i paralleli sono cerchi massimi

V

il meridiano di Greenwich è un semicerchio massimo

.

Risposte

BASE n. 471 - A quanto equivale un miglio marino?

F

A 1.850 metri, pari alla lunghezza di 1° di longitudine alla latitudine di 44°27'N

V

A 1.852 metri, pari alla lunghezza di 1' di latitudine alla latitudine di 44°27'N

F

A 1.450 metri, pari alla lunghezza di 1° di latitudine alla latitudine di 44°27'N

.

Risposte

BASE n. 472 - Come si chiama il circolo massimo che divide la Terra nei due emisferi australe e boreale (nord e sud)?

F

Meridiano di Greenwich

V

Equatore

F

Orizzonte

.

Risposte

BASE n. 473 - A quanti primi equivale un miglio?

V

1' di latitudine

F

10' di longitudine

F

60' di latitudine

.

Risposte

BASE n. 474 - Il miglio marino è lungo:

F

1850 metri

V

1852 metri

F

1842 metri

.

Risposte

BASE n. 475 - 120 miglia sono pari a:

V

2° di latitudine

F

l20' di longitudine

F

l20°

.

Risposte

BASE n. 476 - Un miglio corrisponde a:

F

1° di latitudine

V

un arco di primo del circolo massimo

F

un'ora di navigazione

.

Risposte

BASE n. 477 - 60 miglia sono pari a:

V

1° di latitudine

F

60' di longitudine

F

60°

.

Risposte

BASE n. 478 - Che cosa sono i punti cardinali?

F

Quattro punti qualsiasi dell'orizzonte visibile

V

Rappresentazioni delle quattro direzioni principali sul piano orizzontale: quelle N e S del meridiano e quelle E e W ad esso perpendicolari

F

Coincidono con prora, poppa, traverso di dritta e traverso di sinistra di un'imbarcazione

.

Risposte

BASE n. 479 - I punti di uno stesso parallelo indicano:

V

la stessa latitudine

F

la stessa declinazione

F

la stessa longitudine

.

Risposte

BASE n. 480 - Esiste un punto con coordinate geografiche: Lat=0° e Long=0°?

F

Non esiste perché si devono specificare i relativi punti cardinali

F

Sì, al Polo nord o al Polo sud

V

Sì è l'intersezione tra l'equatore ed il meridiano di Greenwich

.

Risposte

BASE n. 481 - Quali sono i parametri che definiscono il moto effettivo?

V

Rv (angolo di rotta vera) e Ve (velocità effettiva)

F

Pv (angolo di prora vera) e Vp (velocità propria o propulsiva)

F

Rsp (angolo di rotta in superficie) e Vs (velocità in superficie)

.

Risposte

BASE n. 482 - Cos'è l'equatore?

F

Il semicircolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le longitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: est ed ovest

V

Il circolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le latitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: nord e sud

F

Il circolo massimo fondamentale, al quale si rapportano le longitudini dei luoghi; divide la Terra in due emisferi: nord e sud

.

Risposte

BASE n. 483 - Cosa sono i punti cardinali?

V

Sono quattro punti dell'orizzonte visibile situati a Nord, Sud, Est e Ovest

F

Non sono punti veri e propri, ma rappresentano le quattro direzioni principali sul piano orizzontale

F

Sono i punti N, S, E, ed O della rosa graduata della bussola magnetica

.

Risposte

BASE n. 484 - Cosa si intende per longitudine del fuso?

V

La longitudine del meridiano centrale del fuso

F

La longitudine del meridiano Est del fuso.

F

La longitudine del meridiano Ovest del fuso

.

Risposte

BASE n. 485 - Se siamo in rotta di incrocio e i rilevamenti polari diminuiscono:

F

bisogna manovrare per evitare una sicura collisione

F

le rotte delle due unità sono parallele e costanti

V

non vi sarà collisione: l'altra nave passerà per prima e ci passerà di prora

.

Risposte

BASE n. 486 - Se siamo in rotta di incrocio e i rilevamenti polari aumentano:

F

bisogna manovrare per evitare una sicura collisione

V

non vi sarà collisione: noi passeremo per primi e l'altra nave ci passerà di poppa

F

non vi sarà collisione: l'altra nave passerà per prima e ci passerà di prora

.

Risposte

BASE n. 487 - In quali porti bisogna tenere la dritta sia entrando sia uscendo?

F

In tutti i porti

F

In nessun porto

V

In tutti i porti, salvo diversa prescrizione del Portolano

.

Risposte

BASE n. 488 - In quali porti bisogna dare la precedenza alle unità che escono su quelle che entrano?

F

Solo nei porti con imboccatura unica

F

In nessun porto

V

In tutti i porti, salvo diversa prescrizione del Portolano

.

Risposte

BASE n. 489 - Se siamo in rotta di incrocio e i rilevamenti polari rimangono costanti e la distanza diminuisce:

V

bisogna manovrare per evitare una sicura collisione

F

non vi sarà collisione: noi passeremo per primi e l'altra nave ci passerà di poppa

F

non vi sarà collisione: l'altra nave passerà per prima e ci passerà di prora

.

Risposte

BASE n. 490 - Stabiliamo che esiste pericolo di collisione con un'altra nave:

F

esclusivamente quando diminuisce la distanza tra le due navi

F

quando si rileva l'altra nave in rotta opposta a poppa del traverso

V

quando il rilevamento polare non cambia e la distanza diminuisce

.

Risposte

BASE n. 491 - Se il rilevamento non varia e la distanza diminuisce vuol dire che:

F

si naviga su rotte parallele

V

c'è rischio di collisione

F

ci si sta allontanando

.

Risposte

BASE n. 492 - Cos'è la rotta vera di una nave?

F

L'arco di cerchio massimo congiungente due punti

V

La linea immaginaria che rappresenta il cammino della nave rispetto al fondo marino

F

Il percorso più breve congiungente due punti del globo

.

Risposte

BASE n. 493 - Qual è la velocità di una nave che percorre 20 miglia in due ore e mezza?

V

8 nodi

F

10 nodi

F

6 nodi

.

Risposte

BASE n. 494 - I 360° dell'orizzonte sono divisi in quattro quadranti: 1 NE - 2 ES - 3 SW - 4 WN. La Rv per 225° in quale quadrante si trova?

F

1

F

2

V

3

.

Risposte

BASE n. 495 - Se navighiamo con Rv = 180°, quale delle due coordinate rimarrà invariata?

F

La latitudine

V

La longitudine

F

Nessuna delle due

.

Risposte

BASE n. 496 - Cos'è l'angolo di rotta Rv?

V

L'angolo che il percorso della nave in ciascun punto forma con la direzione Nord del meridiano geografico; si misura da 0° a 360° in senso orario a partire da Nord

F

L'angolo che la chiglia della nave forma con la direzione Nord del meridiano geografico; si misura da 0° a 360° in senso orario a partire da Nord

F

L'angolo che il percorso della nave in ciascun punto forma con la direzione Sud del meridiano geografico; si misura da 0° a 360° in senso orario a partire da Sud

.

Risposte

BASE n. 497 - I 360° dell'orizzonte sono divisi in quattro quadranti: 1 NE - 2 ES - 3 SW - 4WN. La Rv per 036° in quale quadrante si trova?

V

1

F

2

F

4

.

Risposte

BASE n. 498 - Cos'è la rotta vera?

F

È l'arco di cerchio massimo congiungente il punto di partenza con quello d'arrivo

F

Il percorso più breve congiungente due punti del globo

F

È il percorso che la nave segue lungo i paralleli

.

Risposte

BASE n. 499 - Qual è la velocità di una nave che percorre 15 miglia in tre ore?

V

5 nodi

F

7 miglia all'ora

F

3 nodi

.

Risposte

BASE n. 500 - Qual è la velocità di una nave che percorre 12 miglia in due ore?

F

6 nodi all'ora

V

6 nodi

F

12 miglia all'ora

.

Risposte

BASE n. 501 - Qual è la caratteristica di una rotta lossodromica?

V

È il percorso che mantiene costante l'angolo di rotta (Rv)

F

Consente di governare continuamente con un angolo alla bussola costante sotto i 180°

F

Consente di governare continuamente con un angolo di rotta costante sotto i 180°

.

Risposte

BASE n. 502 - Tra quali valori può variare l'angolo di rotta?

F

Tra 0° e 180° verso E o verso O a partire da N

F

Tra 0° e 360° in senso antiorario a partire da N

V

Tra 0° e 360° in senso orario a partire da N

.

Risposte

BASE n. 503 - Cos'è l'angolo di rotta vera?

V

L'angolo compreso tra la direzione del Nord e la direzione del percorso della nave

F

L'angolo uguale a 180°

F

La rotta definita dall'angolo compreso tra la direzione del Sud e la direzione del moto della nave

.

Risposte

BASE n. 504 - Cosa si intende per rilevamento di un oggetto?

F

L'angolo che un astro forma con il meridiano 0°

F

L'avvistamento di un punto cospicuo della costa

F

L'angolo che il piano orizzontale dell'oggetto rilevato forma con il Nord

.

Risposte

BASE n. 505 - L'angolo formato tra il meridiano vero e il meridiano magnetico si chiama:

F

Deviazione

V

Declinazione magnetica

F

Variazione magnetica

.

Risposte

BASE n. 506 - Un'imbarcazione che naviga con il maestrale al mascone di dritta ha una prora di:

V

270°

F

315°

F

225°

.

Risposte

BASE n. 507 - Di quali elementi devo disporre per conoscere la distanza percorsa?

F

Tempo e rotta

V

Velocità e tempo

F

Velocità e rotta

.

Risposte

BASE n. 508 - La mia rotta di ritorno differisce da quella di andata di:

F

± 0°

F

± 90°

V

± 180°

.

Risposte

BASE n. 509 - Il rilevamento:

F

è l'angolo fra la direzione del Nord e la direzione del moto della nave

V

fornisce un luogo di posizione

F

è un'operazione automatica che fa la strumentazione di bordo

.

Risposte

BASE n. 510 - Se osserviamo due oggetti con uguale rilevamento abbiamo:

V

un allineamento

F

un cerchio di uguale distanza

F

un incrocio

.

Risposte

BASE n. 511 - Da cosa può essere influenzato il percorso effettivamente seguito rispetto alla rotta stimata?

V

Da vento e/o corrente

F

Solo dalla deriva

V

Anche dalle correnti di marea

.

Risposte

BASE n. 512 - Se siamo su una nave in navigazione:

V

chiamiamo rotta l'insieme dei punti effettivamente percorsi rispetto alla superficie terrestre

V

in assenza di elementi perturbatori del moto, la prora coincide con la rotta

F

chiamiamo rotta un tratto di mare non influenzato da correnti

.

Risposte

BASE n. 513 - Se siamo su una nave in navigazione:

F

chiamiamo angolo di rotta, l'angolo che la prua forma con la direzione del Nord

V

chiamiamo rotta l'insieme dei punti effettivamente percorsi sulla superficie terrestre

V

in assenza di elementi perturbatori del moto, la prora coincide con la rotta

.

Risposte

BASE n. 514 - Se siamo su una nave in navigazione:

F

chiamiamo rotta un tratto di mare non influenzato da correnti

F

in presenza di elementi perturbatori del moto, la prora coincide con la rotta

F

si può assumere una rotta di 380°

.

Risposte

BASE n. 515 - Se siamo su una nave in navigazione:

F

chiamiamo angolo di rotta, l'angolo che la prua forma con la direzione del Nord

F

risentiamo del solo effetto della corrente

F

risentiamo del solo effetto del vento

.

Risposte

BASE n. 516 - Qual è la velocità di una nave che percorre 20 miglia in due ore e mezza?

F

10 nodi

F

20 nodi

F

2,5 nodi

.

Risposte

BASE n. 517 - Qual è la velocità di una nave che percorre 15 miglia in tre ore?

F

45 nodi

F

10 nodi

F

22,5 nodi

.

Risposte

BASE n. 518 - Cos'è l'angolo di rotta vera?

F

L'angolo uguale a 180°

F

L'angolo che il percorso della nave in ciascun punto forma con la direzione Sud del meridiano geografico; si misura da 0° a 360° in senso orario a partire da Sud

F

La rotta definita dall'angolo compreso tra la direzione del Sud e la direzione del moto della nave

.

Risposte

BASE n. 519 - Quanto tempo impiega un'unità a percorrere 24 miglia alla velocità di 8 nodi?

F

1 ora

F

2 ore

V

3 ore

.

Risposte

BASE n. 520 - Quanto spazio percorre in 1 ora un'unità che naviga alla velocità di 8 nodi?

F

4 miglia

V

8 miglia

F

12 miglia

.

Risposte

BASE n. 521 - A che velocità vado se percorro 26 miglia in 2 ore?

F

10 nodi

V

13 nodi

F

16 nodi

.

Risposte

BASE n. 522 - Qual è la velocità di un'unità che percorre 5 miglia in 20 minuti?

V

15 nodi

F

20 nodi

F

30 nodi

.

Risposte

BASE n. 523 - Se la mia barca si trova a nord del faro di Portoferraio, per quanto rilevo questo faro?

V

180°

F

360°

F

240°

.

Risposte

BASE n. 524 - Se la mia barca si trova a nord-ovest del faro di Portoferraio, per quanto rilevo questo faro?

F

315°

V

135°

F

215°

.

Risposte

BASE n. 525 - Cos'è l'angolo di scarroccio?

F

L'angolo di cui devia il percorso della nave per il vento e la corrente

F

L'angolo di cui devia il percorso della nave a causa dell'azione della corrente

V

L'angolo di cui devia il percorso della nave a causa dell'azione del vento

.

Risposte

BASE n. 526 - Quali sono gli strumenti della navigazione stimata?

F

Solcometro e bussola

V

Bussola, solcometro e orologio

F

Bussola e contagiri (per misura della velocità propria)

.

Risposte

BASE n. 527 - Tra le possibili applicazioni della relazione S=V x T tra spazio, tempo e velocità, abbiamo che:

V

a velocità costante, aumentando lo spazio da percorrere aumenta il tempo di navigazione necessario

F

a distanza costante, aumentando la velocità aumenta il tempo di percorrenza

F

a tempo costante, aumentando il percorso diminuisce la velocità necessaria

.

Risposte

BASE n. 528 - Le misure nautiche e terrestri di spazio e velocità sono tra loro in relazione approssimata come segue:

F

20 miglia corrispondono a circa 44 km

V

22 nodi corrispondono a circa 40 km/h

F

18 nodi = 18 m/s

.

Risposte

BASE n. 529 - Nelle relazioni tra rotta e prora di un'unità in navigazione:

V

in assenza di elementi perturbatori, la prora vera coincide con la rotta vera

V

La prora si legge in corrispondenza della linea di fede della bussola

V

la rotta vera non dipende dal campo magnetico terrestre

.

Risposte

BASE n. 530 - Quali sono gli elementi identificativi di una corrente marina?

V

Direzione e velocità

F

Temperatura e velocità

F

Direzione di provenienza e temperatura

.

Risposte

BASE n. 531 - Cosa si intende per direzione di una corrente?

F

La direzione rispetto alla costa

F

La direzione dalla quale la massa d'acqua proviene

V

La direzione verso cui la massa d'acqua dirige

.

Risposte

BASE n. 532 - Come si chiamano i movimenti orizzontali di masse d'acqua in mare?

V

Correnti

F

Moto ondoso

F

Maree

.

Risposte

BASE n. 533 - Quali sono gli elementi di individuazione di una corrente?

F

Deviazione e declinazione

V

Direzione e intensità

F

Rotta e prora

.

Risposte

BASE n. 534 - Una corrente direzione Nord significa che:

F

viene da Nord

V

va verso da Nord

F

abbiamo la corrente in prora

.

Risposte

BASE n. 535 - Gli elementi che caratterizzano la corrente sono:

F

la velocità e la direzione da cui proviene

F

la velocità e la direzione stimate

V

la velocità e la direzione di spostamento

.

Risposte

BASE n. 536 - Dove si trovano i valori della deviazione magnetica?

V

Su tabelle in dotazione alle imbarcazioni

F

Sul Portolano e sull'Elenco dei fari e segnali da nebbia

F

Sulle carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 537 - Quanti minuti occorrono per compiere lo spazio di 2 miglia alla velocità di 6 nodi?

V

20 minuti

F

30 minuti

F

15 minuti

.

Risposte

BASE n. 538 - Un'unità che procede con velocità di 18 nodi, quante miglia percorre in 2 ore?

F

40 miglia

V

36 miglia

F

6 miglia

.

Risposte

BASE n. 539 - Una nave che procede con velocità di 10 nodi, quante miglia percorre in 15 minuti?

V

2,5

F

3

F

3,6

.

Risposte

BASE n. 540 - Una nave che procede con velocità di 18 nodi, quante miglia percorre in 30 minuti?

V

9

F

12

F

1,35

.

Risposte

BASE n. 541 - Un'unità che procede a velocità di 30 nodi, quante miglia percorre in 6 minuti?

F

10,4

F

7,6

V

3

.

Risposte

BASE n. 542 - Una nave che procede con velocità di 12 nodi, quante miglia percorre in 20 minuti?

F

3

V

4

F

6

.

Risposte

BASE n. 543 - Una nave che procede con velocità di 10 nodi, quante miglia percorre in 45 minuti?

F

8

V

7,5

F

7

.

Risposte

BASE n. 544 - Una nave che procede con velocità di 10 nodi, quante miglia percorre in 45 minuti?

F

6,6

F

6,7

F

6,8

.

Risposte

BASE n. 545 - In navigazione:

V

la determinazione del punto stimato è in funzione della prora, della velocità e del tempo

V

la determinazione del punto nave è in funzione degli elementi in vista della costa

F

la determinazione del punto nave è possibile solo se ci si allontana oltre 1 miglio dalla costa

.

Risposte

BASE n. 546 - La deviazione magnetica dipende:

F

dalla posizione della nave sul globo terrestre

F

dalla velocità effettiva dell'imbarcazione

V

dai ferri duri e i ferri dolci che si trovano a bordo

.

Risposte

BASE n. 547 - La declinazione magnetica è:

V

l'angolo compreso tra la direzione del Nord vero e quella del Nord magnetico

F

l'angolo compreso tra la direzione del Nord bussola e quella del Nord magnetico

F

l'angolo compreso tra la direzione del Polo nord e quella del Nord bussola

.

Risposte

BASE n. 548 - La declinazione magnetica:

F

ha valore costante lungo i punti di uno stesso meridiano

V

può variare tra 0° e 180°

F

è positiva quando il Nord magnetico è a ovest del Nord vero

.

Risposte

BASE n. 549 - La declinazione magnetica:

V

viene indicata con la lettera "d"

V

è l'angolo compreso tra la direzione del Nord vero e la direzione del Nord magnetico

F

ha valore costante lungo i punti di uno stesso meridiano

.

Risposte

BASE n. 550 - La declinazione magnetica:

V

varia di valore annualmente in relazione alla posizione geografica

V

può variare tra 0° e 180°

F

è positiva quando il Nord magnetico è a ovest del Nord vero

.

Risposte

BASE n. 551 - La declinazione magnetica:

V

viene indicata con la lettera "d"

V

varia di valore annualmente in relazione alla posizione geografica

F

ha valore costante lungo i punti di uno stesso meridiano

.

Risposte

BASE n. 552 - La variazione magnetica è:

F

la differenza tra declinazione e deviazione

V

la somma algebrica della declinazione e della deviazione

F

il prodotto della declinazione e della deviazione

.

Risposte

BASE n. 553 - La declinazione magnetica varia:

V

al variare della posizione geografica

F

cambiando il sistema di riferimento

F

con la posizione del sole

.

Risposte

BASE n. 554 - La declinazione magnetica può essere:

F

Nord - Sud (positiva o negativa)

V

Est-Ovest (positiva o negativa)

F

A dritta - A sinistra

.

Risposte

BASE n. 555 - Il punto nave è dato:

F

dal luogo di posizione

V

dall'intersezione di due o più luoghi di posizione

F

da almeno cinque luoghi di posizione

.

Risposte

BASE n. 556 - Il valore della declinazione magnetica cambia:

V

al variare della posizione geografica

F

virando a babordo

F

cambiando posto alla bussola

.

Risposte

BASE n. 557 - Quando l'angolo di scarroccio è positivo o negativo?

F

È positivo verso E e negativo verso W

F

È positivo quando ha lo stesso segno della deviazione e negativo se ha segno opposto

V

È positivo se a dritta, negativo se a sinistra della prora

.

Risposte

BASE n. 558 - La navigazione è stimata quando:

V

la determinazione del punto stimato è in funzione della rotta seguita e delle miglia percorse in un dato intervallo di tempo

F

la determinazione del punto stimato è in funzione degli elementi in vista della costa

V

utilizzo bussola, orologio e solcometro

.

Risposte

BASE n. 559 - Per la navigazione stimata occorrono:

F

bussola, binocolo e solcometro

V

bussola, orologio e solcometro

F

binocolo, orologio e solcometro

.

Risposte

BASE n. 560 - Per effettuare una corretta navigazione stimata è necessario avere a bordo:

V

una bussola precisa

F

un VHF

V

un orologio ed un solcometro

.

Risposte

BASE n. 561 - Effettuare una corretta navigazione stimata consiste tra l'altro:

V

nel conoscere la posizione stimata del punto di partenza

V

nel calcolare la posizione stimata con la relazione S=V x T

V

nel conoscere l'ora esatta della partenza

.

Risposte

BASE n. 562 - Effettuare una corretta navigazione stimata consiste tra l'altro:

V

nel conoscere la posizione stimata del punto di partenza

V

nel calcolare la posizione stimata con la relazione S=V x T

V

nel fare riferimento alla velocità propulsiva

.

Risposte

BASE n. 563 - Cosa si intende per deriva positiva o negativa?

V

La deriva che si produce rispettivamente a dritta o a sinistra della nave

F

La deriva E o W

F

La deriva dello stesso segno della deviazione o di segno opposto

.

Risposte

BASE n. 564 - A parità di corrente la deriva:

F

è tanto maggiore quanto maggiore è l'opera viva ed il pescaggio della nave

F

è tanto maggiore quanto minore è l'opera viva e quanto maggiore è il pescaggio della nave

V

è uguale per tutte le navi seppur diverse per forma e dimensione

.

Risposte

BASE n. 565 - A parità di corrente la deriva:

F

è tanto maggiore quanto maggiore è l'opera viva ed il pescaggio della nave

F

è proporzionale all'opera viva

F

è inversamente proporzionale al pescaggio

.

Risposte

BASE n. 566 - A parità di corrente la deriva:

F

è tanto minore quanto maggiore è l'opera viva ed il pescaggio della nave

F

è tanto maggiore quanto maggiore è l'opera viva ed il pescaggio della nave

F

dipende dalla forma della nave

.

Risposte

BASE n. 567 - Se la mia unità rileva per Rlv=050° il faro di Ponza, per quale Rlv vengo rilevato da questo faro?

F

050°

V

230°

F

180°

.

Risposte

BASE n. 568 - Se la mia barca si trova ad ovest del faro della Meloria, per quanto rilevo questo faro?

F

270°

V

090°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 569 - Le misure nautiche e terrestri di spazio e velocità sono tra loro in relazione approssimata come segue:

V

11 miglia corrispondono a circa 20 km

V

50 nodi corrispondono a circa 92 Km/h

F

30 nodi corrispondono a circa 66 Km/h

.

Risposte

BASE n. 570 - Le misure nautiche e terrestri di spazio e velocità sono tra loro in relazione approssimata come segue:

F

20 miglia corrispondono a circa 44 Km

V

40 Km/h corrispondono a circa 22 nodi

F

30 nodi corrispondono a circa 60 m/s

.

Risposte

BASE n. 571 - Rilevo il faro di Capo S. Marco per 0°, mi trovo a:

F

270° dal faro

F

90° dal faro

V

180° dal faro

.

Risposte

BASE n. 572 - Le misure nautiche e terrestri di spazio e velocità sono tra loro in relazione approssimata come segue:

F

20 miglia corrispondono a circa 44 km

V

40 Km/h corrispondono a circa 22 nodi

V

20 km corrispondono a circa 11 miglia

.

Risposte

BASE n. 573 - Lo scarroccio influisce:

F

solo sulle barche a vela

F

solo sulle barche a motore

V

su tutte le barche

.

Risposte

BASE n. 574 - Se la posizione della mia nave è a 10 miglia sul Rlv 180° del faro di Pianosa:

F

mi trovo a nord del faro, distanza 10 miglia

V

mi trovo a sud del faro, distanza 10 miglia

F

non dispongo di elementi sufficienti a definire la mia posizione

.

Risposte

BASE n. 575 - I 360° dell'orizzonte sono divisi in quattro quadranti: 1NE - 2ES - 3SW - 4WN. La direzione (Rv o Rlv) 158° in quale quadrante si trova?

F

1

V

2

F

4

.

Risposte

BASE n. 576 - Una nave che mantiene Rv = 180°, che tipo di percorso segue?

F

Un percorso ortodromico

F

Una lossodromia

V

Sia un'ortodromia sia una lossodromia

.

Risposte

BASE n. 577 - Cos'è un nodo marino?

F

La grandezza che equivale a 1.850 metri, pari alla lunghezza di 1' di longitudine

F

La velocità di 1.850 metri all'ora

V

L'unità di misura della velocità della nave

.

Risposte

BASE n. 578 - Da quale angolo è rappresentata la differenza Pv - Pm?

F

Dalla deviazione magnetica

F

Dalla variazione magnetica

V

Dalla declinazione magnetica

.

Risposte

BASE n. 579 - Cos'è la velocità effettiva (Ve)?

F

È la velocità dovuta alle azioni sulla nave dei propulsori

F

È la velocità misurata dal solcometro

V

È la velocità dovuta alle azioni sulla nave di propulsori, vento e corrente

.

Risposte

BASE n. 580 - Quali sono i parametri che definiscono il moto in superficie?

F

Rv (angolo di rotta vera) e Ve (velocità effettiva)

V

Pv (angolo di prora vera) e Vp (velocità propria o propulsiva)

F

Rsp (angolo di rotta in superficie) e Vs (velocità in superficie)

.

Risposte

BASE n. 581 - Cos'è la rotta ortodromica?

F

È la linea che rappresenta il cammino della nave rispetto al fondo marino

F

È l'insieme dei punti della superficie terrestre su cui la nave è passata o dovrà passare

V

È il percorso più breve congiungente due punti del globo

.

Risposte

BASE n. 582 - Se la posizione della mia nave è a 6 miglia sul Rlv 135° del faro di Pianosa:

V

mi trovo a nord-ovest del faro, distanza 6 miglia

F

mi trovo a sud-est del faro, distanza 6 miglia

F

non dispongo di elementi sufficienti a definire la mia posizione

.

Risposte

BASE n. 583 - La rotta lossodromica tra due punti della Terra è generalmente:

V

un arco di spirale (che, se prolungato, si avvolgerebbe sulla sfera terrestre fino ad uno dei poli)

F

un arco di cerchio minore

F

un arco di cerchio massimo

.

Risposte

BASE n. 584 - Gli strumenti necessari per la navigazione stimata sono:

F

bussola, squadrette e scandaglio

F

bussola, barometro e orologio

V

bussola, orologio e solcometro

.

Risposte

BASE n. 585 - Quali sono i parametri che definiscono il moto proprio?

F

Rv (angolo di rotta vera) e Ve (velocità effettiva)

V

Pv (angolo di prora vera) e Vp (velocità propria o propulsiva)

F

Rsp (angolo di rotta in superficie) e Vs (velocità in superficie)

.

Risposte

BASE n. 586 - L'imbarcazione procede con Pb 200°. La declinazione è di 3°E, la deviazione è di 1°W. Determinare la corrispondente Pv

V

Pv=202°

F

Pv=198°

F

Pv=204°

.

Risposte

BASE n. 587 - Da cosa dipende la declinazione magnetica?

F

Dalla presenza a bordo di materiale magnetico

F

Dall'orientamento della prua dell'imbarcazione

V

Dal campo magnetico terrestre

.

Risposte

BASE n. 588 - Cos'è l'angolo di deriva?

F

L'angolo di cui devia il percorso della nave per il vento e la corrente

V

L'angolo di cui devia il percorso della nave a causa dell'azione della corrente

F

L'angolo di cui devia il percorso della nave a causa dell'azione del vento

.

Risposte

BASE n. 589 - Sto navigando e devo determinare la posizione della mia nave rispetto ad un punto cospicuo. Di cosa ho bisogno?

F

Di due rilevamenti contemporanei di un solo punto cospicuo

V

Di un rilevamento e di una distanza del punto cospicuo

F

Di due distanze di un solo punto cospicuo

.

Risposte

BASE n. 590 - La navigazione è stimata quando:

V

la determinazione del punto stimato è in funzione della prora seguita e delle miglia percorse in un dato intervallo di tempo

F

la determinazione del punto nave è in funzione degli elementi in vista della costa

F

la determinazione della rotta vera è in funzione del punto nave stimato

.

Risposte

BASE n. 591 - Una barca procede con Pv 270° in presenza di venti meridionali e in assenza di corrente. Se lo skipper apprezza un angolo di scarroccio di 3°, qual è la Rv della nave?

V

Rv=273°

F

Rv=267°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 592 - Da quale angolo è rappresentata la differenza Pm - Pb?

V

Dalla deviazione magnetica

F

Dalla variazione magnetica

F

Dalla declinazione magnetica

.

Risposte

BASE n. 593 - Cos'è la velocità propria o propulsiva?

V

È la velocità impressa alla nave unicamente dalle sue o dalla sua elica

F

È la velocità impressa alla nave dal suo propulsore e dal vento

F

È la velocità impressa alla nave dal suo propulsore e dalla corrente

.

Risposte

BASE n. 594 - Cos'è la declinazione magnetica?

V

La differenza tra la direzione indicata dal meridiano geografico e quella indicata dal meridiano magnetico

F

La differenza angolare tra Nord vero e Nord bussola

F

La differenza angolare tra Nord magnetico e Nord bussola

.

Risposte

BASE n. 595 - Se la mia barca si trova a sud del faro di Rio Marina, per quanto rilevo questo faro?

F

180°

V

360°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 596 - La navigazione è costiera quando:

F

La determinazione del punto stimato è in funzione della rotta seguita e delle miglia percorse in un dato intervallo di tempo

V

La determinazione del punto è in funzione degli elementi in vista della costa

F

La determinazione del punto è possibile, se ci si allontana oltre 1 miglio dalla costa

.

Risposte

BASE n. 597 - Da quale documento si ricava il valore della declinazione magnetica?

F

Dal Portolano del luogo

V

Dalla carta nautica

F

Da un apposito documento edito dall'Istituto Idrografico della Marina

.

Risposte

BASE n. 598 - Qual è un altro modo di chiamare la velocità effettiva Ve?

V

Velocità rispetto al fondo marino

F

Velocità attraverso l'acqua

F

Velocità di scarroccio e deriva

.

Risposte

BASE n. 599 - Sulla base di quali elementi viene determinato il punto stimato?

F

Moto proprio, corrente e scarroccio.

V

Pv, velocità propria, posizione iniziale, tempo trascorso.

F

Posizione iniziale, rotta vera Rv, velocità effettiva

.

Risposte

BASE n. 600 - Quali sono i limiti di variabilità teorici della declinazione magnetica?

V

Da 0° a 180° E e O

F

Da 0° a 120° E e O

F

Da 0° a 90° E e O

.

Risposte

BASE n. 601 - La rotta per il porto è Rv=050°. In presenza di vento di scirocco, che genera uno scarroccio di 4°, e in assenza di corrente, quale Pv assume lo skipper per arrivare a destinazione?

V

Pv=054°

F

Pv=046°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 602 - Se la mia imbarcazione si trova a nord del faro di Porto Ferraio, per quanto rilevo questo faro?

V

180°

F

360°

F

non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 603 - Se la mia nave si trova sul Rlv 050° del faro di Ponza, quale Rlv misuro di questo faro?

V

050°

F

230°

F

non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 604 - Le tre relazioni seguenti legano la Pv e la Pb, quale delle tre è corretta?

F

Pb = prora vera + declinazione + deviazione

V

Pv = prora bussola + deviazione + declinazione

F

Pv = prora bussola - declinazione - deviazione

.

Risposte

BASE n. 605 - Una nave procede con Pv 270° in presenza di correnti meridionali e in assenza di vento. Se lo skipper apprezza un angolo di deriva di 4°, qual è la Rv della nave?

F

Rv=274°

V

Rv=266°

F

non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 606 - Cosa si intende per prora della nave?

F

La rotta che la nave segue

V

L'angolo tra il Nord e l'asse longitudinale della nave.

F

La parte posteriore della nave.

.

Risposte

BASE n. 607 - Sulla rosa graduata di una carta nautica compare la scritta: «Declinazione nel 2000 2° 50' W diminuisce annualmente di 8'». Quale sarà la declinazione nel 2004?

F

2° 18' N

F

2° 18' E

V

2° 18' W

.

Risposte

BASE n. 608 - Una barca procede con Pv 270° in presenza di venti settentrionali e in assenza di corrente. Se lo skipper apprezza un angolo di scarroccio di 3°, qual è la Rv della nave?

F

Rv=273°

V

Rv=267°

F

non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 609 - La rotta per il porto è Rv=180°. In presenza di vento di Levante, che genera uno scarroccio di 5°, e in assenza di corrente, quale Pv assume lo skipper per arrivare a destinazione?

F

Pv=185°

V

Pv=175°

F

non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 610 - Quando il rilevamento polare semicircolare di un oggetto si considera positivo o negativo?

V

Quando l'oggetto è rispettivamente a dritta o a sinistra dell'osservatore rivolto verso prua

F

Quando l'oggetto è rispettivamente N o a S della prua della nave

F

Quando è rispettivamente maggiore o minore della rotta

.

Risposte

BASE n. 611 - Lo skipper vuole procedere per Pv 050°. La declinazione è di 4° E, la deviazione è di 2° E. Determinare la corrispondente Pb su cui governare

F

Pb=48°

F

Pb=56°

V

Pb=44°

.

Risposte

BASE n. 612 - Lo skipper vuole procedere per Pv 080°. La declinazione è di 2°W, la deviazione è di 1°E. Determinare la corrispondente Pb su cui governare

F

Pb=79°

F

Pb=83°

V

Pb=081°

.

Risposte

BASE n. 613 - Se la mia imbarcazione si trova a sud est dello scoglio Africa, per quanto rilevo questo scoglio?

F

135°

V

315°

F

300°

.

Risposte

BASE n. 614 - Come si determina la declinazione magnetica?

F

Da tabelle in dotazione alle unità da diporto

F

Dal Portolano e dall'Elenco fari e fanali

V

Dalle carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 615 - La deviazione magnetica dipende da:

F

luogo dove la nave naviga

F

la velocità effettiva dell'imbarcazione

V

i ferri duri ed i ferri dolci che si trovano a bordo

.

Risposte

BASE n. 616 - Quali luoghi di posizione fornisce un radar?

V

Cerchio di distanza

F

Cerchio di distanza e rilevamento stellare

V

Cerchio di distanza e rilevamento polare

.

Risposte

BASE n. 617 - Il Portolano:

F

riporta ubicazione, descrizione e caratteristiche dei segnali luminosi e sonori delle coste del Mediterraneo

F

è il fascicolo periodico contenente dati, inserti e pagine sostitutive per l'aggiornamento delle carte e delle pubblicazioni nautiche

V

fornisce ogni notizia utile alla navigazione in prossimità della costa e delle zone di atterraggio

.

Risposte

BASE n. 618 - Cosa significa l'abbreviazione in inglese "FI (3) W 10s" che si trova nell'Elenco dei fari e segnali da nebbia edito in italiano dall'I.I.M.M.?

F

3 luci fisse verticali periodo 10 secondi

V

3 lampi bianchi periodo 10 secondi

F

scintillanti gruppi di 3 lampi bianchi periodo 10 secondi

.

Risposte

BASE n. 619 - Che cos'è la "caratteristica" del faro?

F

L'insieme delle proprietà strutturali che contraddistinguono il faro

F

Il colore della struttura del faro

V

La disposizione nel tempo delle luci e delle eclissi

.

Risposte

BASE n. 620 - Che cosa indica, nella colonna intestata "Descrizione della costruzione di sostegno" dell'Elenco dei fari, il numero che appare subito dopo?

F

L'altezza in metri della luce sul livello del mare

F

Il numero progressivo del faro

V

L'altezza del sostegno

.

Risposte

BASE n. 621 - Nell'Elenco fari, nella colonna relativa alla portata, quando è indicata quella geografica?

F

Sempre

F

Quando il faro è utile per l'atterraggio

V

Quando essa è minore di quella nominale o luminosa

.

Risposte

BASE n. 622 - Di un faro leggo: 29m, 20M. Che significa?

V

29 metri, 20 miglia

F

29 miglia, 20 metri

F

29 metri, 20 lampi di media

.

Risposte

BASE n. 623 - Su una carta nautica italiana in corrispondenza di un faro compare la seguente dicitura "Lam (2) 10s 20m 15M". Che significa?

F

Faro che emette due lampi ogni 10 secondi l'altezza della luce è di 15 metri sul l.m.m. - la portata nominale è di 20 miglia

V

Faro che emette due lampi ogni 10 secondi l'altezza della luce è di 20 l.m.m. - la portata nominale è di 15 miglia

F

Faro che emette dieci lampi ogni 2 secondi - l'altezza della luce è di 20 metri sul l.m.m. - la portata nominale è di 15 miglia

.

Risposte

BASE n. 624 - La portata dei segnalamenti luminosi marittimi segnata sulla carta nautica:

V

è quella nominale in condizioni atmosferiche standard

F

è quella teorica in condizioni atmosferiche standard

F

coincide con la potenza delle lampade in condizioni atmosferiche standard

.

Risposte

BASE n. 625 - In quale libro sono contenute le frequenze dei radiofari?

V

Nei Radioservizi per la navigazione

F

Nel libro dei fari

F

Nella raccolta delle carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 626 - L'Elenco dei fari e segnali da nebbia:

V

nella colonna 2 riporta il nome del segnalamento e la località dove si trova

F

viene ripubblicato ogni anno

F

nella colonna 3 riporta la descrizione del supporto della lanterna

.

Risposte

BASE n. 627 - Cosa significa l'abbreviazione in inglese "Oc W 5s" che si trova nell'Elenco dei fari e segnali da nebbia edito in italiano dall'I.I.M.M.?

V

Intermittente bianco periodo 5 secondi

F

Occultato per 5 secondi (in ogni periodo)

F

1 lampo bianco periodo 5 secondi

.

Risposte

BASE n. 628 - Su una carta nautica italiana in corrispondenza di un faro leggo: "Lam (2) 8s 30m 11M". Qual è il significato?

F

Faro di seconda categoria - 8 lampi nel periodo, portata geografica 30 miglia, portata luminosa 11 miglia

F

2 lampi di colore indeterminato - periodo 8 secondi - elevazione luce sui l.m.m: 30 metri - portata nominale: 11 miglia

V

2 lampi bianchi - periodo 8 secondi - elevazione luce sul l.m.m: 30 metri - portata nominale: 11 miglia

.

Risposte

BASE n. 629 - Accanto al simbolo di un faro su una carta nautica sono riportate le seguenti indicazioni: "Lam (2) 12s 27m 17M". Qual è il significato?

F

Luce a lampi - 2 lampi in 12 secondi di periodo - costruzione alta 27 metri sul l.m.m. - 17 miglia di portata geografica

F

Luce a lampi - periodo 12 secondi di cui 2 secondi di luce - luce alta 17 metri sul l.m.m. - portata nominale 27 miglia

V

Luce a lampi - 2 lampi in 12 secondi di periodo - luce alta 27 metri sul l.m.m. - 17 miglia di portata nominale

.

Risposte

BASE n. 630 - Cosa si intende per "aggiornamento" delle pubblicazioni nautiche?

F

Esclusivamente la segnalazione di nuove edizioni

V

Adeguamento delle pubblicazioni alle modifiche che intervengono

F

Modifica di pagine e cartine nell'Elenco dei fari e fanali

.

Risposte

BASE n. 631 - Cosa indica sulle carte nautiche italiane, l'abbreviazione Alt riferita alle luci?

V

Luce alternata

F

Altezza del segnale

F

Altezza della luce sul livello medio del mare

.

Risposte

BASE n. 632 - Il Portolano avverte che per un determinato porto i venti di traversia sono quelli del II quadrante. Cosa significa?

F

Che non ci sono grossi problemi ad entrare in posto con venti provenienti dal II quadrante

F

Che in caso di vento Ponente-Maestro è sconsigliato entrare in quel porto

V

Che il porto è poco protetto in caso di Levante, Scirocco e Ostro

.

Risposte

BASE n. 633 - Come viene abbreviata sulle carte nautiche italiane l'indicazione di luce a lampi?

F

Con "L.Lam"

F

Con "F.Lam"

V

Con "Lam"

.

Risposte

BASE n. 634 - Sulle carte nautiche italiane cosa significa l'abbreviazione "Sc. Int."?

F

Scogliera interna

F

Scafo interrato

V

Luce scintillante intermittente

.

Risposte

BASE n. 635 - Sulle carte nautiche un faro lampeggiante viene indicato con:

V

numero dei lampi, periodo, colore, altezza della luce, portata nominale

F

numero dei lampi, distanza dalla costa, asterisco, portata nominale

F

periodo, colore, distanza dalla costa, portata nominale

.

Risposte

BASE n. 636 - Nel fascicolo "Avvisi ai naviganti" sono contenuti aggiornamenti:

V

da riportare sulle carte, registrando le correzioni a penna sul margine inferiore sinistro

V

da riportare sulle pubblicazioni nautiche, applicando le strisce degli avvisi sulle pagine interessate, o sostituendole

F

da riportare sulle carte, sostituendole ogni due anni

.

Risposte

BASE n. 637 - Quale caratteristica di un segnalamento luminoso indica la lettera "F"?

F

Un faro

V

Una luce fissa

F

Un fondale basso

.

Risposte

BASE n. 638 - Sulla carta nautica un radiofaro circolare è indicato con la scritta:

V

RC

F

RFC

F

Rf.C.

.

Risposte

BASE n. 639 - Per la navigazione costiera occorre:

F

che il mare sia sempre calmo

V

vedere la costa

V

usare il portolano

.

Risposte

BASE n. 640 - Nella navigazione costiera ci dobbiamo attenere:

V

alle indicazioni del portolano

V

alle regole per prevenire gli abbordi in mare

V

alle ordinanze delle autorità marittime locali

.

Risposte

BASE n. 641 - Sul Portolano possiamo dire che:

V

fa parte delle pubblicazioni nautiche edite dall'Istituto Idrografico della Marina Militare

V

è indispensabile per l'atterraggio

F

riporta la simbologia che solitamente troviamo sulle carte nautiche

.

Risposte

BASE n. 642 - II Portolano:

V

riporta le foto e i disegni della costa, le caratteristiche dei porti e fornisce indicazioni su come navigare sotto costa

F

riporta l'elenco dei principali fari e fanali del Mediterraneo

F

è indispensabile per navigare in oceano

.

Risposte

BASE n. 643 - Il Portolano va aggiornato:

F

una volta all'anno tenendo conto degli avvisi ai naviganti

F

tutti i giorni

V

ogni 15 giorni tenendo conto degli avvisi ai naviganti

.

Risposte

BASE n. 644 - Per fare navigazione costiera è indispensabile:

V

vedere la costa

V

avere le carte nautiche a bordo

V

avere il Portolano aggiornato

.

Risposte

BASE n. 645 - I radioservizi per la navigazione:

V

è una pubblicazione periodica in due volumi relativi: uno a stazioni radiocostiere, radiofari, radioservizi sanitari e sistemi satellitari di posizionamento; l'altro ai servizi meteorologici

F

è una pubblicazione periodica in un volume relativo a stazioni radio, radiofari, radioservizi sanitari, radiogoniometri e radar

F

è una pubblicazione periodica in un volume relativa ai radioservizi sanitari

.

Risposte

BASE n. 646 - Quali tra le seguenti informazioni forniscono i Radioservizi per la navigazione?

F

Disciplina delle frequenze MF e VHF in uso nel servizio mobile marittimo

V

Stazioni costiere: servizi in MF, HF e VHF, servizi di radiodiffusione degli avvisi ai naviganti, radiosegnali orari

F

Servizi di diffusione di bollettini meteorologici

.

Risposte

BASE n. 647 - Cosa sono i Radioservizi per la Navigazione?

V

Sono pubblicazioni che forniscono al navigante tutte le notizie necessarie all'utilizzazione dei servizi radio di ausilio alla navigazione

F

Sono tabelle delle frequenze su cui sintonizzarsi per ricevere gli avvisi ai naviganti

F

Riportano l'elenco delle stazioni costiere per i servizi per la navigazione

.

Risposte

BASE n. 648 - Cosa riporta il fascicolo Avvisi ai Naviganti ?

F

Tutte le varianti annuali

F

La situazione dei fari nelle zone vietate alla navigazione

V

Tutte le varianti alle carte e alle varie pubblicazioni nautiche

.

Risposte

BASE n. 649 - Cos'è il "periodo" nella caratteristica del faro?

F

È l'intervallo di tempo tra due lampi successivi

F

È l'intervallo di tempo tra due eclissi successive

V

È l'intervallo di tempo durante il quale si ripete ciclicamente la sequenza di lampi ed eclissi della caratteristica del faro

.

Risposte

BASE n. 650 - Che significa "Int (2) 10s 26m 20M"?

V

2 intermittenze luce bianca - periodo 10 secondi - elevazione luce sul l.m.m. 26 metri - portata nominale 20 miglia

F

2 intermittenze colore indeterminato - periodo 10 secondi - elevazione luce sul l.m.m. 26 metri - portata luminosa nominale 20 miglia

F

faro di secondo tipo internazionale - periodo 10 secondi - portata geografica 26 miglia - portata luminosa 20 miglia

.

Risposte

BASE n. 651 - Cosa significa l'abbreviazione "FI G 5s" che si trova nell'Elenco dei fari e segnali da nebbia edito in italiano dall' I.I.M.M.?

F

Lampeggiante giallo periodo 5 secondi

F

1 lampo giallo periodo 5 secondi

V

1 lampo verde periodo 5 secondi

.

Risposte

BASE n. 652 - In un faro ISO:

V

la luce ha la stessa durata dell'eclissi

F

la luce ha la durata doppia dell'intervallo

F

la luce dura esattamente la metà dell'eclisse

.

Risposte

BASE n. 653 - Il solcometro a elica è costituito da:

V

un'elica che ha la funzione di sensore

F

un'elica a cui è attaccato un cavo che ha la funzione di sensore

F

un'elica a cui è attaccato un tubo che ha la funzione di sensore

.

Risposte

BASE n. 654 - Cosa rappresenta la rosa dei venti?

F

L'elenco nominativo dei venti principali

V

La rappresentazione grafica con il nome e la direzione dei venti tipici del Mediterraneo

F

Nome, forza e direzione dei venti

.

Risposte

BASE n. 655 - La rosa di una bussola è graduata:

F

da 0° a 180° a dritta e a sinistra

F

da 0° a 90° in senso orario cominciando da prua

V

da 0° a 360° in senso orario cominciando dalla direzione del Nord bussola

.

Risposte

BASE n. 656 - La rosa dei venti della bussola magnetica:

V

è solidale con l'elemento sensibile

F

può essere suddivisa di 15° in 15° e di 30° in 30°

F

è solidale con i movimenti del mortaio

.

Risposte

BASE n. 657 - La rosa dei venti della bussola magnetica:

F

può essere suddivisa di 15° in 15° e di 30° in 30°

V

può essere suddivisa di grado in grado, di 5° in 5°, di 10° in 10°

F

è solidale con i movimenti del mortaio

.

Risposte

BASE n. 658 - La rosa dei venti della bussola magnetica:

V

è solidale con l'elemento sensibile

V

può essere suddivisa di grado in grado, di 5° in 5°, di 10° in 10°

F

è solidale con i movimenti del mortaio

.

Risposte

BASE n. 659 - La rosa dei venti della bussola magnetica di governo di un'imbarcazione:

F

è solidale con i movimenti del mortaio

F

può essere suddivisa di 15° in 15° e di 30° in 30°

F

è svincolata dall'elemento sensibile

.

Risposte

BASE n. 660 - Qual è il nome del vento che spira da E?

V

Levante

F

Ponente

F

Ostro

.

Risposte

BASE n. 661 - Da quale direzione spira il Ponente?

F

N

F

E

V

W

.

Risposte

BASE n. 662 - Quale vento spira da NE?

F

Maestrale

F

Levante

V

Grecale

.

Risposte

BASE n. 663 - Il Levante è il vento che viene da:

V

90°

F

180°

F

270°

.

Risposte

BASE n. 664 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

F

il Libeccio soffia da 135°

V

il Ponente soffia tra III e IV quadrante

F

il Maestrale soffia dal III quadrante

.

Risposte

BASE n. 665 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

F

la Tramontana soffia da 270°

F

il Libeccio soffia dal II quadrante

F

il Levante soffia da S

.

Risposte

BASE n. 666 - i seguenti venti hanno direzione di provenienza:

F

il Levante soffia da 45°

V

il Mezzogiorno (Ostro) soffia da 180°

F

il Ponente soffia da NW

.

Risposte

BASE n. 667 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

V

il Grecale soffia da 45°

F

il Mezzogiorno (Ostro) soffia da E

F

il Ponente soffia da 225°

.

Risposte

BASE n. 668 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

F

la Tramontana soffia tra il I e il II quadrante

V

il Grecale soffia da NE

V

il Maestrale soffia da NW

.

Risposte

BASE n. 669 - Il vento di Libeccio spira:

F

da SE

F

verso SW

V

da SW

.

Risposte

BASE n. 670 - Come si chiama il vento che soffia da N?

V

Tramontana

F

Ostro

F

Libeccio

.

Risposte

BASE n. 671 - Come si chiama il vento che viene da NW (315°)?

F

Grecale

F

Ponente

V

Maestrale

.

Risposte

BASE n. 672 - Il Maestrale è il vento che viene da:

F

135°

V

315°

F

180°

.

Risposte

BASE n. 673 - Da quale direzione spira lo Scirocco?

F

Da W

V

Da SE

F

Da NW

.

Risposte

BASE n. 674 - Da quale direzione proviene il Grecale?

F

Da NW

V

Da NE

F

Da SE

.

Risposte

BASE n. 675 - La Tramontana è il vento che viene da:

V

000°

F

180°

F

090°

.

Risposte

BASE n. 676 - Qual è il vento proveniente da 135°?

F

Ponente

F

Grecale

V

Scirocco

.

Risposte

BASE n. 677 - Come si chiama il vento che viene da SW (225°)?

F

Grecale

F

Ostro

V

Libeccio

.

Risposte

BASE n. 678 - Cos'è il vento di Tramontana?

F

Un vento che spira da SW

F

Un vento che spira da S

V

Un vento che spira da N

.

Risposte

BASE n. 679 - L'Ostro è il vento che viene da:

F

090°

V

180°

F

000°

.

Risposte

BASE n. 680 - Come si chiama il vento che viene da W (270°)?

V

Ponente

F

Grecale

F

Levante

.

Risposte

BASE n. 681 - Di quanti gradi è opposto il Grecale al Libeccio?

V

180°

F

45°

F

90°

.

Risposte

BASE n. 682 - Il Libeccio soffia da:

V

225°

F

180°

F

90°

.

Risposte

BASE n. 683 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

V

la Tramontana soffia da N

V

lo Scirocco soffia da SE

V

il Mezzogiorno (Ostro) soffia tra il II e il III quadrante

.

Risposte

BASE n. 684 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

V

il Grecale soffia dal I quadrante

F

lo Scirocco soffia da 180°

V

il Maestrale soffia da 315°

.

Risposte

BASE n. 685 - I seguenti venti hanno direzione di provenienza:

V

il Grecale soffia da 45°

F

lo Scirocco soffia da 180°

F

il Maestrale soffia da 180°

.

Risposte

BASE n. 686 - Ostro e Mezzogiorno sono lo stesso vento?

V

F

No

F

Non sono venti

.

Risposte

BASE n. 687 - Lo Scirocco proviene:

F

dal I quadrante

V

dal II quadrante

F

dal III quadrante

.

Risposte

BASE n. 688 - L'angolo dei mezzi venti è:

F

24,5°

F

45°

V

22,5°

.

Risposte

BASE n. 689 - Come si chiama il vento che viene da SW (225°)?

V

Libeccio

F

Tramontana

F

Ponente

.

Risposte

BASE n. 690 - Come si chiama il vento che viene da W (270°)?

F

Libeccio

F

Tramontana

F

Grecale

.

Risposte

BASE n. 691 - Come si chiama il vento che viene da W (270°)?

F

Ostro

V

Ponente

F

Libeccio

.

Risposte

BASE n. 692 - Come si chiama il vento che viene da NW (315°)?

F

Ostro

V

Maestrale

F

Libeccio

.

Risposte

BASE n. 693 - Come si chiama il vento che soffia da N?

F

Ostro

V

Tramontana

F

Libeccio

.

Risposte

BASE n. 694 - Con vento di Grecale, in che direzione scarroccia un'unità senza propulsione?

F

Nord-Est

F

Sud

V

Sud-Ovest

.

Risposte

BASE n. 695 - Con vento di Libeccio, in che direzione scarroccia un'unità senza propulsione?

F

Nord

V

Nord-Est

F

Sud-Ovest

.

Risposte

BASE n. 696 - Con vento di Maestrale, in che direzione scarroccia un'unità senza propulsione?

F

Sud-Sud Ovest

F

Nord-Ovest

V

Sud-Est

.

Risposte

BASE n. 697 - Come si chiama l'insieme degli aghi magnetici di una bussola?

F

Mortaio

V

Elemento sensibile

F

Sospensione cardanica

.

Risposte

BASE n. 698 - L'elemento sensibile della bussola è:

F

la rosa graduata

F

la sospensione cardanica

V

l'equipaggio magnetico

.

Risposte

BASE n. 699 - Lo strumento che misura la profondità del mare è:

V

lo scandaglio

F

il solcometro

F

il giroscopio

.

Risposte

BASE n. 700 - Come si chiama l'involucro che contiene l'elemento sensibile ed il liquido di una bussola?

F

Fede

V

Mortaio

F

Scatola cardanica

.

Risposte

BASE n. 701 - Lo scandaglio a mano è costituito da:

V

un peso ed una sagola marcata

F

un'elica

F

una sagola con ricetrasmettitori ed ultrasuoni

.

Risposte

BASE n. 702 - Il solcometro misura:

V

il cammino percorso dalla nave rispetto alla superficie dell'acqua

F

la profondità del fondale

F

il vento che insiste nella zona

.

Risposte

BASE n. 703 - Che orientamento ha la linea di fede di una bussola?

F

È parallela all'asse trasversale dello scafo

V

È parallela all'asse longitudinale dello scafo

F

È orientata secondo la direzione del Nord magnetico

.

Risposte

BASE n. 704 - A che serve il liquido che si trova all'interno del mortaio di una bussola magnetica?

F

A mantenere la rosa graduata sempre in orizzontale

F

A diminuire gli effetti della deviazione magnetica

V

Ad assorbire colpi di mare e vibrazioni ed a conferire massima stabilità all'equipaggio magnetico

.

Risposte

BASE n. 705 - Il solcometro misura:

V

il cammino percorso dalla nave rispetto alla superficie dell'acqua

F

la velocità della corrente

F

la marea che insiste nella zona

.

Risposte

BASE n. 706 - Quale tra i seguenti solcometri non esiste?

F

A elica

F

A pressione

V

A mercurio

.

Risposte

BASE n. 707 - L'ecoscandaglio:

F

è costituito da un peso ed una sagola marcata

F

è costituito da un'elica

V

è un ricetrasmettitore a ultrasuoni

.

Risposte

BASE n. 708 - Cosa misura lo scandaglio?

V

La profondità del mare

F

La velocità dell'imbarcazione

F

La velocità del vento

.

Risposte

BASE n. 709 - Il solcometro a pressione è costituito da:

V

un tubo (detto di Pitot) che ha la funzione di sensore

F

un tubo a cui è attaccato un cavo che ha la funzione di sensore

F

un'elica a cui è attaccato un tubo che ha la funzione di sensore

.

Risposte

BASE n. 710 - Cos'è la chiesuola?

V

La colonna in legno o metallo amagnetico che sostiene il mortaio

F

Il riparo della bussola

F

L'armadietto ove sono ordinati i magneti per la compensazione

.

Risposte

BASE n. 711 - Il liquido all'interno del mortaio di una bussola magnetica serve:

F

a mantenere orizzontale la rosa anche quando c'è rollio

V

a smorzare le oscillazioni della rosa

F

a diminuire la deviazione magnetica

.

Risposte

BASE n. 712 - Si fa un uso corretto della bussola quando:

F

si mantiene il Nord della rosa in direzione della prua

V

si fa coincidere la graduazione della rosa corrispondente alla direzione da seguire con la linea di fede

F

si orienta il Nord della rosa su un punto noto della costa

.

Risposte

BASE n. 713 - La bussola magnetica serve per:

F

Seguire la Rotta bussola

V

Seguire la Prora bussola

F

Seguire la Prora vera

.

Risposte

BASE n. 714 - Com'è chiamata la cassa, in materiale amagnetico, che contiene l'elemento sensibile e il liquido di una bussola?

F

Cappelletto

V

Mortaio

F

Marmitta

.

Risposte

BASE n. 715 - L'elemento sensibile della bussola magnetica:

V

è costituito da un numero pari di aghi magnetizzati

V

è libero di muoversi all'interno del mortaio

V

serve a mantenere il Nord della rosa dei venti sempre nella direzione del Nord bussola

.

Risposte

BASE n. 716 - La linea di fede della bussola magnetica:

V

individua la direzione della prora della nave

F

non partecipa al movimento di rotazione della nave

V

può trovarsi su una qualsiasi linea parallela alla linea prua - poppa della nave

.

Risposte

BASE n. 717 - L'equipaggio magnetico è costituito da almeno:

V

2 aghi

F

1 ago

F

4 aghi

.

Risposte

BASE n. 718 - Nella bussola magnetica in genere c'è:

F

acqua di mare

V

acqua distillata e alcool

F

olio

.

Risposte

BASE n. 719 - La bussola magnetica può essere:

F

a gas

V

a liquido

F

ad aria compressa

.

Risposte

BASE n. 720 - Il tecnico che compensa la bussola si chiama:

F

ufficiale compensatore

V

perito compensatore

F

addetto compensatore

.

Risposte

BASE n. 721 - Una bussola può essere:

V

magnetica

F

a pressione

F

aneroide

.

Risposte

BASE n. 722 - La linea di fede posta sul mortaio di una bussola indica:

V

la Prora bussola

F

il Nord

F

la Poppa bussola

.

Risposte

BASE n. 723 - La linea di fede della bussola magnetica:

V

individua la direzione della prora della nave

F

è riportata sulla rosa dei venti

V

deve trovarsi parallela o sovrapposta all'asse longitudinale dell'unità

.

Risposte

BASE n. 724 - Tra le caratteristiche strutturali di una bussola magnetica:

V

il mortaio è il contenitore del liquido e della rosa dei venti

F

la rosa dei venti è solidale con il mortaio

F

il liquido del mortaio è costituito da acqua di mare

.

Risposte

BASE n. 725 - L'elemento sensibile della bussola magnetica di governo di un imbarcazione:

F

è costituito da un numero dispari di aghi magnetizzati

V

è libero di muoversi rispetto al mortaio

V

serve a mantenere il Nord della rosa dei venti sempre nella direzione del Nord bussola

.

Risposte

BASE n. 726 - Tra le caratteristiche strutturali della bussola magnetica:

V

il mortaio è il contenitore del liquido e della rosa dei venti

F

la rosa dei venti è solidale con il mortaio

V

il liquido del mortaio è costituito da acqua distillata e alcool

.

Risposte

BASE n. 727 - La linea di fede della bussola magnetica:

V

individua la direzione della prora della nave

F

è riportata sulla rosa dei venti

V

può trovarsi su una qualsiasi linea parallela alla linea prua - poppa della nave

.

Risposte

BASE n. 728 - L'ecoscandaglio può essere:

F

elettrico e manuale

V

elettronico ed a ultrasuoni

F

manuale e ad ultrasuoni

.

Risposte

BASE n. 729 - L'equipaggio magnetico di una bussola si trova:

F

sul timone

V

sotto la rosa dei venti

F

nella cabina del comandante

.

Risposte

BASE n. 730 - A cos'è riferita la compensazione della bussola?

F

Al magnetismo terrestre

F

Alla rotta della nave

V

Ai materiali ferrosi presenti a bordo

.

Risposte

BASE n. 731 - A cosa serve la linea di fede di una bussola?

F

Ad indicare il Nord

V

A mantenere la prora prestabilita

V

Come riferimento al timoniere

.

Risposte

BASE n. 732 - A cosa servono i giri di bussola?

V

A conoscere le deviazioni magnetiche residue

F

A compensare la declinazione magnetica

F

A cambiare rotta

.

Risposte

BASE n. 733 - Polo nord magnetico e Polo nord geografico:

F

coincidono sempre

V

non coincidono mai

F

sono la stessa cosa

.

Risposte

BASE n. 734 - La compensazione della bussola:

F

ha lo scopo di compensare sia il magnetismo terrestre che il magnetismo di bordo

F

ha lo scopo di compensare il magnetismo terrestre

V

ha lo scopo di compensare il magnetismo di bordo

.

Risposte

BASE n. 735 - La rosa dei venti di una bussola magnetica:

V

si orienta al Nord bussola

F

ruota se l'unità vira di 180°

F

è solidale alla linea di fede

.

Risposte

BASE n. 736 - Quanti magneti ha una bussola?

F

Sette

F

Tre

V

Due o multipli di due

.

Risposte

BASE n. 737 - La linea di fede di una bussola magnetica:

F

è allineata all'equipaggio magnetico

F

coincide con l'asse trasversale dell'unità

V

coincide o è parallela all'asse prora/poppa

.

Risposte

BASE n. 738 - Il grafometro risente della declinazione magnetica?

F

Dipende dal tempo e dal luogo

V

Non ha nulla a che fare con la forza magnetica

F

Sì in ogni caso

.

Risposte

BASE n. 739 - Una radio portatile, posta nelle vicinanze di una bussola magnetica, ne influenza il funzionamento?

F

No

F

Sì, se è accesa

V

.

Risposte

BASE n. 740 - In assenza di deviazione magnetica, che Nord indica la bussola magnetica?

F

Il Nord vero

V

Il Nord magnetico

F

Il Nord geografico

.

Risposte

BASE n. 741 - Il liquido di una bussola è composto da:

F

sola acqua distillata

F

una miscela priva di acqua distillata

V

una miscela composta per la maggior parte di acqua distillata

.

Risposte

BASE n. 742 - Da quale direzione soffia il Grecale?

V

Da NE

F

Da SW

F

Dipende dalla posizione dell'osservatore

.

Risposte

BASE n. 743 - L'operazione dei "giribussola" viene fatta da:

F

un perito nautico

V

un perito compensatore

F

un perito del RINa

.

Risposte

BASE n. 744 - Nell'emisfero Nord gli Alisei soffiano:

F

da SW

V

da NE

F

da SE

.

Risposte

BASE n. 745 - Con quale operazione si ottiene la tabella delle deviazioni magnetiche residue?

V

Giri di bussola a bussola compensata

F

Compensazione della bussola magnetica

F

Ruotando la rosa della bussola rispetto la linea di fede

.

Risposte

BASE n. 746 - A cosa servono i giri di bussola?

F

Alla compensazione della bussola magnetica

F

Ad orientare con precisione il mortaio della bussola rispetto alla linea di fede

V

A compilare, a bussola compensata, la tabella delle deviazioni residue

.

Risposte

BASE n. 747 - Sino a quale distanza deve essere visibile, di notte, il fanale lampeggiante che segnala la presenza di un subacqueo?

V

Almeno 300 metri

F

Almeno 1.000 metri

F

30 metri

.

Risposte

BASE n. 748 - L'obbligo giuridico del soccorso è rivolto:

F

alle sole imbarcazioni che si trovano nel raggio di 1 miglio dall'imbarcazione da soccorrere

F

alle sole imbarcazioni che si trovano nel raggio di 1,5 miglia dall'imbarcazione da soccorrere

V

a chiunque sia in grado di prestare soccorso

.

Risposte

BASE n. 749 - Si ha assistenza in mare quando:

F

l'unità soccorsa non è in grado di collaborare

F

l'unità soccorsa ha lanciato il MAYDAY

V

l'unità soccorsa è in grado di collaborare

.

Risposte

BASE n. 750 - L'ingiustificata omissione di soccorso:

V

costituisce reato

F

deve essere giustificata entro 36 ore presso la stazione dei Carabinieri competente

F

comporta una sanzione amministrativa

.

Risposte

BASE n. 751 - L'assistenza ad unità in avaria da parte di un'imbarcazione:

V

dà diritto a un rimborso

F

dà diritto all'esenzione dal pagamento dell'accisa sul carburante

F

non dà diritto né a compensi né a rimborsi

.

Risposte

BASE n. 752 - Quale delle seguenti dotazioni deve obbligatoriamente trovarsi a bordo di un'unità che traina uno sciatore nautico?

V

Un ampio specchio retrovisore riconosciuto idoneo

F

Un sistema di protezione dell'elica

F

Un adeguato sistema per la risalita a bordo

.

Risposte

BASE n. 753 - Il soccorso ad un'unità in pericolo:

F

deve essere prestato, anche qualora comporti un grave rischio per l'unità soccorritrice

V

dà diritto ad un rimborso delle spese e dei danni eventualmente subiti e ad un compenso

F

non può essere rifiutato dall'unità in pericolo

.

Risposte

BASE n. 754 - Le unità utilizzate per praticare lo sci nautico devono essere munite di:

V

cassetta di pronto soccorso

F

dispositivi supplementari per il segnalamento acustico

F

mezzi che consentano una facile risalita a bordo

.

Risposte

BASE n. 755 - Se lo sci nautico è praticato con un natante da diporto, il comandante dell'unità deve avere:

F

il brevetto di nuoto e voga

F

il brevetto di salvamento

V

la patente nautica

.

Risposte

BASE n. 756 - Nello sci nautico, oltre al conduttore, quante persone devono trovarsi a bordo dell'unità?

F

Nessuno

V

Una, esperta nel nuoto

F

Una, esperta nello sci nautico

.

Risposte

BASE n. 757 - Quale distanza deve esserci tra l'unità con cui si pratica lo sci nautico e lo sciatore?

F

Almeno 5 metri

V

Almeno 12 metri

F

Almeno 10 metri

.

Risposte

BASE n. 758 - L'unità con la quale viene praticato lo sci nautico deve essere:

F

un'unità immatricolata

F

un'unità con marcatura CE

V

un qualsiasi tipo di unità da diporto

.

Risposte

BASE n. 759 - La pesca subacquea sportiva può essere esercitata con l'uso di apparecchi ausiliari di respirazione?

F

Sì, ma solo per la raccolta di coralli, molluschi e crostacei

V

No, mai

F

Sì, sempre

.

Risposte

BASE n. 760 - Quali attività relative allo sci nautico devono effettuarsi in acque libere da bagnanti e da imbarcazioni?

F

La partenza dello sciatore nautico nelle ore notturne

V

La partenza e il recupero dello sciatore

V

Le evoluzioni ed il recupero dello sciatore

.

Risposte

BASE n. 761 - Quali sono gli obblighi di un'imbarcazione a motore che navighi in prossimità di chi esercita lo sci nautico?

V

Tenersi a distanza di sicurezza

F

Spegnere il motore

F

Segnalare la posizione dello sciatore

.

Risposte

BASE n. 762 - La pesca subacquea:

F

Non consente l'uso di fonti luminose

V

E' vietata a meno di 500 metri dalle spiagge

F

Non prevede limiti d'età

.

Risposte

BASE n. 763 - Per praticare lo sci nautico:

V

il mezzo trainante deve essere provvisto di motore con invertitore

V

la cima per trainare lo sciatore deve essere lunga almeno 12 metri

V

il comandante dell'imbarcazione deve avere la patente nautica

.

Risposte

BASE n. 764 - Quanti metri deve essere lunga la cima per trainare lo sciatore?

V

Almeno 12 metri

F

Almeno 30 metri

F

Almeno 24 metri

.

Risposte

BASE n. 765 - La linea isobata a cui si riferisce la distanza per praticare lo sci nautico misura:

F

2,60 metri

F

1 metro

V

1,60 metri

.

Risposte

BASE n. 766 - La pesca subacquea si pratica a una distanza dagli impianti di pesca di almeno:

F

500 metri

V

100 metri

F

250 metri

.

Risposte

BASE n. 767 - Nella pratica dello sci nautico, quanti sciatori può trainare una singola unità?

F

Solo 1

V

Fino a 2

F

Fino a 3

.

Risposte

BASE n. 768 - Praticando la pesca subacquea:

V

si può tenere il fucile armato solo in immersione e lontano dai bagnanti

F

non si possono catturare cernie di peso superiore ai 5 kg

V

non si possono in alcun caso utilizzare apparecchi ausiliari di respirazione

.

Risposte

BASE n. 769 - Per praticare lo sci nautico:

V

il mezzo trainante deve essere provvisto di motore con invertitore

V

il mezzo trainante deve essere provvisto di uno specchietto retrovisore riconosciuto idoneo dalla Capitaneria di porto

V

i gommoni devono sempre essere muniti di timoneria a volante

.

Risposte

BASE n. 770 - Praticando la pesca subacquea:

F

di notte bisogna segnalarsi con un fanale bianco a 360°

V

di giorno bisogna segnalarsi con bandiera rossa con striscia diagonale bianca o con bandiera della lettera A

V

il subacqueo deve sempre operare entro 50 metri dal segnale

.

Risposte

BASE n. 771 - Un fucile da sub deve essere caricato:

F

prima dell'ingresso in acqua

V

solo in immersione

F

a terra in condizioni di sicurezza

.

Risposte

BASE n. 772 - Per condurre un'imbarcazione con la quale si pratica lo sci nautico è necessario avere:

V

la patente nautica

F

la patente nautica ed un motore superiore a 75 CV

F

la patente nautica, un motore superiore a 75 CV e l'autorizzazione della Capitaneria di porto

.

Risposte

BASE n. 773 - Quando è consentita la pesca subacquea?

V

di giorno

F

di notte

F

solo in autunno

.

Risposte

BASE n. 774 - Praticando la pesca subacquea:

V

il subacqueo deve sempre operare entro 50 metri dal segnale

F

il subacqueo deve sempre operare entro 100 metri dal segnale

F

il subacqueo deve sempre operare entro 150 metri dal segnale

.

Risposte

BASE n. 775 - Il raggio massimo di lavoro del pescatore subacqueo dalla verticale del segnale è:

F

30 metri

V

50 metri

F

100 metri

.

Risposte

BASE n. 776 - È consentito praticare la pesca professionale a bordo delle unità da diporto?

V

Mai

F

Sempre

F

Solo a seguito del rilascio di un permesso di pesca

.

Risposte

BASE n. 777 - In quale categoria rientrano gli acquascooter?

V

Natanti da diporto

F

Costituiscono una categoria a sè

F

Motoscafi ad uso privato

.

Risposte

BASE n. 778 - Entrando in un porto privo di strutture adibite alla nautica da diporto dobbiamo avvisare:

V

l'Autorità marittima

F

l'Autorità portuale

F

non dobbiamo avvisare nessuno

.

Risposte

BASE n. 779 - È consentito praticare la pesca professionale a bordo delle unità da diporto?

V

No

F

F

Sì, in apposite zone segnalate nelle ordinanze locali

.

Risposte

BASE n. 780 - Chi deve presentare la denuncia di evento straordinario?

F

Chiunque sia delegato dal comandante dell'unità

V

Il comandante dell'unità

F

Chi ha subito l'evento straordinario

.

Risposte

BASE n. 781 - Per condurre una moto d'acqua bisogna avere almeno:

V

18 anni

F

16 anni

F

14 anni

.

Risposte

BASE n. 782 - Nel caso in cui sia coinvolta l'incolumità fisica di persone, la denuncia di evento straordinario va presentata entro:

F

12 ore

F

48 ore

V

24 ore

.

Risposte

BASE n. 783 - La denuncia di evento straordinario può essere presentata:

V

solo dal comandante dell'unità

F

da chiunque sia informato dei fatti

F

da chiunque fosse a bordo dell'unità

.

Risposte

BASE n. 784 - E obbligatorio presentare la denuncia di evento straordinario:

F

quando, durante la navigazione, si effettua un cambiamento di rotta non programmato

F

solo quando, durante la navigazione, le persone a bordo hanno corso un pericolo

V

quando, durante la navigazione, si siano verificati eventi anomali relativi all'unità o alle persone a bordo

.

Risposte

BASE n. 785 - A quale distanza massima dalla costa può essere praticato il windsurf?

F

Mezzo miglio

V

1 miglio

F

1,5 miglia

.

Risposte

BASE n. 786 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

V

quando si naviga entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 10 nodi

F

in relazione alla potenza dell'apparato motore in ogni caso

F

quando si naviga entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 5 nodi

.

Risposte

BASE n. 787 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

V

in modo da non costituire comunque pericolo per la navigazione

F

solo se l'unità è a motore

F

solo se espressamente previsto nelle ordinanze locali

.

Risposte

BASE n. 788 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

in modo da garantire un avvicinamento rapido all'ingresso del porto

V

in modo da essere comunque rispettosa dell'ambiente circostante

F

solo se l'unità è un natante

.

Risposte

BASE n. 789 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

V

quando si naviga entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 10 nodi

F

solo se l'unità è una moto d'acqua

F

solo se l'unità è un'imbarcazione

.

Risposte

BASE n. 790 - Entro quanti giorni va denunciato all'Autorità marittima il ritrovamento di un relitto?

V

Entro 72 ore dal ritrovamento o dall'approdo

F

Entro 48 ore dal ritrovamento o dall'approdo

F

Entro 24 ore dal ritrovamento o dall'approdo

.

Risposte

BASE n. 791 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

quando si naviga entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 5 nodi

V

in prossimità della costa, in base alla norma generale e a quella disposta dall'Autorità marittima

F

in relazione alla lunghezza fuori tutto dell'unità da diporto

.

Risposte

BASE n. 792 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

in relazione alla potenza dell'apparato motore

F

in modo da garantire un avvicinamento rapido all'ingresso del porto

V

in modo da non costituire comunque pericolo per la navigazione

.

Risposte

BASE n. 793 - È consentito praticare pesca professionale a bordo delle unità da diporto?

V

No

F

F

Sì, ma nel rispetto della quantità massima di pescato stabilità dalle ordinanze locali

.

Risposte

BASE n. 794 - È obbligatorio fare la denuncia di evento straordinario?

F

No

V

F

No, ma è consigliabile per tutelarsi legalmente

.

Risposte

BASE n. 795 - Entro quanti giorni va denunciato all'Autorità marittima il ritrovamento di un relitto?

V

Entro 3 giorni dal ritrovamento o dall'approdo

F

Entro 1 giorno dal ritrovamento o dall'approdo

F

Entro 5 giorni dal ritrovamento o dall'approdo

.

Risposte

BASE n. 796 - In caso di incaglio, senza danni tali da impedire il rientro in sicurezza in porto, è previsto che:

V

al rientro in porto il comandante dell'unità faccia denuncia di evento straordinario all'Autorità marittima o, se si è all'estero, all'Autorità consolare

F

al rientro in porto il comandante dell'unità presenti denuncia di evento straordinario presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza

V

il comandante dell'unità presenti la denuncia di evento straordinario entro 72 ore dall'avvenuto sinistro, se esso non ha causato feriti

.

Risposte

BASE n. 797 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

solo in relazione alle caratteristiche costruttive dell'unità

V

in modo da non costituire comunque pericolo per la navigazione

F

solo in relazione alla categoria della patente nautica conseguita dal comandante

.

Risposte

BASE n. 798 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

V

quando si è in navigazione entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 10 nodi

F

in relazione alla lunghezza fuori tutto dell'unità da diporto

V

comunque nel rispetto dell'ordinanza emessa dal'Autorità competente

.

Risposte

BASE n. 799 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

solo se l'unità è una moto d'acqua

V

in relazione alle condizioni di visibilità in modo da evitare ogni pericolo alla navigazione

F

solo se l'unità è un natante

.

Risposte

BASE n. 800 - Fatte salve le eventuali limitazioni alla navigazione marittima e le diverse discipline locali, la velocità delle unità da diporto deve essere regolata:

F

solo se l'unità è un'imbarcazione

V

quando si è in navigazione entro i 1.000 metri dalla spiaggia, in modo da non superare i 10 nodi

V

in modo da evitare comunque ogni pericolo per la navigazione

.

Risposte

BASE n. 801 - In base alle vigenti disposizioni la velocità di avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

V

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

F

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge anche in planata

V

di norma 3 nodi nei porti o nei corridoi d'atterraggio

.

Risposte

BASE n. 802 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento di un'unità da diporto entro i 1.000 metri dalla costa deve essere:

V

10 nodi; le ordinanze marittime possono stabilire limiti minori

F

comunque entro i 10 nodi anche in planata

F

sempre 3 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

.

Risposte

BASE n. 803 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

F

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge anche in planata

V

di norma 3 nodi nei corridoi d'atterraggio con particolare attenzione al settore oscurato di prua

F

sempre 10 nodi in acque ristrette come porti e canali d'atterraggio

.

Risposte

BASE n. 804 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

V

tale da garantire l'adozione di pronte ed efficaci misure per evitare danni e collisioni

F

15 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

F

10 nodi nei porti o nei corridoi d'atterraggio, governando eretti con particolare attenzione al settore oscuro di prua

.

Risposte

BASE n. 805 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

F

15 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

V

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge comunque in assetto dislocante

F

20 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

.

Risposte

BASE n. 806 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

F

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge anche in planata

V

10 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge comunque in assetto dislocante

V

10 nodi; le ordinanze marittime possono stabilire limiti minori

.

Risposte

BASE n. 807 - In base alle vigenti disposizioni la velocità di un'unità da diporto entro i 1.000 metri dalla costa deve essere:

F

mai superiore ai 3 nodi

V

10 nodi; le ordinanze marittime possono stabilire limiti minori

F

3 nodi sempre entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

.

Risposte

BASE n. 808 - In base alle vigenti disposizioni la velocità di un'unità da diporto entro i 1.000 metri dalla costa deve essere:

F

mai superiore a 5 nodi

F

20 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

V

deve essere tale da garantire l'adozione di pronte ed efficaci misure per evitare pericoli e collisioni

.

Risposte

BASE n. 809 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

F

15 nodi entro i 500 metri dalle coste rocciose o i 1.000 metri dalle spiagge

V

conforme a quanto previsto dalle ordinanze locali dell'Autorità marittima nei corridoi d'atterraggio

F

sempre 10 nodi in acque ristrette come porti e canali d'atterraggio

.

Risposte

BASE n. 810 - In base alle vigenti disposizioni la velocità d'avvicinamento alla costa di un'unità da diporto deve essere:

V

rispettosa dell'ambiente circostante e non superiore a 10 nodi entro i 1.000 metri dalla spiaggia

F

10 nodi nei porti e nei corridoi d'atterraggio, governando eretti con particolare attenzione al settore oscuro di prua

V

conforme alle norme, governando eretti con particolare attenzione al settore oscuro di prua

.

Risposte

BASE n. 811 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve rispettare i limiti di velocità e possedere la patente nautica

F

se ha compiuto i 18 anni d'età, non deve necessariamente avere la patente nautica

V

deve attenersi alle medesime disposizioni valide per le altre unità da diporto, soprattutto per il rispetto dei limiti di velocità

.

Risposte

BASE n. 812 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

non deve superare la velocità di 3 nodi nei corridoi di atterraggio e di 10 nodi entro i 1.000 metri dalla spiaggia

F

può gareggiare in velocità in corrispondenza ed in prossimità delle rade o della costa

F

può gareggiare in velocità in prossimità delle spiagge, qualora siano deserte

.

Risposte

BASE n. 813 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

deve avere la patente nautica, solo se la potenza del motore installato supera i 40.8 CV

V

deve avere la patente nautica e attenersi alle disposizioni generali vigenti per le altre unità da diporto

F

può gareggiare in velocità entro 1.000 metri dalla spiaggia

.

Risposte

BASE n. 814 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve assumere una velocità conforme alla norme e rispettare l'ambiente e la quiete circostante

F

può navigare nelle rade senza obbligo di rispettare i previsti limiti di velocità

F

può navigare nelle rade senza indossare il giubbotto di salvataggio

.

Risposte

BASE n. 815 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può raggiungere la riva senza usare i corridoi d'atterraggio

V

deve avere la patente nautica, indossare il giubbotto di salvataggio e rispettare i limiti di velocità

F

non ha obbligo di rispettare i limiti di velocità quando naviga in prossimità delle spiagge, qualora queste siano deserte

.

Risposte

BASE n. 816 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

deve regolare la velocità solo in presenza di bagnanti

F

deve avere la patente nautica, solo se la potenza del motore installato supera i 40.8 CV

V

non deve superare la velocità di 3 nodi nei corridoi di atterraggio e di 10 nodi entro i 1.000 metri dalla spiaggia

.

Risposte

BASE n. 817 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

deve semplicemente dimostrare di saperla governare

V

deve navigare con velocità non superiore ai 10 nodi entro i 1.000 metri dalla spiaggia

F

può gareggiare in velocità in prossimità delle spiagge, qualora siano deserte

.

Risposte

BASE n. 818 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve attenersi alle medesime disposizioni vigenti per le altre unità da diporto, soprattutto per il rispetto dei limiti di velocità

F

può navigare in prossimità delle spiagge senza rispettare i limiti di velocità, qualora queste siano deserte

V

non deve superare la velocità prescritta dalle norme e rispettare l'ambiente e la quiete circostante

.

Risposte

BASE n. 819 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può raggiungere la riva senza usare i corridoi di atterraggio

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio

F

può gareggiare in velocità

.

Risposte

BASE n. 820 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio e aver conseguito la patente nautica

F

può navigare nelle rade senza obbligo di rispettare i previsti limiti di velocità

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio ed utilizzare i corridoi d'atterraggio

.

Risposte

BASE n. 821 - Prima di intraprendere un'uscita in mare il comandante di un'unità da diporto deve verificare:

V

livello del carburante, carica delle batterie, efficienza degli apparati, documenti di bordo e dotazioni di sicurezza

V

acqua ed alimenti

F

che a bordo vi siano le dotazioni di salvataggio sufficienti almeno per le donne ed i bambini

.

Risposte

BASE n. 822 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può limitarsi ad assumere una velocità ridotta senza rispettare i limiti di velocità

F

deve avere la patente nautica, solo se la potenza del motore installato supera i 40.8 CV

F

può raggiungere la riva senza usare i corridoi d'atterraggio

.

Risposte

BASE n. 823 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può navigare in prossimità delle spiagge senza rispettare i limiti di velocità

V

deve rispettare i previsti limiti di velocità e avere la patente nautica

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio ed avere la patente nautica

.

Risposte

BASE n. 824 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve navigare con velocità non superiore a 10 nodi entro i 1.000 metri dalla spiaggia

F

può navigare nelle rade senza bisogno di rispettare i limiti di velocità

V

deve avere la patente nautica e attenersi alle disposizioni generali vigenti per le altre unità da diporto

.

Risposte

BASE n. 825 - Qual è l'età minima per poter praticare la pesca sportiva subacquea?

F

13 anni

F

14 anni

F

16 anni

.

Risposte

BASE n. 826 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve attenersi alle medesime disposizioni vigenti per le altre unità da diporto, soprattutto per il rispetto dei limti di velocità

V

deve rispettare i previsti limiti di velocità e la quiete circostante

F

può navigare nelle rade senza particolari cautele

.

Risposte

BASE n. 827 - Un pescatore subacqueo sportivo può pescare nelle ore notturne?

F

Se assistito da un mezzo nautico dotato dei fanali regolamentari

F

Se usa una torcia subacquea con luminosità superiore a 1.000 candele

F

No, perché la pesca sportiva subacquea si può praticare solo dall'alba al tramonto

.

Risposte

BASE n. 828 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può gareggiare in velocità oltre i 1.000 metri dalla spiaggia

V

deve avere la patente nautica e attenersi alle disposizioni generali vigenti per le altre unità da diporto

F

può navigare in prossimità delle spiagge senza rispettare i previsti limiti di velocità, qualora queste siano deserte

.

Risposte

BASE n. 829 - Un pescatore subacqueo sportivo può vendere i pesci che ha pescato?

F

Solo se residente nella medesima località

F

Se autorizzato dal locale Ufficio di igiene

F

In nessun caso

.

Risposte

BASE n. 830 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

F

può gareggiare in velocità in prossimità delle spiagge, qualora queste siano deserte

F

può raggiungere la riva senza usare i corridoi d'atterraggio

V

non deve superare i previsti limiti di velocità e deve rispettare la quiete circostante

.

Risposte

BASE n. 831 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio e avere la patente nautica

F

deve semplicemente dimostrare di saperla governare senza bisogno della patente nautica

F

deve avere la patente nautica solo se la potenza del motore installato supera i 40.8 CV

.

Risposte

BASE n. 832 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio e rispettare i limiti di velocità

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio ed utilizzare i corridoi d'atterraggio

F

può limitarsi ad assumere una velocità ridotta senza dover rispettare i limiti di velocità

.

Risposte

BASE n. 833 - Chi governa una moto d'acqua (o acqua scooter):

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio ed utilizzare i corridoi d'atterraggio

V

deve indossare il giubbotto di salvataggio e adeguare la velocità ai previsti limiti di velocità

F

può gareggiare in velocità in corrispondenza e in prossimità delle rade o della costa

.

Risposte

BASE n. 834 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

F

ne diventiamo automaticamente i proprietari

F

segnaliamo il ritrovamento telefonando al numero 115

V

segnaliamo il ritrovamento all'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 835 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

V

l'appropriazione indebita costituisce reato

F

presentiamo denuncia al locale commissariato di Pubblica Sicurezza

F

ne diventiamo automaticamente i proprietari

.

Risposte

BASE n. 836 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

F

segnaliamo il ritrovamento telefonando al numero 115

F

presentiamo denuncia alla locale stazione dei Carabinieri

V

qualora non venga rintracciato il proprietario, verrà indetta apposita asta dall'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 837 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

F

presentiamo denuncia alla Guardia di Finanza

V

qualora non venga rintracciato il proprietario, verrà indetta apposita asta dall'Autorità marittima

F

segnaliamo il ritrovamento telefonando al numero 112

.

Risposte

BASE n. 838 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

F

presentiamo denuncia alla Polizia provinciale

F

segnaliamo il ritrovamento telefonando al numero 115

F

presentiamo denuncia all'Agenzia delle Entrate

.

Risposte

BASE n. 839 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

V

l'appropriazione indebita costituisce reato

V

presentiamo denuncia di ritrovamento e consegniamo il bene all'Autorità marittima

V

a seguito di vendita all'asta del bene ritrovato, ci spetta un premio pari ad 1/3 della somma ricavata

.

Risposte

BASE n. 840 - Che età occorre avere per condurre una moto d'acqua (acqua scooter)?

F

16 anni

V

18 anni

F

dipende dalla potenza del motore installato

.

Risposte

BASE n. 841 - Chi deve redigere la denuncia di evento straordinario?

F

chiunque sia delegato dal comandante dell'unità

V

il comandante dell'unità

F

la persona alla conduzione dell'unità, se al momento in cui si è verificato l'evento straordinario non era il comandante

.

Risposte

BASE n. 842 - A chi deve essere presentata la denuncia di evento straordinario?

V

All'Autorità marittima o, se si è all'estero, consolare del porto di arrivo

F

All'Autorità giudiziaria del porto di arrivo

F

All'Autorità portuale del porto di arrivo

.

Risposte

BASE n. 843 - Prima della partenza il comandante deve:

V

informarsi sulle previsioni del tempo

F

presentare all'autorità marittima la denuncia di evento straordinario

F

pagare la tassa di partenza

.

Risposte

BASE n. 844 - In caso di evento straordinario, all'arrivo in porto il comandante deve:

V

presentare la denuncia di evento straordinario all'Autorità marittima

F

presentare denuncia di evento straordinario alla Procura della Repubblica entro 30 giorni

F

chiamare il 1530, affinché la Guardia Costiera faccia un sopralluogo dell'imbarcazione e compili il verbale di evento straordinario

.

Risposte

BASE n. 845 - In caso di ritrovamento in spiaggia di natanti, motori, ecc.:

V

va presentata apposita denuncia all'Autorità marittima

F

ne diventiamo automaticamente i proprietari

V

qualora non venga ritrovato il proprietario, verrà indetta un'apposita asta dall'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 846 - Ai fini dell'applicazione della legge sul diporto cosa si intende per potenza del motore?

V

quella massima d'esercizio

F

quella fiscale

F

Il numero dei giri del motore

.

Risposte

BASE n. 847 - La condotta o lo stazionamento di un'imbarcazione da diporto a motore senza la copertura assicurativa:

F

è un reato per il quale è previsto l'arresto o l'ammenda

F

è un illecito amministrativo punito con la sola ammenda

V

prevede una sanzione amministrativa ed il sequestro dell'unità

.

Risposte

BASE n. 848 - A chi spetta verificare prima della partenza che le dotazioni di sicurezza di un'unità da diporto siano efficienti?

F

Alle Autorità marittime

F

Al Registro Italiano Navale al momento della visita a bordo

V

Al comandante dell'unità

.

Risposte

BASE n. 849 - Le annotazioni di sicurezza di un'unità da diporto:

F

vanno rinnovate annualmente

F

comprendono il certificato di stazza per le imbarcazioni non omologate

V

vanno rinnovate in occasione delle visite periodiche

.

Risposte

BASE n. 850 - A norma del regolamento di sicurezza, il controllo dei requisiti tecnico-costruttivi:

F

è demandato alle Capitanerie di Porto

V

è demandato agli Enti tecnici certificati e notificati

V

avviene in occasione delle visite di controllo occasionali

.

Risposte

BASE n. 851 - Per installare a bordo un VHF di tipo fisso:

F

bisogna farlo collaudare da un tecnico del Ministero delle comunicazioni

V

occorre tra l'altro controllare che sia omologato

F

dopo l'installazione bisogna chiedere un'ispezione alla locale Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 852 - Per poter installare un apparato VHF, un'unità da diporto deve avere:

F

un contratto stipulato con una società concessionaria di telefonia marina

V

la licenza di esercizio impianto radiotelefonico

F

l'autorizzazione della Capitaneria di porto

.

Risposte

BASE n. 853 - Com'è classificata un'unità da diporto avente lunghezza fuori tutto pari a 25 metri?

F

Imbarcazione da diporto

V

Nave da diporto

F

Natante marcato CE

.

Risposte

BASE n. 854 - Quali unità da diporto devono esporre la bandiera nazionale?

V

Le navi e le imbarcazioni

F

Soltanto le navi

F

Tutte

.

Risposte

BASE n. 855 - Occorre la patente nautica per comandare un'imbarcazione da diporto in navigazione entro 6 miglia dalla costa?

F

No

F

Sempre

V

Sì, se la potenza del motore installato supera i 40,8 CV o la sua cilindrata supera determinati parametri

.

Risposte

BASE n. 856 - Qual è il documento che abilita al comando ed alla condotta di un'imbarcazione da diporto?

F

la licenza d'abilitazione

V

la patente nautica

F

il certificato di sicurezza

.

Risposte

BASE n. 857 - La licenza di navigazione e gli altri documenti delle unità da diporto devono essere sempre tenuti a bordo in originale?

V

No, è sufficiente avere a bordo le copie autentiche conformi all'originale, purchè la navigazione avvenga tra porti nazionali

F

No, è sufficiente avere a bordo delle copie semplici

F

Sì, salvo autorizzazione rilasciata dall'Ufficio d'iscrizione

.

Risposte

BASE n. 858 - Un cittadino residente a Roma può immatricolare la propria imbarcazione da diporto nei registri della Capitaneria di porto di Genova?

V

F

No

F

Sì, se ha domicilio a Genova

.

Risposte

BASE n. 859 - Il proprietario di un'imbarcazione da diporto ha facoltà di contraddistinguere la propria unità con un nome?

V

Sì, purchè esso sia differente da ogni altro nome già registrato nel medesimo Circondario marittimo o Ufficio Motorizzazione Civile

F

Sì, senza alcun limite

F

Sì, purchè esso sia differente da ogni altro nome già registrato nel territorio dello Stato

.

Risposte

BASE n. 860 - Il comandante di un'imbarcazione da diporto in navigazione oltre le 6 miglia dalla costa:

V

deve essere in possesso dell'abilitazione al comando per la navigazione in corso

F

deve stare al timone all'entrata e all'uscita dei porti

V

è in ogni caso responsabile di eventuali danni causati dall'unità

.

Risposte

BASE n. 861 - La violazione delle disposizioni in materia di sicurezza della navigazione è punita con:

F

una sanzione amministrativa da un minimo di 2.066 ad un masimo di 8.263 euro e la sospensione della licenza di navigazione per 30 giorni

V

una sanzione amministrativa da un minimo di 207 ad un massimo di 1.033 euro

F

una sanzione amministrativa da un minimo di 207 ad un massimo di 1.033 euro e la sospensione della licenza di navigazione per 60 giorni

.

Risposte

BASE n. 862 - La bandiera nazionale per le unità da diporto:

F

è quella della Marina Militare

F

è uguale alla bandiera nazionale

V

è obbligatoria solo per le unità iscritte in uno dei Registri delle Imbarcazioni da Diporto (RID)

.

Risposte

BASE n. 863 - A che distanza dalla costa possono navigare i battelli di servizio delle unità da diporto (tender)?

F

Entro 6 miglia dalla costa

F

Entro 1 miglio dalla costa

V

Entro 1 miglio dalla costa o dall'unità madre, ovunque si trovi

.

Risposte

BASE n. 864 - Il numero d'iscrizione delle unità da diporto

V

è facoltativo per i natanti

V

è obbligatorio per le imbarcazioni

V

è riportato nella licenza di navigazione

.

Risposte

BASE n. 865 - La bandiera nazionale per le unità da diporto deve essere esposta:

F

solo a poppa

V

quando l'unità inizia la navigazione

F

in porto si deve esporre sempre, dal tramonto all'alba

.

Risposte

BASE n. 866 - Le categorie di patente nautica per unità da diporto sono:

F

2

V

3

F

4

.

Risposte

BASE n. 867 - Le acque territoriali italiane:

F

comprendono la fascia di mare fino a 6 miglia dalla costa

F

sono sempre calcolate dalla linea di bagnasciuga

F

sono vietate alle navi dei paesi extracomunitari

.

Risposte

BASE n. 868 - Con un'imbarcazione da diporto battente bandiera italiana si può navigare nelle acque di uno Stato estero?

V

F

Sì, se in possesso di specifica autorizzazione

F

No

.

Risposte

BASE n. 869 - Qual è il limite di validità temporale delle patenti nautiche?

V

10 anni se non si è superato il 60esimo anno di età, 5 anni se si è superato tale limite

F

10 anni se non si è superato il 55esimo anno di età, 5 anni se si è superato tale limite

F

Sempre 10 anni

.

Risposte

BASE n. 870 - Il comando di un'imbarcazione da diporto senza avere a bordo la prescritta abilitazione comporta:

F

una denuncia all'Autorità giudiziaria

F

la revoca della patente nautica

V

una sanzione amministrativa

.

Risposte

BASE n. 871 - Le unità da diporto possono essere utilizzate mediante contratti di locazione o di noleggio?

F

No

F

Sì, soltanto le imbarcazioni e i natanti da diporto

V

Sì, previa apposita annotazione sulla licenza di navigazione per le unità che ne sono munite

.

Risposte

BASE n. 872 - La bandiera nazionale per le unità da diporto:

V

è quella della marina mercantile

F

è quella della Marina Militare

V

è obbligatoria solo per le unità iscritte in uno dei Registri delle Imbarcazioni da Diporto (RID)

.

Risposte

BASE n. 873 - Qual è la definizione di navigazione da diporto?

V

Navigazione effettuata a scopi sportivi o ricreativi, dai quali esuli il fine di lucro

F

Navigazione effettuata a scopi soltanto sportivi

F

Navigazione effettuata a scopi ricreativi, dai quali esuli ogni forma di agonismo

.

Risposte

BASE n. 874 - La bandiera nazionale per le unità da diporto:

F

deve essere esposta esclusivamente a poppa

F

in navigazione, si espone in prossimità di terra e nell'incontro con altre unità

F

in porto si deve esporre nei giorni festivi dal tramonto all'alba

.

Risposte

BASE n. 875 - Un'unità da diporto con lunghezza fuori tutto pari a 7 metri può essere iscritta nei Registri delle Imbarcazioni da Diporto (RID)?

V

F

No

F

Sì, se ha installato un motore di potenza superiore a 75 CV

.

Risposte

BASE n. 876 - Il comandante di un'imbarcazione da diporto:

F

si identifica con colui che sta al timone

V

è responsabile del buono stato dell'imbarcazione, comprese le scorte di viveri

F

deve fornire alle autorità portuali i dati sulla navigazione intrapresa

.

Risposte

BASE n. 877 - Un soggetto munito di patente nautica che abilita alla navigazione entro le 12 miglia dalla costa, può comandare un'imbarcazione da diporto abilitata a navigare senza limiti di distanza dalla costa?

F

No, in nessun caso

V

Sì, a patto che non superi il limite delle 12 miglia di distanza dalla costa

F

Sì, se autorizzato dalla Capitaneria del porto di partenza

.

Risposte

BASE n. 878 - La bandiera nazionale per le unità da diporto:

V

può essere esposta nella posizione più visibile

V

deve essere esposta quando l'unità inizia la navigazione

V

è obbligatoria per le imbarcazioni e le navi da diporto

.

Risposte

BASE n. 879 - Il comandante di un'imbarcazione da diporto:

V

è il solo responsabile dell'imbarcazione e delle persone imbarcate

V

assume la responsabilità ed i rischi della navigazione

V

coordina e dirige le operazioni relative all'abbandono dell'unità

.

Risposte

BASE n. 880 - Le unità da diporto soggette all'obbligo di assicurazione per responsabilità civile verso terzi sono:

F

solo quelle con motore superiore a 3 CV

F

solo quelle con motore superiore a 10 CV

V

quelle con motore di qualsiasi potenza

.

Risposte

BASE n. 881 - Il secondo motore è considerato ausiliario quando:

F

Ha una potenza superiore a 40 CV

F

Ha una potenza inferiore a 40 CV

V

È di tipo amovibile, sistemato su proprio supporto e ha una potenza non superiore al 20% di quella del motore principale

.

Risposte

BASE n. 882 - La licenza di navigazione ha validità per un periodo di:

F

5 anni

F

3 anni

V

fino a quando non subiscono modifiche gli elementi strutturali o di identificazione dell'unità da diporto

.

Risposte

BASE n. 883 - Cosa significa la sigla R.I.Na.?

V

Registro Italiano Navale

F

Registro Internazionale Navale

F

Registro Interno Navale

.

Risposte

BASE n. 884 - Com'è classificata un'unità da diporto di l.f.t. 23 metri ?

V

Imbarcazione da diporto

F

Nave da diporto

F

Natante marcato CE

.

Risposte

BASE n. 885 - Cos'è il Manuale del proprietario?

V

Documento contenente i dati tecnici dei natanti e dalle imbarcazioni marcate CE

F

Documento contenente i dati tecnici dei natanti non marcati CE

F

Documento contenente i dati tecnici delle navi da diporto

.

Risposte

BASE n. 886 - In caso di assunzione del comando di un'unità da diporto con patente nautica scaduta di validità, è prevista la sospensione della patente nautica?

F

Sì, sempre

V

No

F

Sì, se la patente nautica è scaduta da più di 12 mesi

.

Risposte

BASE n. 887 - In caso di grave infrazione o negligenza la patente nautica può essere:

F

revocata

V

sospesa

F

ritirata

.

Risposte

BASE n. 888 - Per sapere se vi è obbligo di patente nautica qual è la potenza del motore di riferimento?

V

Quella massima di esercizio

F

Quella fiscale

F

la minore tra quella massima e quella fiscale

.

Risposte

BASE n. 889 - Ogni quanto tempo ci si deve recare in Capitaneria per far apporre il visto sulla licenza di navigazione?

F

Ogni 2 anni

F

Ogni 5 anni

V

Non è previsto alcun visto

.

Risposte

BASE n. 890 - Il visto sulla licenza di navigazione è obbligatorio:

F

ogni 5 anni se l'unità è munita di marcatura CE

F

ogni 10 anni se l'unità non è munita di marcatura CE

V

non è previsto alcun visto

.

Risposte

BASE n. 891 - Fino a quale età è possibile conseguire la patente nautica?

F

Fino a 70 anni per gli uomini e 65 per le donne

F

Fino a 60 anni sia per gli uomini che per le donne

V

Non sono previsti limiti di età

.

Risposte

BASE n. 892 - Sono fra i doveri del comandante:

V

prima della partenza provvedere all'imbarco dei viveri e del carburante necessari al viaggio

F

imbarcare la quantità di carburante strettamente necessaria alla lunghezza della traversata

V

controllare la presenza e la validità delle dotazioni di sicurezza previste per la navigazione da effettuare

.

Risposte

BASE n. 893 - Riguardo alla licenza di navigazione, è previsto che:

F

essa scada ogni 5 anni e si rinnovi a seguito di visita dell'Autorità marittima

V

su di essa siano riportate, tra l'altro, la lunghezza dello scafo e il tipo di navigazione autorizzata

V

su di essa sia annotato l'eventuale uso commerciale dell'unità

.

Risposte

BASE n. 894 - La licenza di navigazione:

F

è il documento che abilita i natanti da diporto non iscritti alla navigazione nelle acque marittime

V

riporta, tra l'altro, il nome del proprietario e la potenza dell'apparato motore

V

deve essere mantenuta a bordo in originale o in copia conforme

.

Risposte

BASE n. 895 - Un'imbarcazione da diporto non munita di marcatura CE:

F

in ogni caso può essere immessa in commercio

F

in ogni caso può navigare senza alcun limite dalla costa

V

è abilitata al tipo di navigazione riportato sul certificato di sicurezza

.

Risposte

BASE n. 896 - Un'unità da diporto è utilizzata a fini commerciali quando:

F

è oggetto di compravendita

V

è utilizzata per l'insegnamento professionale della nautica da diporto

V

è concessa in locazione dietro corrispettivo

.

Risposte

BASE n. 897 - ln caso di condotta senza patente nautica di un'unità da diporto munita di motore di potenza pari a 200 CV:

F

il conduttore è sanzionabile solo in caso di incidente

F

non sono previste sanzioni accessorie, oltre alla sanzione pecuniaria per il conducente

V

se trattasi di imbarcazione da diporto, si applica anche la sospensione della licenza di navigazione

.

Risposte

BASE n. 898 - ln caso di condotta di un'imbarcazione da diporto a motore oltre le 6 miglia dalla costa, è obbligatorio avere a bordo:

F

solo la patente nautica del conduttore

V

la licenza di navigazione, il certificato di sicurezza, il certificato di assicurazione, la patente nautica del conduttore

F

solo la licenza di navigazione e il certificato di sicurezza

.

Risposte

BASE n. 899 - Tra i documenti di navigazione delle imbarcazioni da diporto con motore entrobordo, è obbligatorio avere a bordo:

F

il certificato d'uso del motore

V

la licenza di navigazione

F

il certificato di sicurezza, solo se l'imbarcazione non è marcata CE

.

Risposte

BASE n. 900 - Su un'imbarcazione da diporto a vela, munita di marcatura CE, e provvista di cabine, il numero massimo di persone trasportabili:

F

è a discrezione del comandante, in relazione al numero dei posti letto disponibili

V

è stampigliato sulla targhetta del costruttore, o riportato sul manuale del proprietario

F

è a discrezione del comandante, in relazione alle condizioni meteomarine

.

Risposte

BASE n. 901 - Su un natante da diporto a motore non munito di marcatura CE, ma provvisto di cabine, il numero massimo di persone trasportabili:

F

è a discrezione del comandante, in relazione al numero dei posti letto disponibili

V

è stabilito dal certificato di omologazione o dalla dichiarazione di conformità del costruttore, se trattasi di natante omologato

F

in ogni caso, è dato dal rapporto tra la lunghezza totale del natante e il coefficiente 1,5

.

Risposte

BASE n. 902 - Un'imbarcazione da diporto che naviga oltre le sei miglia dalla costa:

V

può essere condotta solo da coloro che sono in possesso di patente nautica

F

può essere condotta anche senza patente nautica, purché navighi entro le 12 miglia dalla costa

V

può essere condotta anche da un maggiorenne non patentato, purché sotto la direzione di un soggetto in possesso di patente nautica di categoria C

.

Risposte

BASE n. 903 - Su un natante da diporto a motore, in navigazione entro le sei miglia dalla costa:

F

la copertura assicurativa, come la patente nautica, è obbligatoria solo se il motore è di potenza superiore a 40.8 CV

V

la copertura assicurativa è obbligatoria, qualunque sia la potenza del motore, per la copertura dei danni derivanti dalla navigazione

F

la mancanza di copertura assicurativa è sanzionabile solo in caso di sinistro

.

Risposte

BASE n. 904 - Per comandare e condurre un'imbarcazione da diporto a motore in navigazione alla distanza di 11 miglia dalla costa:

F

non è necessario essere in possesso di patente nautica

F

non è necessaria la maggiore eta

V

è necessario essere in possesso di patente nautica

.

Risposte

BASE n. 905 - Per comandare e condurre un natante da diporto a motore, che non sia una moto d'acqua (acquascooter), in navigazione entro le sei miglia dalla costa:

F

non è mai necessario essere in possesso di patente nautica

F

occorre la maggiore età

V

è sufficiente aver compiuto sedici anni, se la potenza del motore è inferiore a 40.8 CV

.

Risposte

BASE n. 906 - Un natante da diporto di lunghezza fuori tutto pari a 9 metri, iscritto nei Registri Imbarcazioni da Diporto (RID), può essere oggetto di locazione?

V

Sì, ma l'uso commerciale deve essere annotato sulla licenza di navigazione e nel RID

F

No, la locazione è consentita solo per le imbarcazioni da diporto di lunghezza fuori tutto superiore a 10 metri

F

Sì, senza alcuna formalità

.

Risposte

BASE n. 907 - Se una persona maggiorenne prende in locazione un'imbarcazione da diporto a vela, dotata di motore ausiliario di potenza pari a 30 CV:

F

non è obbligata a tenere a bordo il contratto di locazione, perché esso è custodito dal locatore

V

si accerta che l'unità abbia la prescritta copertura assicurativa, ma questa è a carico del locatore

V

non deve essere in possesso di patente nautica, se conduce l'unità entro le 6 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 908 - Nel caso di locazione di un'imbarcazione da diporto con apparato motore di potenza pari a 120 CV:

V

è sanzionabile il conduttore (locatario) che ne assume la condotta senza essere munito di patente nautica

V

il contratto di locazione deve essere redatto in forma scritta e tenuto a bordo in originale o in copia conforme

F

non è necessaria la copertura assicurativa contro terzi, perché il locatore è comunque garante nei loro confronti

.

Risposte

BASE n. 909 - Nel caso in cui il conduttore (locatario) conservi la detenzione di un'imbarcazione da diporto presa in locazione oltre il termine di scadenza del contratto:

V

il contratto non si intende rinnovato di diritto, salvo espresso consenso del locatore

F

il conduttore (locatario) è sempre tenuto al risarcimento dei danni nei confronti del locatore

V

per il periodo di tempo non eccedente la decima parte della durata del contratto, il conduttore (locatario) è tenuto al pagamento del corrispettivo in misura doppia

.

Risposte

BASE n. 910 - Ai sensi delle norme che disciplinano il contratto di locazione di un'unità da diporto:

V

solo il conduttore (locatario) esercita la navigazione e assume la responsabilità dell'imbarcazione locata

F

alla scadenza del contratto di locazione, salvo espresso dissenso del locatore, il contratto si intende automaticamente rinnovato

V

la copertura assicurativa dell'unità contro terzi è a carico del locatore

.

Risposte

BASE n. 911 - In caso di locazione di un'imbarcazione da diporto a vela:

V

il conduttore (locatario) non deve necessariamente essere in possesso della prescritta patente nautica completa di abilitazione a vela, se naviga entro le 6 miglia dalla costa

V

il locatore è tenuto a consegnare l'unità completa di pertinenze e dotazioni di sicurezza

F

l'assicurazione dell'unità è a carico del conduttore (locatario)

.

Risposte

BASE n. 912 - Ai sensi della disciplina del contratto di locazione di un'unità da diporto:

V

il conduttore (locatario) può cedere in sublocazione l'unità a terzi

F

per la sublocazione non è obbligatoria la forma scritta per il contratto

V

il sublocatario è tenuto al pagamento del corrispettivo

.

Risposte

BASE n. 913 - In caso di locazione di un'imbarcazione da diporto a vela di classe A,

V

è obbligatoria la forma scritta per la stipula del contratto

F

il locatore continua ad assumere la responsabilità ed i rischi della navigazione dell'unità locata

V

I'assicurazione dell'unità è a carico del locatore

.

Risposte

BASE n. 914 - A seguito di locazione di un'unità da diporto di classe B:

V

il conduttore (locatario) esercita la navigazione e ne assume la responsabilità ed i relativi rischi

V

il conduttore (locatario) deve essere in possesso della prescritta patente nautica, solo se comanda e conduce l'unità presa in locazione

F

l'unità locata rimane in godimento al locatore, ma il conduttore (locatario) può utilizzarla

.

Risposte

BASE n. 915 - Salvo diverso accordo tra locatore e conduttore (locatario), nel caso di un'imbarcazione da diporto lunga 12 metri:

F

alla scadenza del contratto di locazione, se il conduttore (locatario) ne conserva la disponibilità, il contratto si intende rinnovato di diritto

F

se l'unità è restituita oltre la scadenza del contratto di locazione, il conduttore (locatario) è comunque tenuto a risarcire i danni al locatore

F

se il conduttore (locatario) non restituisce l'unità alla scadenza pattuita, è sanzionabile da parte dell'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 916 - Un'imbarcazione da diporto presa in locazione:

V

può essere oggetto di sublocazione col consenso del locatore

F

può essere condotta solo dal conduttore (locatario) sottoscrittore del contratto

F

può restare nella disponibilità del conduttore (locatario) anche dopo la scadenza del contratto, che in tal caso si intende rinnovato di diritto

.

Risposte

BASE n. 917 - A sensi delle disposizioni normative che disciplinano il contratto di locazione di un'imbarcazione da diporto:

F

entrambe le parti, locatore e conduttore (locatario), hanno dopo la stipula del contratto il godimento e la facoltà di utilizzo dell'imbarcazione

F

è facoltativa la redazione del contratto in forma scritta

V

il conduttore (locatario) esercita la navigazione e assume la responsabilità dell'imbarcazione locata

.

Risposte

BASE n. 918 - Quale titolo è richiesto per comandare un'imbarcazione da diporto presa in locazione?

F

Nessun titolo

V

La patente nautica nei casi previsti dalla legge

F

Un titolo professionale marittimo

.

Risposte

BASE n. 919 - Un privato, proprietario di un'unità da diporto, può cederla in locazione a terzi?

F

Sì, senza alcuna formalità

F

No, mai

V

Sì, previa costituzione di apposita ditta o società

.

Risposte

BASE n. 920 - In caso di locazione di un'unità da diporto, chi ne assume la responsabilità?

F

Il locatore

V

Il conduttore (locatario)

F

Lo skipper

.

Risposte

BASE n. 921 - Chi prende in locazione un'imbarcazione, può farla comandare ad un terzo dietro compenso?

F

Si, ma solo se in possesso di un titolo marittimo adeguato , munito di libretto di navigazione e regolarmente arruolato ed assicurato

F

Si, in ogni caso, purchè in possesso della patente

F

si, ma solo se proposto dall' armatore

.

Risposte

BASE n. 922 - Il proprietario di un'imbarcazione da diporto, può farla condurre ad un terzo, dietro compenso?

F

si, in ogni caso

F

Si, purchè il terzo sia in possesso della sola patente nautica

V

Si purchè regolarmente arruolato

.

Risposte

BASE n. 923 - Qual è l'età minima per conseguire la patente nautica?

F

16 anni

F

17 anni

V

18 anni

.

Risposte

BASE n. 924 - La patente nautica viene revocata:

F

nel caso di conduzione in stato di ebbrezza

V

in mancanza dei requisiti morali

V

in mancanza dei requisiti fisici

.

Risposte

BASE n. 925 - La patente nautica può essere sospesa:

V

per gravi atti di imperizia ed imprudenza

F

Quando non si è pagato il bollo annuale

F

quando si infrange il codice internazionale

.

Risposte

BASE n. 926 - I limiti fissati dalla legge per l'obbligatorietà della patente nautica, relativamente alle unità a motore, sono determinati:

F

dalla potenza fiscale del motore

V

dalla potenza massima di esercizio del motore

F

da una tabella ministeriale

.

Risposte

BASE n. 927 - Sino ai 59 anni, la patente nautica va rinnovata ogni:

F

5 anni

V

10 anni

F

15 anni

.

Risposte

BASE n. 928 - Un "delinquente abituale" può conseguire la patente nautica?

F

V

No

F

Dipende dai delitti per i quali è stato condannato

.

Risposte

BASE n. 929 - Comandare un'imbarcazione da diporto senza patente nei casi in cui essa sia obbligatoria:

V

è un illecito amministrativo

F

è un reato per il quale è previsto l'arresto o l'ammenda

F

comporta la denuncia alla locale stazione dei Carabinieri

.

Risposte

BASE n. 930 - I natanti non iscritti hanno l'obbligo di esporre la bandiera nazionale?

F

solo in acque territoriali

F

si

V

no

.

Risposte

BASE n. 931 - Bisogna aver compiuto i 16 anni di età per assumere il comando e la condotta di:

F

natanti a vela con superficie velica superiore a metri quadri 4

F

natanti a vela con superficie velica inferiore a metri quadri 4

V

natanti a motore, o a vela con motore ausiliario, purché la potenza del motore installato non superi i 40,8 CV e si navighi entro le 6 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 932 - Coloro che hanno compiuto i 16 anni d'età:

F

possono essere ammessi all'esame per il rilascio della patente nautica

F

possono essere ammessi agli esami per il rilascio delle sole patenti nautiche che abilitano alla navigazione entro le 12 miglia dalla costa

V

possono assumere il comando e la condotta di natanti, purché la potenza del motore installato non superi i 40.8 CV e si navighi entro le 6 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 933 - Quanti anni bisogna aver compiuto per condurre natanti a motore per i quali non è previsto l'obbligo della patente nautica?

V

16 anni per tutti i natanti con esclusione degli acquascooter

F

16 anni per gli acquascooter, 18 per i natanti a motore

F

18 per tutti i natanti

.

Risposte

BASE n. 934 - La condotta d'imbarcazione con patente scaduta:

V

è un illecito amministrativo

F

è un reato per il quale è previsto l'arresto o l'ammenda

F

comporta la sospensione della patente

.

Risposte

BASE n. 935 - L'imbarco di persone oltre il limite consentito

V

E' un illecito amministrativo punito con la sola ammenda

F

E' un reato per il quale è previsto l'arresto o l'ammenda

F

comporta la sospensione della patente

.

Risposte

BASE n. 936 - Condurre un'imbarcazione sotto l'effetto di sostanze stupefacenti:

F

è un illecito amministrativo punito con la sola ammenda

F

non è sanzionato, se non si sono causati danni a terzi

V

comporta la sospensione della patente nautica

.

Risposte

BASE n. 937 - Quali Uffici rilasciano le patenti nautiche che abilitano a navigare senza alcun limite dalla costa?

F

Gli Uffici Motorizzazione Civile

V

Le Capitanerie di porto

V

Gli Uffici Circondariali Marittimi

.

Risposte

BASE n. 938 - Un natante senza marcatura CE è abilitato a navigare entro 12 miglia dalla costa quando:

F

è stata richiesta l'abilitazione al comando entro le 12 miglia dalla costa

F

il motore installato ha una potenza superiore a 75 HP

V

è omologato per la navigazione senza limiti dalla costa ovvero è riconosciuto idoneo da un organismo notificato

.

Risposte

BASE n. 939 - Un'unità lunga metri 13, con una superficie velica di metri quadri 80 e un motore entrobordo di 45 CV:

V

è considerata un'imbarcazione da diporto a vela con motore ausiliario

F

non necessita della licenza di abilitazione alla navigazione

F

è in ogni caso una nave da diporto

.

Risposte

BASE n. 940 - I documenti di bordo:

V

devono essere tenuti a bordo in originale, o in copia autenticata se si naviga tra porti italiani

V

sono previsti sia per le imbarcazioni sia per i natanti

F

devono essere tenuti a bordo sempre in originale

.

Risposte

BASE n. 941 - Riguardo alle acque territoriali:

F

comprendono la fascia di mare fino a 6 miglia dalla costa

V

fuori dalle acque territoriali si è sottoposti al diritto internazionale

V

per golfi e baie sono calcolate a partire da apposite linee di base

.

Risposte

BASE n. 942 - Le imbarcazioni sono unità da diporto con una lunghezza fuori tutto compresa tra:

V

10 e 24 metri

F

12 e 24 metri

F

7,5 e 24 metri

.

Risposte

BASE n. 943 - I caratteri, con cui sulla fiancata di un'imbarcazione è indicata la sigla d'iscrizione, sono alti:

F

25 cm

V

20 cm

F

15 cm

.

Risposte

BASE n. 944 - Riguardo alle acque territoriali:

V

comprendono la fascia di mare fino a 12 miglia dalla costa a partire dalla linea di base

V

fuori dalle acque territoriali si è sottoposti al diritto internazionale

F

quelle comunitarie sono vietate alle navi dei paesi extracomunitari

.

Risposte

BASE n. 945 - Un'unità lunga metri 13 con superficie velica di metri quadri 80 e un motore entrobordo di 45 CV:

F

è un natante da diporto a vela con motore ausiliario

V

necessita della licenza di navigazione

V

è soggetta ad obbligo d'iscrizione

.

Risposte

BASE n. 946 - Riguardo alle acque territoriali:

V

comprendono la fascia di mare fino a 12 miglia dalla costa a partire dalla linea di base

F

sono sempre calcolate dalla linea di bagnasciuga

V

per golfi e baie sono calcolate da apposite linee di base

.

Risposte

BASE n. 947 - Per recarsi all'estero, un'imbarcazione da diporto deve richiedere l'autorizzazione:

F

all'Autorità marittima del porto di partenza

F

all'Autorità marittima del porto di arrivo

V

non ha bisogno di autorizzazione

.

Risposte

BASE n. 948 - Per la navigazione in acque interne:

F

è necessaria una patente specifica

V

la patente nautica, nei casi in cui è obbligatoria per legge

F

non c'è obbligo di patente nautica

.

Risposte

BASE n. 949 - Dare un nome alle unità da diporto è:

F

obbligatorio

V

facoltativo

F

dipende dalle ordinanze locali

.

Risposte

BASE n. 950 - La licenza di navigazione deve essere sottoposta a convalida?

F

Ogni 5 anni

F

Ogni 3 anni

V

No

.

Risposte

BASE n. 951 - Se un'imbarcazione è registrata:

F

il nome è obbligatorio

V

il nome non è obbligatorio

F

dipende dalle ordinanze locali

.

Risposte

BASE n. 952 - L'incendio di classe B è generato da:

F

Gas infiammabili

F

Apparecchiature elettriche di tensione

V

Liquidi infiammabili

.

Risposte

BASE n. 953 - Come va estinto un incendio del quadro elettrico?

F

Con acqua

V

Con estintore a polvere

F

Con estintore a schiuma

.

Risposte

BASE n. 954 - L'incendio di classe C è generato da:

F

Particolari metalli infiammabili

F

apparecchiature elettriche

V

gas infiammabili

.

Risposte

BASE n. 955 - Relativamente alla sicurezza, qual è il principale difetto del motore a benzina?

V

L'accumulo di vapori di benzina nel vano motore

F

Le esalazioni di vapori di benzina dal tubo di scarico

F

La minore volatilità della benzina rispetto al gasolio

.

Risposte

BASE n. 956 - In caso d'incendio indomabile:

V

è necessario abbandonare la nave

F

si deve rimanere a bordo fino all'arrivo dei VV.FF.

F

si deve entrare quanto prima possibile in porto per facilitare l'intervento dei VV.FF.

.

Risposte

BASE n. 957 - In caso d'incendio nel locale motore entrobordo occorre:

F

lanciare il SECURITÈ ed attendere l'arrivo dei soccorsi

V

agire immediatamente per estinguere l'incendio e lanciare il MAYDAY

F

abbandonare immediatamente la nave e avvertire la Guardia Costiera

.

Risposte

BASE n. 958 - In caso di grave incendio a bordo è essenziale:

V

porre l'imbarcazione con le fiamme sottovento

F

scollegare le batterie

F

lanciare un SECURITÈ ed attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 959 - Sono regole essenziali per prevenire gli incendi a bordo:

V

evitare il surriscaldamento dei motori

V

pulire regolarmente la sentina

V

controllare le tubazioni del carburante e quelle del gas da cucina

.

Risposte

BASE n. 960 - Gli estintori a bordo:

F

se di tipo ad anidride carbonica, vanno utilizzati in locali aperti

F

se muniti di manometro, l'indicatore deve trovarsi in una delle zone rosse

V

vanno utilizzati dirigendo il getto alla base e non alla sommità delle fiamme

.

Risposte

BASE n. 961 - In caso di grave incendio a bordo, è essenziale:

V

porre l'imbarcazione con le fiamme sottovento

F

gettare a mare tutto il materiale infiammabile

F

lanciare un SECURITÈ ed attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 962 - In caso d'incendio a bordo è necessario:

V

chiudere la valvola del carburante

V

porre l'imbarcazione con le fiamme sottovento

F

porre l'imbarcazione con le persone sottovento

.

Risposte

BASE n. 963 - In caso di grave incendio a bordo, è essenziale:

V

porre l'imbarcazione con le fiamme sottovento

V

chiudere le valvole del carburante

V

lanciare un MAYDAY via radio

.

Risposte

BASE n. 964 - Per prevenire incendi a bordo, quale tra le seguenti operazioni è utile?

V

Pulire regolarmente la sentina

V

Evitare il surriscaldamento dei motori

V

Non fumare a bordo

.

Risposte

BASE n. 965 - Per prevenire incendi a bordo, quale tra le seguenti operazioni è utile?

V

Non fumare a bordo

V

Controllare l'integrità delle tubazioni del carburante e di quelle del gas da cucina

V

Evitare il surriscaldamento dei motori

.

Risposte

BASE n. 966 - Con un incendio su un pannello elettrico:

V

interveniamo con un estintore ad anidride carbonica o a polvere

F

interveniamo con acqua

F

interveniamo con un estintore a schiuma

.

Risposte

BASE n. 967 - Quali sono gli elementi che compongono il triangolo di fuoco?

F

Il combustibile, la temperatura ed il gas delle bombole

F

il combustibile, l'ossigeno e l'anidride carbonica

V

Il combustibile, il comburente e la fiamma

.

Risposte

BASE n. 968 - In quale modo si può estinguere un principio d'incendio?

F

Chiudendo le bombole del gas della cucina

V

Per soffocamento, per raffreddamento o per allontanamento

F

Soltanto chiamando i vigili del fuoco

.

Risposte

BASE n. 969 - Al manifestarsi di una qualsiasi combustione, come vi comportereste?

V

Agendo senza esitazione e senza ritardi nell'applicare i metodi antincendio

V

Intervenendo anche prima di dare l'allarme o contemporaneamente

F

Dando l'allarme quando non si riesce a domare l'incendio

.

Risposte

BASE n. 970 - Che cosa si deve fare per prevenire gli incendi?

V

Eliminare tutti i materiali di rifiuto che possano incendiarsi

F

Mantenere in efficienza le dotazioni antincendio

F

Accendere fuochi o luci in locali ove possono esservi gas o vapori combustibili

.

Risposte

BASE n. 971 - In caso d'incendio nel vano motore, quale cautela va immediatamente adottata?

V

Interruzione dell'afflusso di carburante con apposito dispositivo meccanico

F

Apertura del vano e uso dell'estintore

F

Mettere il fuoco sottovento

.

Risposte

BASE n. 972 - La falla si verifica quando:

F

si incastra l'elica che funge da sensore

V

si apre una via d'acqua sullo scafo dell'imbarcazione

F

si incastra l'elica del motore

.

Risposte

BASE n. 973 - In caso di falla:

F

si deve comunque rimanere sottocoperta fino all'arrivo dei soccorsi

F

si libera l'elica del motore incastrata

V

abbandonare la nave, se non si riesce ad evitare l'affondamento

.

Risposte

BASE n. 974 - In caso di evidente falla in carena:

V

si può tentare di sbandare l'unità, per poi tamponare la falla

F

è sempre obbligatorio attendere i soccorsi

F

ci si tonneggia in modo da distendere l'àncora e virare sul cavo col verricello

.

Risposte

BASE n. 975 - In caso di falla irreparabile a bordo, il comandante:

F

lancia via radio il SECURITÈ ed aspetta i soccorsi

F

lancia via radio il PAN PAN e mette l'equipaggio alle pompe di sentina

V

lancia via radio il MAYDAY e si adopera per la salvezza delle persone a bordo

.

Risposte

BASE n. 976 - Qual è la prima cosa consigliabile da fare, con un'unità a motore, in caso di incaglio improvviso su un banco di sabbia?

V

Spegnere il motore

F

Accelerare per disincagliarsi

F

Attendere il disincaglio ad opera della marea

.

Risposte

BASE n. 977 - In caso di incaglio le operazioni prioritarie sono:

F

lanciare un SECURITÈ via radio

V

controllare gli eventuali danni

V

controllare i flussi ed i reflussi di marea

.

Risposte

BASE n. 978 - In caso di incaglio su fondo sabbioso o fangoso:

V

si può tentare il disincaglio tonnegiandosi in modo da distendere l'àncora e virare sul cavo col verricello

F

si può tentare il disincaglio accelerando al massimo

F

si attende sempre il rimorchiatore

.

Risposte

BASE n. 979 - In caso di incaglio su uno scoglio, la prima cosa da fare è:

F

cercare di disincagliare l'unità

F

emettere un suono breve ed uno lungo ogni 3 minuti

V

controllare lo scafo

.

Risposte

BASE n. 980 - In caso di uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua), su barca a motore, qual è la prima manovra da effettuare?

F

Lanciare il PAN PAN

V

Accostare dallo stesso lato da cui è caduto il naufrago

F

Compiere un'evoluzione completa dal lato opposto alla caduta

.

Risposte

BASE n. 981 - Il salvagente anulare assicurato ad un capo di una cima galleggiante di almeno 30 metri:

V

in caso di uomo in mare, si lancia con il capo opposto della cima libera

F

va tenuto in un gavone del pozzetto per non rischiare di perderlo in mare

F

si lancia solo se l'uomo a mare non indossa la cintura di salvataggio

.

Risposte

BASE n. 982 - Nel recupero a motore di un uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua) è essenziale:

F

lanciare il MAYDAY via radio

V

accostare dal lato di caduta e lanciare il salvagente in acqua

F

mettere subito il motore in folle

.

Risposte

BASE n. 983 - Nel recupero a motore di un uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua) è essenziale:

V

lanciare immediatamente il salvagente

F

predisporre la scaletta di risalita

V

non perdere di vista il naufrago

.

Risposte

BASE n. 984 - In caso di uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua), qual è la prima manovra da effettuare?

F

Chiamare la Guardia Costiera

V

Accostare dal lato della caduta del naufrago e lanciare il salvagente

F

Lanciare il SECURITÈ SECURITÈ

.

Risposte

BASE n. 985 - Nel recupero di un uomo in mare (che non è stato visto cadere in acqua) è essenziale:

F

fermare subito l'imbarcazione

V

effettuare una manovra che porti l'unità sulla linea di rotta opposta a quella precedente

V

lanciare comunque immediatamente una richiesta di soccorso

.

Risposte

BASE n. 986 - Nel recupero di un uomo in mare (che non è stato visto cadere in acqua) è essenziale:

V

lanciare comunque immediatamente una richiesta di soccorso

V

effettuare una manovra che porti l'unità sulla linea di rotta opposta a quella precedente

F

fermarsi ed attendere l'arrivo dei soccorsi

.

Risposte

BASE n. 987 - Nel recupero di un uomo in mare (che non è stato visto cadere in acqua) è essenziale:

F

fermare subito l'imbarcazione

V

effettuare una manovra che porti l'unità sulla linea di rotta opposta a quella precedente

F

lanciare immediatamente il salvagente a mare

.

Risposte

BASE n. 988 - In caso di uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua), su barca a motore, qual è la prima manovra da effettuare?

V

Dare l'allarme con il grido "uomo in mare" e lanciare il salvagente

V

Accostare dallo stesso lato da cui è caduto il naufrago

F

Lanciare il PAN PAN

.

Risposte

BASE n. 989 - In caso di uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua), è necessario:

F

chiamare la Guardia Costiera

F

lanciare il SECURITÈ SECURITÈ

V

compiere un'evoluzione completa, fino a tornare sul naufrago

.

Risposte

BASE n. 990 - In caso di uomo in mare (che è stato visto cadere in acqua), su barca a motore, qual è la prima manovra da effettuare?

V

Compiere un'evoluzione completa, fino a tornare sul naufrago

F

Lanciare il PAN PAN

V

Accostare dallo stesso lato da cui è caduto il naufrago

.

Risposte

BASE n. 991 - L'abbandono dell'unità:

V

Si deve effettuare solo se si è certi che la nave affonderà

F

E' una decisione che prende la maggioranza dell'equipaggio.

V

Si effettua sotto gli ordini del comandante

.

Risposte

BASE n. 992 - In caso di incidenti in mare si deve:

V

con priorità assoluta prestare soccorso alle persone eventualmente ferite

F

compilare il CID

F

dare immediatamente fondo all'àncora

.

Risposte

BASE n. 993 - In caso di incidenti in mare si deve:

V

con priorità assoluta prestare soccorso alle persone eventualmente ferite

V

qualora non fosse possibile prestare soccorso, questo deve essere richiesto tramite il canale 16 VHF

F

telefonare al numero 115 e attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 994 - In caso di incidenti in mare:

V

nel caso l'evento abbia interessato l'incolumità fisica, va presentata entro 24 ore una denuncia di evento straordinario all'Autorità marittima

V

in caso di sinistri con particolare gravità (perdita di vite umane) l'Autorità marittima informa l'Autorità giudiziaria

F

bisogna telefonare al numero 117 e attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 995 - In caso di incidenti in mare:

V

in caso di grave rischio per la salvaguardia della vita umana, bisogna impiegare razzi o altri mezzi prescritti per la richiesta di soccorso

F

bisogna fare rientro in porto ed ormeggiare al più presto

V

nei casi più gravi bisogna richiedere soccorso tramite il canale 16 VHF

.

Risposte

BASE n. 996 - In caso di incidenti in mare:

V

in caso di grave ferito a bordo, bisogna lanciare via radio il PAN PAN attivando il CIRM (Centro Italiano Radio Medico)

V

bisogna preoccuparsi immediatamente della salvaguardia delle vite umane

V

bisogna richiedere eventualmente soccorso tramite il 1530

.

Risposte

BASE n. 997 - In caso di incidenti in mare si deve:

F

compilare il CID

F

telefonare al numero 117 e attendere i soccorsi

F

telefonare al numero 115 e attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 998 - In caso di incidenti in mare si deve:

F

dare immediatamente fondo all'àncora

F

fare rientro in porto ed ormeggiare al più presto

F

telefonare al numero 115 e attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 999 - In caso di incidenti in mare si deve:

F

telefonare immediatamente al numero 113

F

compilare il CID

V

nei casi più gravi richiedere soccorso tramite il canale 16 VHF

.

Risposte

BASE n. 1000 - In caso di incidenti in mare si deve:

F

dare immediatamente fondo all'àncora

F

telefonare immediatamente al numero 113

F

telefonare al numero 112 e attendere i soccorsi

.

Risposte

BASE n. 1001 - In caso di incidenti in mare si deve:

V

prestare soccorso con priorità assoluta alle persone eventualmente ferite

F

dare immediatamente fondo all'àncora

V

richiedere soccorso tramite il canale 16 VHF, se prestare soccorso non fosse possibile

.

Risposte

BASE n. 1002 - In caso di incidenti in mare si deve:

F

telefonare immediatamente al numero 113

F

telefonare al numero 117 e attendere i soccorsi

F

dare immediatamente fondo all'àncora

.

Risposte

BASE n. 1003 - In navigazione, con un ferito a bordo la cui gravità pare evidente, cosa facciamo?

V

Lanciamo una chiamata di soccorso

V

Avvisiamo l'Autorità marittima con una chiamata d'urgenza

F

Tentiamo di provvedere noi stessi alle cure senza avvisare nessuno

.

Risposte

BASE n. 1004 - In caso di incaglio su un banco di sabbia, cosa dobbiamo fare?

F

Mettere il motore al massimo dei giri per tentare il disincaglio

F

Chiamare subito la Capitaneria di Porto per il soccorso

F

Lanciare i razzi e accendere i fuochi a mano

.

Risposte

BASE n. 1005 - Che cosa deve fare il comandante dell'unità in pericolo prima di ordinarne l'abbandono?

V

Deve aver sperimentato senza risultato i mezzi suggeriti dalla pratica per salvarla

V

Deve aver ordinato la messa immediata a mare della zattera autogonfiabile

F

Deve imbarcarsi sulla zattera per primo per dirigere le operazioni d'imbarco

.

Risposte

BASE n. 1006 - In caso di abbandono dell'unità, che cosa deve cercare di portare con sé il comandante?

V

I documenti dell'unità, i documenti dell'equipaggio e il VHF portatile

V

Segnali di soccorso, viveri, vestiario e medicinali

F

Gli stivali da barca dell'equipaggio

.

Risposte

BASE n. 1007 - Chi può ordinare l'abbandono della nave?

F

L'Autorità marittima locale

V

Il comandante dell'unità

F

Il comandante dell'unità in accordo con l'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 1008 - Nell'eventualità di un imminente abbandono della nave il comandante deve:

V

Preparare la zattera autogonfiabile affinchè possa facilmente essere messa fuori bordo e i segnali pirotecnici di soccorso.

F

fare indossare le cinture di salvataggio solo ai minori presenti a bordo

F

fare imbarcare sulla zattera solo le donne e preparare i segnali pirotecnici di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1009 - A chi è consentito l'uso dell'apparato di trasmissione VHF?

F

Al comandante

V

Solo a chi è in possesso del certificato limitato di radiotelefonia RTF o di un certificato superiore

F

A chiunque sia presente a bordo

.

Risposte

BASE n. 1010 - La chiamata di sicurezza è preceduta dalla parola:

V

SECURITÈ pronunciata 3 volte

F

PAN PAN pronunciata 3 volte

F

MAYDAY pronunciata 3 volte

.

Risposte

BASE n. 1011 - I segnali di soccorso a razzo a paracadute:

V

raggiungono un'altezza di almeno 200 metri

V

hanno una portata notturna di circa 25 miglia

V

sono visibili anche di giorno

.

Risposte

BASE n. 1012 - Il MAYDAY va ripetuto durante la chiamata:

F

2 volte

V

3 volte

F

1 volta

.

Risposte

BASE n. 1013 - Nel caso si renda necessario lanciare un MAYDAY via radio:

F

lo si lancia sulla frequenza di lavoro della stazione chiamata

F

lo si lancia due volte di seguito, a intervalli di 3 minuti

F

lo si lancia due volte di seguito, a intervalli di 5 minuti

.

Risposte

BASE n. 1014 - I segnali di soccorso:

F

Devono essere di tipo approvato e scadono ogni 2 anni

V

Se a torcia, andrebbero impiegati solo in vista di costa, navi o aerei.

V

A razzo sono solo a luce rossa.

.

Risposte

BASE n. 1015 - A cosa serve l'indicativo di chiamata?

V

A poter utilizzare l'apparato VHF a bordo di un natante non iscritto

F

A poter utilizzare l'apparato VHF fisso a bordo di un'imbarcazione

F

A poter utilizzare l'apparato VHF a bordo di una nave

.

Risposte

BASE n. 1016 - Quale titolo deve possedere il comandante di un'unità da diporto per poter utilizzare un apparato ricetrasmittente VHF/FM?

F

Nessun titolo

V

Il certificato limitato di radiotelefonista per naviglio minore

F

Il certificato illimitato di radiotelefonista per navi di stazza superiore a 150 tsl

.

Risposte

BASE n. 1017 - Il canale radio VHF/FM utilizzato per le chiamate di soccorso è:

F

Il canale 18

F

Il canale 68

V

Il canale 16

.

Risposte

BASE n. 1018 - La frequenza di chiamata e di soccorso:

V

per le trasmissioni in VHF è di 156,8 MHz

F

per le trasmissioni in VHF è di 256,8 MHz

F

per le trasmissioni in MF è di 3.182 KHz

.

Risposte

BASE n. 1019 - La chiamata di soccorso si fa sul canale VHF:

F

12

V

16

F

68

.

Risposte

BASE n. 1020 - La frequenza del canale VHF 16 marino è:

F

176,400 MHz

V

156,800 MHz

F

172,200 MHz

.

Risposte

BASE n. 1021 - Gli Avvisi ai naviganti vengono trasmessi normalmente ogni:

V

6 ore

F

4 ore

F

3 ore

.

Risposte

BASE n. 1022 - La frequenza di chiamata e di soccorso:

F

non si può utilizzare per chiamare altre imbarcazioni

V

per le trasmissioni in VHF corrisponde al canale 16

V

è la frequenza di chiamata per qualsiasi notizia riguardante la navigazione

.

Risposte

BASE n. 1023 - La frequenza di soccorso del VHF è:

V

156,8 MHz

F

156,5 MHz

F

146,5 MHz

.

Risposte

BASE n. 1024 - Le lettere "I" e "Z" in fonia vengono trasmesse come:

V

india zulu

F

inter zeta

F

imola zanzibar

.

Risposte

BASE n. 1025 - La frequenza del canale 16 è:

V

156,8 MHz

F

156,5 MHz

F

16,0 MHz

.

Risposte

BASE n. 1026 - La frequenza di soccorso del VHF è:

F

16,0 MHz

V

156,8 MHz

F

160,0 MHz

.

Risposte

BASE n. 1027 - Il messaggio di sicurezza da quale segnale è preceduto?

F

PAN PAN PAN

V

SECURITÈ SECURITÈ SECURITÈ

F

MAYDAY MAYDAY MAYDAY

.

Risposte

BASE n. 1028 - Fra questi qual è il segnale d'urgenza?

F

PAN PAN PAN

V

PANPAN PANPAN PANPAN

F

SECURITÈ SECURITÈ SECURITÈ

.

Risposte

BASE n. 1029 - Quali comunicazioni radio hanno la precedenza assoluta su tutte le altre?

V

Le chiamate di sicurezza

V

Le chiamate di urgenza

V

Le chiamate di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1030 - Qual è fra le chiamate di soccorso, urgenza e sicurezza, quella che ha la precedenza?

F

Quella di urgenza

V

Quella di soccorso

F

Quella di sicurezza

.

Risposte

BASE n. 1031 - L'ascolto sul canale 16 per le chiamate di soccorso, d'urgenza e di sicurezza si fà:

F

ogni 12 ore

F

dal mattino alla sera

V

in continuazione

.

Risposte

BASE n. 1032 - Quando è consentito chiamare sul canale 16 per soccorso, urgenza e sicurezza?

V

Sempre

F

Ogni 6 ore

F

Secondo gli orari d'apertura degli Uffici marittimi

.

Risposte

BASE n. 1033 - Entro quali limiti di tempo è obbligatorio il silenzio radio sul canale 16?

V

Entro i primi 3 minuti di ogni mezz'ora

F

Entro i primi 15 minuti di ogni ora

F

Non vi sono limiti

.

Risposte

BASE n. 1034 - È impossibile far giungere d'urgenza i soccorsi. A chi occorre rivolgersi per curare i malati gravi?

V

Al CIRM via radio per il tramite delle Capitanerie di porto

F

Alla prima unità che possiamo contattare con il VHF

V

All'Ufficio marittimo più vicino

.

Risposte

BASE n. 1035 - A cosa serve il nominativo internazionale?

F

A poter utilizzare l'apparato VHF a bordo di un natante non iscritto

V

A poter utilizzare l'apparato VHF a bordo di imbarcazioni e navi

F

A identificare un natante non iscritto che naviga fuori delle acque nazionali

.

Risposte

BASE n. 1036 - Il canale 16 del VHF:

F

deve essere utilizzato solo in caso di comunicazioni riguardanti la sicurezza

F

se non ci sono situazioni d'emergenza, può essere utilizzato tranquillamente

V

ad eccezione delle chiamate di soccorso, urgenza e sicurezza, deve essere utilizzato solo per la prima chiamata, poi bisogna spostarsi su un altro canale

.

Risposte

BASE n. 1037 - Quando può essere utile usare l'àncora galleggiante?

F

Sempre

F

Mai

V

In caso di emergenza per rallentare lo scarroccio dell'unità

.

Risposte

BASE n. 1038 - L'àncora galleggiante:

V

filata fuori bordo, consente di tenersi alla cappa

F

è usata solo in caso di soccorso

F

aumenta la velocità

.

Risposte

BASE n. 1039 - L'àncora galleggiante:

F

filata di prua, aumenta la corsa dell'imbarcazione

V

serve a mantenersi alla cappa

F

è usata solo in caso di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1040 - L'àncora galleggiante:

V

si fila di prua per mantenersi alla cappa senza traversarsi

F

non si fila di prua per mantenersi alla cappa senza traversarsi

F

si usa in porto in fase di ormeggio in andana

.

Risposte

BASE n. 1041 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quante boette fumogene deve avere a bordo un'imbarcazione che naviga entro le 12 miglia dalla costa?

F

3

V

2

F

1

.

Risposte

BASE n. 1042 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali segnali luminosi d'emergenza devono tenere a bordo le imbarcazioni che navigano entro 12 miglia dalla costa?

V

1 boetta luminosa, 2 fuochi a mano a luce rossa, 2 razzi a paracadute a luce rossa

F

2 fuochi a mano a luce rossa, 1 boetta luminosa

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa

.

Risposte

BASE n. 1043 - I natanti da diporto hanno l'obbligo di effettuare le visite periodiche di sicurezza?

F

Sì, sempre

V

No, se non sono iscritti

V

Si, ma solo se sono iscritti

.

Risposte

BASE n. 1044 - Per rilanciare una richiesta di soccorso ricevuta da un'altra unità si utilizza il messaggio:

F

MAYDAY REFRAIN ripetuto tre volte

F

MAYDAY RESCUE ripetuto tre volte

V

MAYDAY RELAY ripetuto tre volte

.

Risposte

BASE n. 1045 - Qual è la procedura per trasmettere un messaggio di soccorso?

F

Il messaggio di soccorso deve essere seguito dalla parola MAYDAY ripetuta tre volte

V

Il messaggio di soccorso deve essere preceduto dalla parola MAYDAY ripetuta tre volte

F

Il messaggio di soccorso deve essere preceduto dalla parola SECURITÈ e seguito dalla parola MAYDAY

.

Risposte

BASE n. 1046 - Ogni quanto tempo va revisionata una zattera di salvataggio omologata per la navigazione entro le 12 miglia?

F

Ogni anno

V

Ogni due anni dopo il primo triennio

F

Ogni quattro anni

.

Risposte

BASE n. 1047 - Quanti fuochi a mano a luce rossa devono obbligatoriamente essere tenuti a bordo di un'unità che naviga entro 12 miglia dalla costa?

F

5

V

2

F

3

.

Risposte

BASE n. 1048 - Quanti fuochi a mano devo almeno portare navigando entro le 12 miglia dalla costa?

V

2

F

1

F

3

.

Risposte

BASE n. 1049 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali sono le dotazioni luminose minime d'emergenza per le imbarcazioni che navigano entro 12 miglia dalla costa?

F

4 fuochi a mano a luce rossa, 2 razzi a paracadute a luce rossa, 1 boetta luminosa

V

1 boetta luminosa, 2 fuochi a mano a luce rossa, 2 razzi a paracadute a luce rossa

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa

.

Risposte

BASE n. 1050 - L'apparato radio VHF è obbligatorio per le unità da diporto che navigano:

F

entro 6 miglia dalla costa

V

oltre 6 miglia dalla costa

F

entro 3 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1051 - Secondo il codice della navigazione, il salvataggio in mare si verifica quando:

V

l'unità soccorsa non è in grado di manovrare

F

l'unità soccorsa riesce a collaborare

F

l'unità soccorsa ha lanciato il SECURITÈ

.

Risposte

BASE n. 1052 - Il salvataggio di persone in mare:

V

può non essere prestato solo in caso di grave rischio per la vita dei soccorritori

V

non dà diritto ad alcun compenso

V

è un atto dovuto, anche quando non è richiesto

.

Risposte

BASE n. 1053 - I mezzi collettivi di salvataggio per la navigazione entro 12 miglia dalla costa sono:

F

gli apparecchi galleggianti

V

le zattere di salvataggio autogonfiabili

F

gli atolli

.

Risposte

BASE n. 1054 - Incappiamo in una burrasca e sottovento c'è un porto. Ci dirigiamo là?

V

Sì, dopo avere accertato che l'accesso al porto sia agibile e sicuro

V

Bisogna accertarsi che la zona costiera antistante il porto non sia, in queste condizioni, troppo battuta dai frangenti o dal "mare incrociato"

F

No, diamo fondo all'àncora e aspettiamo

.

Risposte

BASE n. 1055 - In caso di navigazione con tempo cattivo è utile:

V

accertarsi che gli apparecchi di radiocomunicazione siano efficienti

V

assicurare con cinture di sicurezza gli addetti alle manovre

F

mettere subito il motore in folle

.

Risposte

BASE n. 1056 - Le carte nautiche che fanno parte delle dotazioni di sicurezza:

V

possono essere emesse da un Istituto Idrografico non italiano

F

sono obbligatorie per le imbarcazioni che navigano sia entro, sia oltre 6 miglia dalla costa

F

devono essere di scala inferiore a 1:300.000

.

Risposte

BASE n. 1057 - Se un'imbarcazione abilitata alla navigazione senza limiti naviga entro 6 miglia dalla costa:

F

ha l'obbligo di avere a bordo le dotazioni per la navigazione oltre le 6 miglia

V

non ha l'obbligo di avere a bordo le dotazioni per la navigazione oltre le 6 miglia

F

ha l'obbligo di segnalare la sua posizione all'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 1058 - L'àncora galleggiante:

F

filata di prua, aumenta la corsa dell'imbarcazione

V

si fila di prua per tenersi alla cappa

F

si fila di lato per traversarsi alle onde

.

Risposte

BASE n. 1059 - In caso di condizioni meteomarine avverse, è opportuno:

V

chiudere le valvole delle prese a mare non necessarie, oblò ed osteriggi

V

verificare che non vi siano possibili vie d'acqua, controllando la sentina

F

aprire gli oblò sopravento per chi soffre il mal di mare

.

Risposte

BASE n. 1060 - In navigazione con mare formato è necessario:

V

controllare spesso che non vi sia acqua in sentina

V

che gli oggetti mobili siano ben rizzati

F

solo ridurre la velocità

.

Risposte

BASE n. 1061 - In navigazione con l'autopilota:

F

non è necessario controllare rotta e punto nave

V

è necessario che vi sia qualcuno a presidiare la navigazione

F

lontano dalla costa non c'è necessità che qualcuno presidi la navigazione

.

Risposte

BASE n. 1062 - Il certificato di sicurezza di un'unità da diporto:

V

è il documento che attesta lo stato di navigabilità dell'unità

F

è obbligatorio anche per i natanti da diporto, in ogni caso

F

ha la stessa validità temporale della licenza di navigazione

.

Risposte

BASE n. 1063 - Il certificato di sicurezza per le imbarcazioni da diporto:

V

è rilasciato dall'Ufficio d'iscrizione dell'imbarcazione

V

è soggetto a rinnovo, a scadenze temporali fisse, a seguito di visita periodica

F

non è necessario che sia mantenuto a bordo, perché è custodito dal proprietario presso la propria abitazione

.

Risposte

BASE n. 1064 - Per l'imbarco delle dotazioni di sicurezza, si tiene conto:

F

delle dimensioni dell'unità e della distanza effettiva dalla costa che si intende raggiungere in navigazione

V

del numero di persone a bordo e della distanza effettiva dalla costa che si intende raggiungere in navigazione

F

delle ordinanze locali dell'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 1065 - Quali di queste affermazioni è vera?

F

La licenza di navigazione è soggetta a scadenza

V

Il certificato di sicurezza è soggetto a scadenza

F

La patente nautica è sempre obbligatoria

.

Risposte

BASE n. 1066 - Il comandante di un'unità da diporto che riceve una chiamata di soccorso, deve:

F

prestare il soccorso in ogni caso

V

prestare il soccorso senza compromettere la sicurezza della propria unità e dell'equipaggio

F

attendere che altri provvedano a soccorrere l'unità in pericolo

.

Risposte

BASE n. 1067 - Il comandante dell'unità rimorchiante deve:

V

scegliere il tipo di rimorchio

F

aderire alle richieste del comandante dell'unità da rimorchiare

V

chiedere al comandante dell'unità da rimorchiare l'approvazione circa il tipo di rimorchio da adottare

.

Risposte

BASE n. 1068 - Per iniziare l'operazione di rimorchio:

F

l'unità che rimorchia mette in moto il motore portandolo al massimo dei giri

V

l'unità che rimorchia procede per fasi successive di abbrivo e di fermo macchina

F

in caso di accostate, l'unità che rimorchia le effettuerà il più rapidamente possibile

.

Risposte

BASE n. 1069 - Qual è la differenza tra soccorso e assistenza?

F

Sono la stessa cosa

V

Si ha soccorso quando l'unità da soccorrere non è in grado di cooperare

F

Il soccorso obbliga anche al salvataggio dell'unità

.

Risposte

BASE n. 1070 - Il soccorso è esclusivamente rivolto:

V

al salvataggio della vita umana in mare

F

anche al salvataggio dei beni dell'equipaggio

F

al salvataggio dei membri dell'equipaggio impediti nei movimenti

.

Risposte

BASE n. 1071 - Il soccorso può essere effettuato:

V

da qualsiasi unità ritenuta idonea

F

solo dalle navi

V

in seguito a precisa richiesta dell'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 1072 - L'intervento dei soccorritori cessa quando:

F

L'unità è affondata

F

I membri dell'equipaggio sono deceduti

F

l'unità non si trova esattamente nella zona indicata nella chiamata di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1073 - Nel determinare la velocità di sicurezza il comandante di un'unità da diporto deve tenere presente i seguenti fattori:

V

qualità evolutive dell'unità nelle condizioni del momento

V

visibilità

F

numero dei componenti dell'equipaggio

.

Risposte

BASE n. 1074 - Quando è obbligatorio l'EPIRB (Emergency Position Indicator Radio Beacon)?

F

Entro 12 miglia dalla costa

F

Entro 50 miglia dalla costa

V

Oltre 50 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1075 - Come deve comportarsi chi riceve una richiesta di soccorso?

F

Deve solo dirigere immediatamente sull'unità in pericolo.

F

Deve solo mantenere il contatto radio con l'unità in pericolo sino all'arrivo dei soccorsi

V

Deve rilanciare la chiamata di soccorso ed adoperarsi per prestare soccorso all'unità in pericolo

.

Risposte

BASE n. 1076 - Ogni quanto tempo sono sottoposti ad ispezioni ordinarie gli apparati ricetrasmittenti installati a bordo?

F

Ogni 5 anni

F

Ogni 10 anni

V

Sono esonerati dalle ispezioni ordinarie

.

Risposte

BASE n. 1077 - Il soccorso è obbligatorio:

F

sempre e comunque

F

se è d'accordo l'armatore della nave soccorritrice

V

se è possibile senza grave rischio della nave soccorritrice, del suo equipaggio e dei suoi passeggeri, ai sensi dell'art. 490 del codice della navigazione

.

Risposte

BASE n. 1078 - Cos'è il GPS?

F

È il Gradiente di Pressione Superficiale

V

È un sistema di navigazione satellitare (Global Positioning System)

F

È la sigla che indica i Gavitelli di Segnalamento di Pericolo

.

Risposte

BASE n. 1079 - Il GPS è obbligatorio?

F

No, è una dotazione facoltativa, ma consigliata

F

Sì, nella navigazione oltre le 50 miglia dalla costa

V

Sì, nella navigazione oltre le 12 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1080 - Per quali unità da diporto è obbligatorio l'EPIRB come dotazione di sicurezza?

V

Imbarcazioni da diporto che navigano oltre 50 miglia dalla costa

F

Imbarcazioni da diporto che navigano entro 50 miglia dalla costa

F

Imbarcazioni da diporto che navigano entro 12 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1081 - Per quale tipo di navigazione sono obbligatori gli strumenti di carteggio a bordo?

F

Per la navigazione entro le 12 miglia dalla costa

F

Sono facoltativi solo per la navigazione oltre le 12 miglia dalla costa

V

Per la navigazione oltre le 12 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1082 - L'apparato radio VHF è obbligatorio per le unità da diporto che navigano:

F

entro 6 miglia dalla costa

V

entro 12 miglia dalla costa

F

entro 1 miglio dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1083 - In navigazione con mare formato:

V

l'àncora deve essere assicurata, affinchè non possa uscire dalla sede

F

occorre spostare tutte le persone a prua

F

se l'imbarcazione è sicura, non si deve prendere nessuna precauzione

.

Risposte

BASE n. 1084 - In quali condizioni l'effetto evolutivo di un'elica sarà maggiore?

V

A bassa velocità dello scafo e ad alto numero di giri dell'elica

F

Alla velocità e al numero di giri dell'elica corrispondenti alla crociera veloce

F

In navigazione in mare aperto, quando l'elica ruota al minimo

.

Risposte

BASE n. 1085 - Tra un'elica a passo fisso, una a pale abbattibili ed una a pale orientabili, quale ha il minor rendimento a marcia indietro?

F

L'elica a pale fisse.

F

L'elica a pale orientabili.

V

L'elica a pale abbattibili.

.

Risposte

BASE n. 1086 - Cos'è il passo teorico di un'elica?

F

La distanza tra le pale dell'elica

F

Il numero di giri che l'elica compie in un'unità di tempo

V

La distanza che l'elica percorrerebbe in un giro completo, se l'acqua fosse solida

.

Risposte

BASE n. 1087 - Generalmente, in un'unità con due motori, che senso di rotazione ha l'elica di sinistra?

F

Destrorso.

V

Sinistrorso.

F

Indifferente.

.

Risposte

BASE n. 1088 - Com'è definita la differenza tra la distanza teorica e quella effettiva percorsa da un'elica in un giro completo?

F

Diametro

F

Passo

V

Regresso

.

Risposte

BASE n. 1089 - Riguardo al fenomeno di cavitazione dell'elica possiamo dire che:

V

Si manifesta con un aumento improvviso del numero di giri del motore.

F

Può dipendere dal numero delle pale.

F

Può dipendere da un'immersione eccessiva dell'elica.

.

Risposte

BASE n. 1090 - Come si chiama la distanza teorica che un'elica percorrerebbe in un giro completo, se l'acqua fosse solida?

V

Passo

F

Regresso

F

Diametro

.

Risposte

BASE n. 1091 - Quando un'elica si definisce sinistrorsa (guardando da poppa)?

V

Quando le pale girano in senso antiorario nella marcia avanti

F

Quando le pale girano in senso orario nella marcia avanti

F

Quando le pale girano in senso antiorario nella marcia indietro

.

Risposte

BASE n. 1092 - Come si regola il premistoppa sulla tenuta dell'asse dell'elica?

F

Va stretto in modo da non perdere nemmeno una goccia

F

Va leggermente stretto in modo che vi sia un flusso costante

V

Va stretto in modo che perda poche gocce al minuto

.

Risposte

BASE n. 1093 - Un'elica sinistrorsa:

F

Vista da poppa, in marcia avanti gira in senso orario.

V

Vista da poppa, in marcia avanti gira in senso antiorario.

F

In marcia avanti tende a fare accostare la poppa a dritta.

.

Risposte

BASE n. 1094 - Per propulsore si intende:

V

l'insieme di motore, trasmissione ed elica

F

l'insieme di motore, timone ed elica

F

il solo motore

.

Risposte

BASE n. 1095 - Cos'è la stazza di una nave?

V

La misura dei volumi interni di una nave

F

Il peso totale di una nave

F

La capacità di carico di una nave

.

Risposte

BASE n. 1096 - Cos'è lo specchio di poppa?

V

Parte di scafo che chiude la poppa

F

Fondo del pozzetto, in cui è alloggiata la barra del timone

F

Apertura della poppa negli scafi autosvuotanti

.

Risposte

BASE n. 1097 - La sagola è:

F

Una sartia volante.

F

Un mezzo di svuotamento.

V

Un cavo di piccolo diametro.

.

Risposte

BASE n. 1098 - La carena si può definire:

V

L'opera viva.

V

La parte sommersa.

F

La parte esterna.

.

Risposte

BASE n. 1099 - Come si chiama la parte sommersa dello scafo?

V

Opera viva.

F

Opera morta.

F

Giardinetto.

.

Risposte

BASE n. 1100 - Come si può definire lo scafo di un'imbarcazione?

F

La parte principale dell'opera morta.

F

La parte principale dell'opera viva.

V

Tutta la struttura che costituisce il guscio dell'imbarcazione.

.

Risposte

BASE n. 1101 - Cosa indica la freccia nell'unità rappresentata in figura?

V

Il giardinetto

F

Il mascone

F

La deriva

Risposte

BASE n. 1102 - A cosa servono le piastre di zinco fissate nella carena?

F

A rallentare la formazione di limo sulla carena

F

Ad evitare che si attacchino i denti di cane

V

Ad evitare corrosioni galvaniche

.

Risposte

BASE n. 1103 - La lunghezza al galleggiamento è:

V

la misura longitudinale dello scafo, misurata all'altezza della linea di galleggiamento

F

l'ingombro trasversale dello scafo, misurato all'altezza della linea di galleggiamento

F

l'ingombro trasversale dello scafo, misurato sotto la linea di galleggiamento

.

Risposte

BASE n. 1104 - Quale situazione creano i pesi imbarcati in alto?

F

Aumentano la stabilità longitudinale.

F

Aumentano la stabilità trasversale.

V

Diminuiscono la stabilità.

.

Risposte

BASE n. 1105 - Tra i possibili movimenti sull'acqua che un'unità può compiere o subire, possiamo definire:

F

abbrivo: il movimento dovuto all'influenza delle onde

V

beccheggio: l'oscillazione della prua e della poppa attorno all'asse trasversale

F

accostata: il movimento intorno all'asse longitudinale dello scafo

.

Risposte

BASE n. 1106 - Il beccheggio è:

V

L'oscillazione intorno all'asse trasversale dell'imbarcazione.

F

L'oscillazione intorno all'asse longitudinale dell'imbarcazione.

F

L'oscillazione intorno all'asse centrale dell'imbarcazione.

.

Risposte

BASE n. 1107 - Cosa sono gli agugliotti?

V

Elementi del timone.

F

Perni sui quali vengono fissati i remi.

F

Appoggi delle tavole costituenti il paiolato.

.

Risposte

BASE n. 1108 - Come si chiama il perno fissato sulla parte prodiera del timone, da infilare nella femminella sul dritto di poppa?

F

Cubia.

V

Agugliotto.

F

Femminella.

.

Risposte

BASE n. 1109 - Cos'è la femminella?

F

Piccola apertura nella murata o nella tuga

V

Sostegno del timone sul dritto di poppa

F

Parte curva tra il dritto di prora e la chiglia

.

Risposte

BASE n. 1110 - A che serve il timone compensato?

F

Ad allontanare dall'asse di rotazione il punto di applicazione della risultante della pressione esercitata dall'acqua sulle pale.

F

Ad avere un timone più robusto.

V

A ridurre la resistenza della pala alla rotazione.

.

Risposte

BASE n. 1111 - Nei vari tipi di timone di un'imbarcazione, abbiamo che:

F

il timone esterno è fissato alla poppa a mezzo di cerniere dette frenelli

V

il timone con asse passante può avere parte della pala a proravia dell'asse

F

il timone compensato è quello con sistema di comando idraulico

.

Risposte

BASE n. 1112 - La superficie del timone, su cui agisce la pressione dell'acqua, si chiama:

F

spalla

V

pala

F

asse

.

Risposte

BASE n. 1113 - Secondo le norme per prevenire gli abbordi in mare, un'unità è considerata:

V

nave a propulsione meccanica: se mossa da macchine

V

in navigazione: se non è all'àncora, né all'ormeggio, né incagliata, anche se ferma

F

nave intenta alla pesca: una nave che stia effettuando un qualsiasi tipo di pesca

.

Risposte

BASE n. 1114 - Di notte, una nave condizionata dalla propria immersione mostra:

F

2 fanali rossi visibili per 360°

F

3 fanali rossi visibili per 360°

V

1 fanale rosso visibile per 360°

.

Risposte

BASE n. 1115 - Una nave a propulsione meccanica in navigazione deve lasciare libera la rotta a:

F

un motopeschereccio

V

una nave con difficoltà di manovra

F

una nave militare

.

Risposte

BASE n. 1116 - Qual è la portata luminosa dei fuochi a mano di notte in condizioni normali?

F

almeno 12 miglia

F

maggiore di 50 miglia

V

circa 6 miglia

.

Risposte

BASE n. 1117 - Un'unità che mostra tre palloni neri posizionati verticalmente indica che:

F

è intenta alla pesca a strascico

V

è incagliata

F

è impossibilitata a governare

.

Risposte

BASE n. 1118 - Che colore deve avere un fanale di testa d'albero?

F

Rosso

F

Verde

V

Bianco

.

Risposte

BASE n. 1119 - Riguardo agli aspetti più distintivi, tra fari e fanali normalmente:

V

i fari segnalano le testate dei moli

F

i fanali emettono una luce unicamente bianca

F

i fanali emettono una luce di grande portata, generalmente superiore alle 10 miglia

.

Risposte

BASE n. 1120 - La velocità di un fronte caldo è:

F

superiore a quella di un fronte freddo

V

inferiore a quella di un fronte freddo

F

dipende dalla sua direzione

.

Risposte

BASE n. 1121 - Perché l'umidità dell'aria dipende dalla temperatura?

F

Perché l'aria fredda può contenere più vapore acqueo dell'aria calda

V

Perché l'aria calda può contenere più vapore acqueo dell'aria fredda

F

Perché l'aria alla temperatura di 38°C contiene il 100% di umidità

.

Risposte

BASE n. 1122 - Quando una massa d'aria si dice satura?

F

Quando interrompe il movimento di ascesa

V

Quando la sua umidità relativa è del 100%

F

Quando la sua umidità specifica è maggiore dell'umidità assoluta

.

Risposte

BASE n. 1123 - Che nubi sono i CIRRI?

V

le nubi più alte di aspetto chiaro e filamentoso

F

ammassi temporaleschi

F

un velo stratiforme di nubi grigie

.

Risposte

BASE n. 1124 - Cos'è un promontorio?

F

Un'isobara che interessa un'area di alta pressione

F

Un'isobara che ha un andamento rettilineo

V

La tendenza di un anticiclone ad incunearsi fra zone depressionarie

.

Risposte

BASE n. 1125 - Cos'è un fronte?

F

È una linea che separa due strati di cumuli- nembi

F

È una linea che separa due correnti di stessa intensità, ma direzione opposta

V

È una linea che separa due masse d'aria

.

Risposte

BASE n. 1126 - Che nubi sono i ''Cumuli''

F

nubi più alte di aspetto chiaro e filamentoso

F

un velo stratiforme di nubi grigie

V

nubi bianche e luminose

.

Risposte

BASE n. 1127 - Quando si è in presenza di un anticiclone?

V

quando le isobare chiuse interessano un'area di alta pressione

F

quando le isobare interessano un'area di bassa pressione

F

quando le isobare hanno un andamento rettilineo

.

Risposte

BASE n. 1128 - Come si chiama la linea di unione di due fronti?

F

linea di congiuntura

V

linea di occlusione

F

linea di giunzione

.

Risposte

BASE n. 1129 - Che cos'è una sella?

F

Un'area di alta pressione, incuneata tra due di bassa pressione, a forma di U

F

Un'area di bassa pressione, incuneata tra due di alta pressione, a forma di U

V

Zona d'incrocio tra due cicloni e due anticicloni, disposti a croce

.

Risposte

BASE n. 1130 - Cosa sono i venti sinottici?

F

venti locali

V

venti legati alla situazione meteorologica generale e percorrenti lunghe distanze

F

venti costieri dovuti alle differenze di temperature fra il mare e la terra

.

Risposte

BASE n. 1131 - Il gradiente barico esprime ...

V

il rapporto tra la differenza di pressione fra due isobare e la loro distanza

F

il rapporto tra due isobare

F

il rapporto tra le isobare più lontane

.

Risposte

BASE n. 1132 - Cos'è una saccatura?

V

Un'area di bassa pressione, incuneata tra due di alta pressione, a forma di U

F

Zona d'incrocio tra due cicloni e due anticicloni, disposti a croce

F

Un'area di alta pressione, incuneata tra due di bassa pressione, a forma di U

.

Risposte

BASE n. 1133 - le nuvole temporalesche sono:

F

i cirrostrati

V

i cumulonembi

F

i nembostrati

.

Risposte

BASE n. 1134 - Il vento di Gradiente, per definizione, è un vento che:

F

E' un vento che spira sempre da E verso O

V

E' determinato dalla differenza del valore della pressione atmosferica tra 2 o più isobare

F

E' diretto verso l'esterno.

.

Risposte

BASE n. 1135 - Il bollettino meteorologico Meteomar:

F

In VHF viene annunciato sul Canaie 9

V

viene trasmesso su più canali e frequenze per ogni stazione costiera

V

utile per chi ai trova a Venezia è quello relativo all'Adriatico settentrionale

.

Risposte

BASE n. 1136 - Il campo barico è:

V

l'insieme di più isobare su di una carta del tempo

F

la situazione della pressione in quota

F

la situazione della pressione al suolo

.

Risposte

BASE n. 1137 - A cosa serve una carta sinottica?

F

A navigare nelle regioni polari

F

A scegliere la migliore rotta

V

A rappresentare il campo barico e la posizione dei fronti presenti o previsti nell'ora a cui essa si riferisce

.

Risposte

BASE n. 1138 - Cosa è una isobara?

F

una linea che unisce punti di uguale profondità

F

una linea che unisce punti di uguale temperatura

V

una linea che unisce punti di uguale pressione

.

Risposte

BASE n. 1139 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche

F

L'acqua si sposta insieme alla cresta dell'onda

F

il moto ondoso propagato fuori dalla zona del vento generante si chiama fetch

V

l'altezza dell'onda aumenta all'aumentare del fetch

.

Risposte

BASE n. 1140 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

F

il tratto di mare dove il vento può soffiare senza incontrare ostacoli si chiama mare vivo

F

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare quasi calmo ha onde da 0,10 a 0,50 m

F

la lunghezza della cresta di un'onda è la sua lunghezza d'onda L

.

Risposte

BASE n. 1141 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

V

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare stato 5 ha onde da 2,50 a 4 m

F

la distanza tra le creste coincide con l'altezza delle onde

V

con vento dal largo il moto ondoso aumenta verso terra

.

Risposte

BASE n. 1142 - Le onde con mare mosso hanno un'altezza riferita alla scala Douglas di:

V

circa 1 metro

F

oltre 2 metri

F

oltre 3 metri

.

Risposte

BASE n. 1143 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

V

l'acqua forma le onde oscillando verticalmente sul posto

V

le onde si propagano nella direzione del vento generante

V

con vento dal largo il moto ondoso aumenta verso terra

.

Risposte

BASE n. 1144 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

F

l'acqua si sposta insieme alla cresta dell'onda

V

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare stato 3 ha onde da 0,50 a 1,25 m

V

l'altezza dell'onda aumenta all'aumentare del fetch

.

Risposte

BASE n. 1145 - Il moto ondoso ha le seguenti caratteristiche:

F

l'acqua si sposta insieme alla cresta dell'onda

V

nella scala Douglas dello stato del mare, un mare stato 3 ha onde da 0,50 a 1,25 m

F

l'altezza dell'onda diminuisce all'aumentare del fetch

.

Risposte

BASE n. 1146 - Nella scala Douglas dello stato del mare la cifra 5 corrisponde a:

F

molto mosso

F

molto agitato

V

agitato

.

Risposte

BASE n. 1147 - L'escursione massima di una marea si ha:

F

ad inizio e a metà mese

V

quando sole e luna sono in congiunzione o opposizione

F

quando sole e luna sono in quadratura

.

Risposte

BASE n. 1148 - Relativamente al sistema di accensione del carburante, qual è la principale differenza tra un motore a benzina ed uno diesel?

F

Il motore diesel necessita di un circuito elettrico per accendere il carburante con una scintilla, mentre nel motore a benzina il carburante si accende per compressione

V

Il motore a benzina necessita di un circuito elettrico per accendere il carburante con una scintilla, mentre nel motore diesel il carburante si accende per compressione

F

Entrambi i motori necessitano di un circuito elettrico per accendere i carburanti con una scintilla, ma nel motore diesel la scintilla deve essere più potente

.

Risposte

BASE n. 1149 - Cosa si intende con l'espressione "spurgare il sistema di alimentazione" di un motore diesel?

F

Svuotare tutto il gasolio presente nel sistema prima di riempire il serbatoio

V

Eliminare tutta l'aria presente nel sistema prima di riaccendere il motore

F

Pulire i filtri del gasolio del sistema d'alimentazione

.

Risposte

BASE n. 1150 - Che cosa aspira il motore diesel?

F

Aria e gasolio

V

Solo aria

F

Gasolio

.

Risposte

BASE n. 1151 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

V

il combustibile viene iniettato direttamente nei cilindri

F

può avere solo 4 cilindri

F

ha sia il sistema di accensione sia quello di avviamento

.

Risposte

BASE n. 1152 - Il motore a scoppio è un motore con le seguenti caratteristiche:

V

se a 2 tempi, non ha nè valvola di aspirazione nè valvola di scarico

V

l'esplosione della miscela avviene a causa di una scintilla elettrica

F

può funzionare sia con gasolio sia con benzina

.

Risposte

BASE n. 1153 - Nel sistema di alimentazione di un motore marino:

F

se diesel, aria e gasolio si miscelano nella pompa di iniezione

F

se a scoppio, la candela regola l'arrivo di benzina nel carburatore

V

se a scoppio, la miscela viene aspirata dai pistoni in discesa all'interno dei cilindri

.

Risposte

BASE n. 1154 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

V

la combustione del carburante avviene per surriscaldamento dell'aria compressa nel cilindro

F

ha sempre solo la valvola di scarico e quindi un solo albero della distribuzione

V

può essere a iniezione indiretta, con precamera di combustione riscaldata da candelette

.

Risposte

BASE n. 1155 - Il motore diesel è un motore con le seguenti caratteristiche:

F

può avere il sistema di alimentazione sia a iniezione sia a carburazione

V

può essere solo di tipo a compressione

F

ha 2 o più candele che determinano la combustione

.

Risposte

BASE n. 1156 - Su un'unità equipaggiata con un motore entrobordo a benzina, la prima operazione da compiere prima di accendere il motore è:

F

verificare che le candele siano ben inserite

V

arieggiare il vano dov'è alloggiato il motore

F

aprire i rubinetti del circuito di raffreddamento a ciclo chiuso

.

Risposte

BASE n. 1157 - Come viene spento di norma il motore diesel?

F

Mettendo a massa la bobina

F

Lasciando esaurire il carburante nel serbatoio

V

Interrompendo l'afflusso del carburante alla pompa di iniezione

.

Risposte

BASE n. 1158 - Nel motore entrobordo diesel è obbligatorio realizzare un impianto di areazione forzata?

F

Si, è obbligatorio

F

No ed è anche sconsigliato

V

No ma è consigliato

.

Risposte

BASE n. 1159 - Nel sistema di alimentazione di un motore marino:

V

se diesel, la pompa di alimentazione e iniezione è accoppiata all'albero motore

F

se diesel, le pompe di alimentazione non sono presenti

F

se a scoppio - carburazione, la pompa della benzina spinge la miscela nei cilindri

.

Risposte

BASE n. 1160 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, sono possibili operazioni inerenti:

V

all'apertura della valvola di spurgo sul filtro e/o sulla pompa di iniezione

F

all'apertura dello sfiato del filtro dell'olio

F

alla pulizia del circuito di ritorno del gasolio

.

Risposte

BASE n. 1161 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

F

le candele ricevono l'impulso elettrico dallo spinterogeno tutte nello stesso istante

F

se diesel, una volta avviato, le candelette continuano a ricevere corrente

F

le candele lavorano con corrente alternata a bassa tensione

.

Risposte

BASE n. 1162 - Quante fasi può avere un motore a benzina?

V

2

V

4

F

6

.

Risposte

BASE n. 1163 - Il ciclo di funzionamento di un motore:

V

può essere a 4 tempi sia per i motori a scoppio, sia per i motori diesel

F

se a 4 tempi, consiste in 4 andate-ritorno del pistone

F

può essere a 4 tempi solo per motori con numero pari di cilindri

.

Risposte

BASE n. 1164 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, possono essere necessarie operazioni inerenti:

V

all'apertura della valvola di spurgo sul filtro e/o pompa di iniezione

V

all'apertura dello sfiato del filtro del gasolio

F

al disserraggio della tubazione dello scambiatore

.

Risposte

BASE n. 1165 - Nel sistema di alimentazione di un motore marino:

V

se diesel, esiste un circuito di ritorno del gasolio in eccesso dagli iniettori al serbatoio

V

se diesel, la pompa di iniezione è accoppiata all'albero motore

F

se a scoppio - carburazione, la pompa della benzina spinge la miscela nei cilindri

.

Risposte

BASE n. 1166 - Nel sistema di alimentazione di un motore marino:

V

se diesel, esiste un circuito di ritorno del gasolio in eccesso dagli iniettori al serbatoio

V

se diesel, le pompe di alimentazione e iniezione sono accoppiate all'albero motore

V

se a scoppio-carburazione, la miscela viene aspirata dai pistoni

.

Risposte

BASE n. 1167 - Nell'operazione di spurgo dell'aria dal circuito del gasolio di un motore diesel, sono possibili operazioni inerenti:

V

all'apertura della valvola di spurgo sulla pompa di iniezione

V

all'apertura dello sfiato del filtro del gasolio

F

alla pulizia del circuito di ritorno del gasolio

.

Risposte

BASE n. 1168 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

F

tutte le candele ricevono l'impulso elettrico dallo spinterogeno nello stesso istante

V

se diesel, una volta avviato le candelette si spengono

F

la bobina trasforma la corrente proveniente dalla batteria da alta a bassa tensione

.

Risposte

BASE n. 1169 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

F

tutte le utenze funzionano a corrente alternata

V

il sistema di accensione esiste solo nei motori a scoppio

F

la batteria non fa parte del sistema di accensione

.

Risposte

BASE n. 1170 - Nel motore diesel il pistone nella fase di compressione comprime:

V

solo aria

F

aria e gasolio nebulizzato dagli iniettori

F

aria e gasolio liquido

.

Risposte

BASE n. 1171 - La pompa di iniezione:

F

spruzza il combustibile nei cilindri

V

aumenta la pressione del combustibile

F

provoca lo scoppio del combustibile

.

Risposte

BASE n. 1172 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

F

Ha sempre solo la valvola di scarico e quindi un solo albero della distribuzione

F

viene alimentato a benzina

F

Ha sia il sistema di accensione sia quello di avviamento

.

Risposte

BASE n. 1173 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

V

Può essere a iniezione indiretta, con precamera di combustione riscaldata da candelette

V

La combustione della miscela avviene per surriscaldamento dell'aria compressa nel cilindro

F

Ha sempre solo la valvola di scarico e quindi un solo albero della distribuzione

.

Risposte

BASE n. 1174 - Il motore diesel è un motore che ha le seguenti caratteristiche:

F

ha sia il sistema di accensione sia quello di avviamento

V

può essere a iniezione indiretta, con precamera di combustione riscaldata da candelette

F

ha sempre solo la valvola di scarico e quindi un solo albero della distribuzione

.

Risposte

BASE n. 1175 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=40M V=15N C=15 l/h Q=52l

V

S=60M V=20N C=30 l/h Q=117l

F

S=30M V=12N C= 20 l/h Q=80l

.

Risposte

BASE n. 1176 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=30M V=20N C=20 l/h Q=39l

F

S=40M V=10N C=15 l/h Q=70l

V

S=20M V=10N C=20 l/h Q=52l

.

Risposte

BASE n. 1177 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=60M C=20 l/h V=15N Q=104l

V

S=20M C=15 l/h V=15N Q=26l

V

S=15M C=24 l/h V=12N Q=39l

.

Risposte

BASE n. 1178 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=80M C=20 l/h V=20N Q=104l

F

S=50M C=20 l/h V=20N Q=95l

F

S=30M C=20 l/h V=12N Q=80l

.

Risposte

BASE n. 1179 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

F

S=35M C=10 l/h V=7N Q=32l

V

S=35M C=4 l/h V=7N Q=26l

F

S=35M C=8 l/h V=7N Q=85l

.

Risposte

BASE n. 1180 - Calcolare: Quantità carburante + RIS (S=Spazio, V=Velocità, C=Consumo l/h, RIS = Riserva, Q=Quantità carburante)

V

S=10M V=12N C=12 l/h Q=13l

F

S=10M V=12N C=12 l/h Q=16l

F

S=10M V=12N C=12 l/h Q=9l

.

Risposte

BASE n. 1181 - Riguardo ai consumi e all'autonomia di un'imbarcazione in navigazione possiamo dire che:

V

Il consumo orario di un motore dipende dalla potenza totale che esso sta erogando

V

Per calcolare l'autonomia in miglia bisogna conoscere, tra l'altro, la velocità della barca

F

Con mare mosso, a parità di velocità l'autonomia in miglia rimane costante

.

Risposte

BASE n. 1182 - Qual è la causa più comune per cui un motore entrobordo si surriscalda?

V

La presa a mare della pompa dell'acqua si è occlusa

F

Si è rotta la pompa di iniezione

F

Il filtro dell'olio si è sporcato

.

Risposte

BASE n. 1183 - Durante il funzionamento di un motore marino, quale avaria indica l'accensione dei seguenti segnali?

V

Spia generatore che permane accesa: cinghia dell'alternatore rotta o lenta

F

Spia temperatura acqua accesa: infiltrazione di olio nei cilindri

F

Spia pressione olio accesa: filtro aria sporco

.

Risposte

BASE n. 1184 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

V

Fumo nero dallo scappamento (motore diesel): iniettori sporchi o mal tarati

F

Spia pressione olio accesa: fasce elastiche pistoni consumate

V

Fumo azzurro dallo scappamento: il motore brucia l'olio di lubrificazione

.

Risposte

BASE n. 1185 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

V

Fumo nero dallo scappamento (motore diesel): iniettori sporchi o mal tarati

F

Spia pressione olio accesa: fasce elastiche pistoni consumate

V

Variazione anomala dei giri motore: esaurimento carburante o intasamento filtri

.

Risposte

BASE n. 1186 - Durante il funzionamento di un motore, quale avaria indicano i seguenti segnali?

V

Spia generatore che permane accesa: alternatore guasto o non funzionante

F

Fumo nero dallo scappamento (motore a scoppio): candele sporche

F

Spia temperatura acqua accesa: perdita nel collettore di scarico

.

Risposte

BASE n. 1187 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

F

Spia generatore accesa: circuito di avviamento guasto

V

Spia temperatura acqua accesa: mancanza di acqua nel circuito dell'acqua dolce

V

Fumo azzurro dallo scappamento: il motore brucia l'olio di lubrificazione

.

Risposte

BASE n. 1188 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

V

Spia generatore accesa: cinghia dell'alternatore rotta o lenta

V

Spia temperatura acqua accesa: valvola della presa a mare motore chiusa o intasata

F

Spia pressione olio accesa:filtro aria sporco

.

Risposte

BASE n. 1189 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

V

Variazione anomala dei giri motore: esaurimento carburante o intasamento filtri

V

Spia pressione olio accesa: avaria al sistema di lubrificazione

F

Fumo azzurro dallo scappamento: cattivo raffreddamento del motore

.

Risposte

BASE n. 1190 - Durante il funzionamento di un motore marino, a quali avarie possono essere associati i seguenti segnali?

V

Fumo azzurro dallo scappamento: il motore brucia l'olio di lubrificazione

V

Variazione anomala dei giri motore: esaurimento carburante o intasamento filtri

F

Spia generatore accesa: circuito di avviamento guasto

.

Risposte

BASE n. 1191 - Se un motore diesel si ferma perché è finito il carburante e si immette nel serbatoio altro gasolio, per far ripartire il motore:

F

è sufficiente azionare normalmente la messa in moto

F

è sufficiente controllare e pulire i filtri

V

occorre spurgare e reinvasare il circuito di alimentazione

.

Risposte

BASE n. 1192 - Se un motore diesel cala di giri:

F

c'è un problema alle candelette

V

c'è carenza di combustibile

V

il filtro del carburante è sporco o intasato

.

Risposte

BASE n. 1193 - Se il motore, con l'invertitore ingranato, non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

F

mancanza di carburante

F

rottura della cinghia di distribuzione

V

asse portaelica parzialmente bloccato

.

Risposte

BASE n. 1194 - Se il motore, con l'invertitore ingranato, non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

V

asse portaelica parzialmente bloccato

F

il sistema di iniezione è bloccato

F

non c'è abbastanza olio lubrificante motore

.

Risposte

BASE n. 1195 - Se il motore, con l'invertitore ingranato, non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

F

il sistema di iniezione è bloccato

V

distribuzione o anticipo fuori fase

F

la carena è sporca

.

Risposte

BASE n. 1196 - Se il motore, con l'invertitore ingranato, non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

V

filtri carburante sporchi

F

la carena è sporca

F

il sistema di iniezione è ostruito

.

Risposte

BASE n. 1197 - Se il motore non tiene il minimo o non prende il massimo dei giri, le cause dirette possono essere:

F

la carena è sporca

V

cima incattivita nell'elica

F

non c'è abbastanza olio lubrificante motore

.

Risposte

BASE n. 1198 - Come si chiama la struttura portante e di collegamento tra i vari organi di un motore endotermico?

V

Monoblocco

F

Testata

F

Basamento

.

Risposte

BASE n. 1199 - Che tipo di raffreddamento può avere un motore fuoribordo?

V

Ad aria

F

Ad acqua, senza pompa

V

Ad acqua, con pompa

.

Risposte

BASE n. 1200 - Qual è l'organo del motore marino che permette di alternare le fasi di moto "marcia avanti" - "folle" - "inversione di marcia"?

F

L'astuccio

F

Il giunto cardanico

V

L'invertitore

.

Risposte

BASE n. 1201 - Quali sono, nell'ordine, le fasi di funzionamento di un motore marino a 4 tempi?

V

Aspirazione - Compressione - Scoppio - Scarico

F

Scoppio - Compressione - Aspirazione - Scarico

F

Compressione - Iniezione - Scarico - Scoppio

.

Risposte

BASE n. 1202 - Qual è l'indicazione più evidente del corretto funzionamento del circuito di raffreddamento ad acqua marina?

V

La fuoriuscita continua di fiotti d'acqua dal condotto di scarico

F

L'assenza di qualsiasi fuoriuscita di liquido dal condotto di scarico

F

La fuoriuscita di condensa d'acqua dal condotto di scarico

.

Risposte

BASE n. 1203 - In un motore marino tradizionale, l'elica ruota agli stessi giri del motore?

F

Si, sempre

F

Solo al numero di giri corrispondenti ad una preselezionata velocità di crociera

V

No, il riduttore/invertitore ne riduce il numero dei giri

.

Risposte

BASE n. 1204 - Da che cos'è costituito il sistema propulsivo di un'imbarcazione a barca a motore?

F

Dal motore e dall'elica

F

Dal timone e dai suoi accessori

V

Dal motore, dalla trasmissione e dall'elica

.

Risposte

BASE n. 1205 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

V

il generatore (o alternatore) è comandato dall'albero motore

F

le punterie regolano la corsa del movimento del pistone

F

gli alberi della distribuzione sono sempre alloggiati nella testa dei cilindri

.

Risposte

BASE n. 1206 - Nel sistema di raffreddamento di un motore marino:

V

L'acqua passa all'interno del monoblocco, nelle pareti esterne dei cilindri

F

Se indiretto, nello scambiatore di calore si mischiano l'acqua dolce e quella salata

V

Le pompe dell'acqua sono generalmente di tipo a girante

.

Risposte

BASE n. 1207 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

V

i cilindri sono ricavati nel monoblocco

F

le bielle collegano i pistoni agli alberi della distribuzione

V

le valvole sono alloggiate nella testa dei cilindri

.

Risposte

BASE n. 1208 - Il ciclo di funzionamento di un motore:

F

per i motori a scoppio può essere solo in 2 fasi

V

se a 4 tempi, consiste in 2 giri dell'albero motore

V

se a 2 tempi, consiste in 2 corse del pistone

.

Risposte

BASE n. 1209 - Del motore fuoribordo ricordiamo che:

V

regolando con il trim il piede verso l'alto, la prua tende a sollevarsi

F

il blocco dell'elica comporta sempre la rottura dell'albero di trasmissione orizzontale

F

i cilindri sono sempre raffreddati ad aria

.

Risposte

BASE n. 1210 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

V

Il motorino di avviamento è un motore elettrico che fa girare l'albero motore

V

Lo spinterogeno lavora in fase con la rotazione dell'albero motore

F

La bobina è una componente del sistema di avviamento

.

Risposte

BASE n. 1211 - L'installazione di un motore:

V

se entrobordo, comporta che l'apparato propulsivo non sia amovibile

F

se entrofuoribordo, comporta che il motore sia considerato amovibile

F

se fuoribordo, prevede il blocco motore all'interno e la trasmissione all'esterno dello scafo

.

Risposte

BASE n. 1212 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

V

il volume del cilindro è solo quello generato dalla corsa del pistone

V

le fasce elastiche servono a mantenere la tenuta tra pistone e cilindro

V

i movimenti delle valvole sono comandati dalle camme degli alberi della distribuzione

.

Risposte

BASE n. 1213 - In un motore cos'è la linea d'asse?

F

È il sistema di trasmissione del piede poppiero

F

È il supporto che sostiene l'asse porta-elica sotto lo scafo

V

È il complesso costituito da: asse portaelica, giunto elastico, astuccio ed elica

.

Risposte

BASE n. 1214 - Con che cosa si rabbocca il livello nello scambiatore del circuito di raffreddamento indiretto in un motore entrobordo?

F

Con acqua di mare

F

Con olio

V

Con acqua dolce

.

Risposte

BASE n. 1215 - Per invertire la rotazione dell'elica occorre invertire la rotazione del motore?

V

No,l'inversione della rotazione dell'elica avviene attraverso il complesso riduttore/invertitore azionando l'apposita leva

F

Si, sempre

F

Si, l'inversione del senso di rotazione del motore avviene automaticamente azionando l'apposita leva

.

Risposte

BASE n. 1216 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

F

la batteria è esclusa dal sistema di accensione

V

la bobina innalza la tensione al fine di far scoccare la scintilla

V

l'alternatore ricarica la batteria trasformando l'energia meccanica dell'albero motore in energia elettrica

.

Risposte

BASE n. 1217 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

F

nel punto morto superiore il pistone tocca la testa del cilindro

F

le candele (o gli iniettori) sono alloggiate nel monoblocco

F

gli alberi della distribuzione sono indipendenti dall'albero motore

.

Risposte

BASE n. 1218 - Nel sistema di trasmissione di un motore marino, quando è in movimento:

V

Il riduttore modifica la velocità di rotazione dell'elica rispetto a quella dell'albero motore

V

Nell'invertitore esiste un cuscinetto detto reggispinta

F

L'astuccio passascafo tradizionale (con premitreccia) deve essere perfettamente stagno

.

Risposte

BASE n. 1219 - Del motore fuoribordo ricordiamo che:

F

il sistema di raffreddamento è di tipo indiretto

F

è solo di tipo a 2 tempi

F

può essere solo alimentato a gasolio

.

Risposte

BASE n. 1220 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

F

il motorino di avviamento riceve corrente ad alta tensione

F

la bobina trasforma la corrente da continua ad alternata

V

l'alternatore ricarica la batteria trasformando l'energia meccanica dell'albero motore in energia elettrica

.

Risposte

BASE n. 1221 - Nel sistema di raffreddamento di un motore marino:

V

l'acqua passa all'interno del monoblocco, nelle pareti esterne dei cilindri

F

se indiretto, esiste una sola pompa dell'acqua, che pompa sia acqua di mare che acqua dolce

F

dallo scarico esce sempre e comunque solo acqua dolce

.

Risposte

BASE n. 1222 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

V

se a 4 tempi, la fase attiva è quella di scoppio/combustione

V

se a 2 tempi a scoppio, l'aspirazione della miscela avviene tramite i travasi

V

se a 4 tempi, nella fase di compressione entrambe le valvole sono chiuse

.

Risposte

BASE n. 1223 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

V

se a 2 tempi a scoppio, la miscela viene aspirata attraverso i travasi

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è in discesa

F

se diesel, la valvola di scarico si apre con il pistone in discesa

.

Risposte

BASE n. 1224 - Del motore fuoribordo ricordiamo che:

F

regolando con il trim il piede verso il basso, si porta a immergere la poppa

V

esiste un getto spia del funzionamento dello scarico dell'acqua di raffreddamento

F

il sistema di accensione è alloggiato nel gambo o piede

.

Risposte

BASE n. 1225 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

V

le aste e i bilancieri fanno parte del sistema di distribuzione

V

tutte le pompe sono comandate dall'albero motore

F

l'alesaggio del cilindro corrisponde alla corsa del pistone

.

Risposte

BASE n. 1226 - Nel sistema di trasmissione di un motore marino:

F

L'invertitore lavora esattamente come il cambio di un automobile

V

Il premistoppa serve a schiacciare la baderna tra l'astuccio passascafo e l'asse portaelica

V

Nell'invertitore solitamente esiste un cuscinetto detto reggispinta

.

Risposte

BASE n. 1227 - Nell'impianto elettrico di un motore marino:

V

La batteria è un accumulatore di energia

V

Il sistema di accensione esiste solo nei motori a scoppio

V

La batteria alimenta il motorino di avviamento

.

Risposte

BASE n. 1228 - Il ciclo di funzionamento di un motore:

V

può essere a 4 tempi, sia per i motori a scoppio sia per i motori diesel

V

se a 4 tempi, consiste in due giri dell'albero motore

F

può essere a 4 tempi solo per motori con numero pari di cilindri

.

Risposte

BASE n. 1229 - Nel sistema di raffreddamento di un motore marino:

F

La presa a mare con valvola esiste solo nel sistema diretto

V

Se indiretto, esistono sia una pompa dell'acqua di mare, sia una pompa dell'acqua dolce

V

Dallo scarico può uscire anche acqua di mare

.

Risposte

BASE n. 1230 - Nel sistema di trasmissione di un motore marino con linea d'asse:

V

il riduttore modifica la velocità di rotazione dell'elica rispetto a quella dell'albero motore

F

l'accoppiamento asse portaelica-invertitore avviene sempre a mezzo di un giunto elastico

F

l'astuccio passascafo tradizionale deve essere perfettamente stagno

.

Risposte

BASE n. 1231 - Del motore fuoribordo ricordiamo che:

V

il sistema di raffreddamento è di tipo diretto

F

esiste solo con motore a 2 tempi

V

la pompa dell'acqua di raffreddamento è solitamente alloggiata nel gambo o piede

.

Risposte

BASE n. 1232 - Delle componenti e caratteristiche di un motore a 4 tempi possiamo dire che:

F

le aste e i bilancieri fanno parte del sistema di alimentazione

V

tutte le pompe sono comandate dall'albero motore

F

l'alesaggio del cilindro corrisponde alla corsa del pistone

.

Risposte

BASE n. 1233 - Nel sistema di trasmissione di un motore marino:

V

Il riduttore modifica la velocità di rotazione dell'elica rispetto a quella dell'albero motore

V

Il premistoppa serve a schiacciare la baderna tra l'astuccio passascafo e l'asse portaelica

V

Nell'invertitore solitamente esiste un cuscinetto detto reggispinta

.

Risposte

BASE n. 1234 - Il motore di un fuoribordo si raffredda:

V

ad acqua con pompa

F

ad aria compressa

F

non viene raffreddato, perché basta la velocità

.

Risposte

BASE n. 1235 - In un motore marino, lo scambiatore di calore:

V

raffredda il liquido refrigerante

F

accumula energia elettrica

F

distribuisce energia alla nave

.

Risposte

BASE n. 1236 - In un ciclo, il pistone di un motore a 2 tempi compie:

F

una corsa

V

due corse

F

quattro corse

.

Risposte

BASE n. 1237 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

F

se a 4 tempi, nella fase di aspirazione entrambe le valvole sono aperte

V

se a 2 tempi a scoppio, la miscela viene aspirata dai travasi

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è in discesa

.

Risposte

BASE n. 1238 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

V

se a 4 tempi, nella fase di compressione entrambe le valvole sono chiuse

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è in discesa

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è fermo

.

Risposte

BASE n. 1239 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

V

se a 4 tempi, la fase attiva è quella di scoppio/combustione

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è in discesa

F

se a scoppio, la scintilla scocca nella fase di scarico

.

Risposte

BASE n. 1240 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è fermo

F

se a 4 tempi, nella fase di aspirazione entrambe le valvole sono aperte

V

se a 2 tempi a scoppio, l'aspirazione della miscela avviene con il pistone in salita

.

Risposte

BASE n. 1241 - Durante il ciclo di funzionamento di un motore:

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è fermo

F

se a 4 tempi, nella fase di scarico il pistone è in discesa

F

se a 4 tempi, nella fase di aspirazione entrambe le valvole sono aperte

.

Risposte

BASE n. 1242 - Tra le caratteristiche della proiezione gnomonica abbiamo che:

F

il punto di proiezione è situato agli antipodi della zona proiettata

V

è la proiezione della superficie terrestre su un piano tangente ad un punto della stessa

F

conserva la forma delle superfici

.

Risposte

BASE n. 1243 - Quali sono le caratteristiche della carta gnomonica che ne giustificano l'impiego?

F

È una carta isogona e rettifica le ortodromie

V

Rettifica tutti i meridiani, l'equatore, i cerchi massimi e le rotte ortodromiche

F

È isometrica, isogona e rende rette le lossodromie

.

Risposte

BASE n. 1244 - In un grado ci sono:

F

30''

F

60''

V

60'

.

Risposte

BASE n. 1245 - 90 miglia sono pari a:

V

90' di latitudine

F

90 Km

F

.

Risposte

BASE n. 1246 - Quanti sono i fusi orari?

V

24

F

12

F

25

.

Risposte

BASE n. 1247 - Quale fuso interessa l'Italia?

F

Il fuso 2

F

Il fuso 3

V

Il fuso A bisecato dal meridiano 15°E

.

Risposte

BASE n. 1248 - Come si definisce la differenza di latitudine tra due punti A e B del globo terrestre?

V

L'arco di meridiano compreso fra i paralleli passanti per i due punti

F

L'arco di equatore inferiore a 180° compreso fra i meridiani passanti per i due punti

F

L'arco di equatore superiore a 180° compreso fra i meridiani passanti per i due punti

.

Risposte

BASE n. 1249 - Qual è la massima differenza tra l'ora solare e quella media del fuso?

F

15 minuti

V

30 minuti

F

45 minuti

.

Risposte

BASE n. 1250 - Qual è la definizione di azimuth?

V

È l'angolo compreso tra la direzione N e la direzione di un punto sul nostro orizzonte

F

È l'angolo compreso tra la direzione S e la direzione di un punto sul nostro orizzonte

F

È la direzione di un punto, fissato dall'osservatore sul suo orizzonte

.

Risposte

BASE n. 1251 - Qual è il fuso orario per il quale passa il meridiano di Greeenwich?

F

Alfa

F

Bravo

V

Zulu

.

Risposte

BASE n. 1252 - Cosa si intende per differenza di latitudine di due punti?

V

L'arco di meridiano compreso tra i paralleli passanti per i due punti

F

Il rapporto tra due latitudini di segno opposto

F

La distanza tra due punti orientati in latitudine

.

Risposte

BASE n. 1253 - Come sono distinti i fusi?

F

Solo da una lettera

F

Solo da un numero

V

Da un numero o da una lettera

.

Risposte

BASE n. 1254 - Cos'è il fuso orario?

F

È uno spicchio di sfera terrestre, limitato da due meridiani che differiscono di 15° di longitudine; l'ora solare adottata al suo interno è quella corrispondente al meridiano Est

V

È uno spicchio di sfera terrestre, limitato da due meridiani che differiscono di 15° di longitudine; l'ora solare adottata al suo interno è quella corrispondente al meridiano centrale

F

È uno spicchio di sfera terrestre, limitato da due meridiani che differiscono di 30° di longitudine; l'ora solare adottata al suo interno è quella corrispondente al meridiano centrale

.

Risposte

BASE n. 1255 - Rilevo un'imbarcazione sul traverso di dritta per Rlv=180°, quale sarà la mia prora vera ?

V

90°

F

270°

F

.

Risposte

BASE n. 1256 - Quanto tempo impiega un'unità a percorrere 15 miglia alla velocità di 20 nodi?

F

30 minuti

V

45 minuti

F

90 minuti

.

Risposte

BASE n. 1257 - La rotta ortodromica tra due punti della terra è:

F

un arco di spirale che, se prolungato, si avvolgerebbe sulla sfera terrestre verso uno dei poli

F

un arco di parallelo

V

un arco di circolo massimo

.

Risposte

BASE n. 1258 - La rotta per il porto è Rv=000°. In presenza di vento di Levante, che genera uno scarroccio di 6°, e in assenza di corrente, quale Pv assume lo skipper per arrivare a destinazione?

V

Pv=006°

F

Pv=354°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 1259 - Qual è la caratteristica della rotta ortodromica?

F

Consente di governare continuamente con un angolo alla bussola uguale all'angolo di rotta

V

Traccia il percorso più breve congiungente due punti del globo

F

Consente di governare continuamente con un angolo di rotta costante sotto i 180°

.

Risposte

BASE n. 1260 - Cosa si intende per scarroccio positivo o negativo?

F

Lo scarroccio E o W

F

Lo scarroccio avente lo stesso segno della deviazione o di segno opposto

V

Lo spostamento laterale che avviene rispettivamente a dritta o a sinistra della prora

.

Risposte

BASE n. 1261 - La rotta per il porto è Rv=050°. In presenza di vento di maestrale, che genera uno scarroccio di 5°, e in assenza di corrente, quale Pv assume lo skipper per arrivare a destinazione?

F

Pv=055°

V

Pv=045°

F

Non vi sono elementi sufficienti per rispondere

.

Risposte

BASE n. 1262 - Una nave che mantiene Rv 000°, che tipo di percorso segue?

V

Un percorso ortodromico

V

Una lossodromia

V

Sia un'ortodromia sia una lossodromia

.

Risposte

BASE n. 1263 - A parità di azione del vento, la velocità di scarroccio e tanto maggiore:

F

quanto maggiore è l'opera viva e la superficie esposta al vento

V

quanto minore è l'opera viva e quanto maggiore la superficie esposta al vento

F

con lo stesso vento, la velocità di scarroccio è uguale per tutte le navi

.

Risposte

BASE n. 1264 - Esiste connessione tra la bussola magnetica e il grafometro?

V

No

F

Sì, perché hanno un elemento in comune

F

.

Risposte

BASE n. 1265 - Entro quanto tempo va presentata la denuncia di evento straordinario?

V

Entro 3 giorni dall'arrivo in porto

V

All'arrivo in porto e comunque entro le 24 ore se l'evento ha interessato l'incolumità fisica di persone

F

Non appena possibile

.

Risposte

BASE n. 1266 - Per quali motori è obbligatorio avere a bordo la dichiarazione di potenza o il certificato d'uso del motore?

V

Per i soli motori fuoribordo

F

Per tutti i tipi di motore

F

Per i motori entrobordo di potenza inferiore a 40.8 CV

.

Risposte

BASE n. 1267 - Le imbarcazioni da diporto appartenenti alle categorie A e B possono essere iscritte presso:

F

Qualunque ufficio marittimo

V

gli Uffici Motorizzazione Civile, le Capitanerie di porto e gli Uffici Circondariali Marittimi

F

solo presso le Direzioni Marittime

.

Risposte

BASE n. 1268 - La bandiera nazionale per le imbarcazioni:

V

può essere esposta nella posizione più visibile o più opportuna

V

in navigazione si deve esporre sempre, qualunque sia l'ora

V

in porto si deve esporre sempre, dall'alba al tramonto

.

Risposte

BASE n. 1269 - Quali sono i principali documenti di bordo di un'imbarcazione da diporto?

V

Licenza di navigazione, certificato di sicurezza, assicurazione e manuale del proprietario

F

Licenza di navigazione, certificato di stazza, assicurazione, manuale di sicurezza

F

Portolano, pubblicazione n. 1111, Elenco dei fari e segnali da nebbia

.

Risposte

BASE n. 1270 - La licenza di navigazione:

V

è obbligatoria anche per i natanti da diporto iscritti nei Registri Imbarcazioni da Diporto (RID)

V

può essere rilasciata anche dall'Ufficio Motorizzazione Civile

F

non è valida se ad essa non è allegato il contratto di acquisto dell'imbarcazione da diporto

.

Risposte

BASE n. 1271 - Con la patente nautica di categoria A posso condurre unità da diporto di lunghezza:

F

superiore a 24 metri

V

inferiore a 24 metri

F

solo a motore

.

Risposte

BASE n. 1272 - Senza patente nautica posso condurre unità con motori:

F

di qualunque potenza, se navigo entro le 6 miglia dalla costa

F

di potenza inferiore a 40.8 CV, se navigo entro le 8 miglia dalla costa

V

di potenza inferiore a 40.8 CV, se navigo entro le 6 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1273 - La licenza di navigazione viene sostituita:

F

in caso di variazione del nome dell'unità da diporto

V

in caso di variazione del compartimento marittimo d'iscrizione

F

in caso di variazione della residenza

.

Risposte

BASE n. 1274 - L'incendio di classe E è generato da:

F

Combustibili solidi

V

Apparecchiature elettriche in tensione

F

Liquidi infiammabili

.

Risposte

BASE n. 1275 - Quale tra i seguenti motori, ai fini della sicurezza da esplosioni o da incendi, è il meno pericoloso?

V

Il motore diesel

F

Il motore a benzina

F

Il motore a miscela olio/benzina

.

Risposte

BASE n. 1276 - Per prevenire l'incendio a bordo, quale tra le seguenti cose è utile?

V

Pulire regolarmente la sentina.

V

Evitare perdite di carburante

V

controllare l'integrità dei cavi elettrici

.

Risposte

BASE n. 1277 - L'incendio di classe D è generato da:

V

particolari metalli infiammabili

F

combustibili solidi

F

liquidi infiammabili

.

Risposte

BASE n. 1278 - L'incendio di classe A è generato da:

V

combustibili solidi

F

gas infiammabili

F

particolari metalli infiammabili

.

Risposte

BASE n. 1279 - L'introduzione di aria in un locale aggredito da incendio determina:

F

il raffreddamento del locale.

F

nessuna reazione

V

alimentazione dell'incendio

.

Risposte

BASE n. 1280 - Quali estintori devono avere la conformità CE?

V

Tutti

F

Nessuno

F

Solo quelli ad anidride carbonica

.

Risposte

BASE n. 1281 - Quando si sviluppa un incendio a bordo, in prossimità di un porto, è giusto accelerare per entrare al più presto in porto?

V

No

F

F

Sì, se il porto è attrezzato per l'estinzione di incendi a bordo di unità

.

Risposte

BASE n. 1282 - Per quale classe di fuochi può essere utilizzato un estintore ad anidride carbonica?

F

Per incendi di classe H

V

Per incendi di classe C ed E

V

Per incendi di classe B

.

Risposte

BASE n. 1283 - In caso di grave incendio a bordo, è essenziale:

V

chiudere le valvole del carburante

F

scollegare le batterie

V

lanciare un MAYDAY via radio

.

Risposte

BASE n. 1284 - In caso d'incendio a bordo è necessario:

F

spegnere subito, anche con l'acqua, le apparecchiature elettriche in tensione

V

manovrare mantenendo il fuoco sottovento

F

porre l'imbarcazione con le fiamme sopravento

.

Risposte

BASE n. 1285 - Come utilizzereste un estintore a polvere?

F

Sottovento all'incendio, dirigendo il getto alla sommità delle fiamme per allontanare il fumo

V

Sopravento al'incendio, azionando l'estintore in modo da colpire le fiamme, dirigendo il getto alla loro base

F

Indifferentemente, purché venga azionato a debita distanza e con movimenti verticali, colpendo le fiamme superiormente ed inferiormente

.

Risposte

BASE n. 1286 - In caso d'incendio con fiamma alta, dove dirigiamo il getto dell'estintore?

F

Al centro della fiamma

F

Sopra le fiamme in modo tale da allontanare anche il fumo

V

Alla base delle fiamme

.

Risposte

BASE n. 1287 - In caso d'incendio a bordo durante la navigazione, come vi comportereste?

F

Aumentiamo l'andatura per giungere in porto il più rapidamente possibile

F

Cerchiamo un bassofondo sabbioso dove far incagliare l'unità

V

Manovriamo per mettere sottovento l'incendio, fermiamo l'unità ed azioniamo i mezzi d'estinzione

.

Risposte

BASE n. 1288 - Un estintore ad anidride carbonica funziona:

F

emettendo una polvere che, diretta alla base dell'incendio, lo spegne

V

emettendo un gas, che raffredda l'ambiente ed abbassa la concentrazione di ossigeno intorno alle fiamme

F

emettendo acqua polverizzata, che impedisce all'incendio di svilupparsi

.

Risposte

BASE n. 1289 - Con un incendio sottocoperta:

F

non si può fare nulla e occorre abbandonare la nave

F

si deve mettere la nave sottovento ed areare i locali

V

occorre chiudere tutte le vie d'aria

.

Risposte

BASE n. 1290 - Gli estintori sono tutti muniti di un manometro per controllo della pressione:

F

F

no

V

dipende dalla sostanza estinguente

.

Risposte

BASE n. 1291 - Il motore più soggetto ad incendi e quindi più pericoloso è:

F

il fuoribordo a benzina

V

l'entrobordo a benzina

F

il fuoribordo a gasolio

.

Risposte

BASE n. 1292 - In caso d'incendio a bordo è necessario:

V

usare l'estintore sopravento al fuoco ed alla base delle fiamme

F

porre l'imbarcazione con le fiamme sopravento

V

porre l'imbarcazione con le fiamme sottovento

.

Risposte

BASE n. 1293 - In caso di falla:

V

si può tentare di sbandare l'unità, per poi tamponare la falla

V

se non si riesce ad evitare l'affondamento, è necessario abbandonare la nave.

F

si libera l'elica del motore incastrata

.

Risposte

BASE n. 1294 - Nell'eventualità di un imminente abbandono della nave il comandante deve:

V

preparare la zattera autogonfiabile affinchè possa essere facilmente messa fuori bordo.

F

far indossare le cinture di salvataggio solo ai minori presenti a bordo.

V

prendere nota della posizione e preparare i segnali pirotecnici di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1295 - La frequenza del Canale 16 è:

F

154,6 MHz

F

16,156 MHz

V

156,8 MHz

.

Risposte

BASE n. 1296 - In caso di richiesta di soccorso, quando vengono impiegati i segnali di soccorso a razzo?

F

Sempre

V

Quando sono visibili le luci di una nave, di un aereo o della costa

V

Quando è ragionevole presumere d'essere avvistati

.

Risposte

BASE n. 1297 - A quali visite sono soggette le imbarcazioni da diporto rientranti nella normativa CE?

V

Periodiche ed occasionali

F

Iniziali, periodiche e occasionali

F

iniziali e finali

.

Risposte

BASE n. 1298 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali sono i mezzi individuali di salvataggio?

F

Zattere di salvataggio

V

Cinture di salvataggio per ogni persona imbarcata

F

Un salvagente munito di una cima lunga 30 metri con una boetta luminosa, sistemato in un luogo di facile accesso

.

Risposte

BASE n. 1299 - La chiamata di soccorso è preceduta dalla parola:

F

SECURITÈ pronunciata tre volte

F

PAN PAN pronunciata tre volte

V

MAYDAY pronunciata tre volte

.

Risposte

BASE n. 1300 - Quando vi è l'obbligo del silenzio radio sulle frequenze di chiamata e soccorso?

F

I primi 5 minuti di ogni ora

F

Non esiste alcun obbligo

V

I primi 3 minuti di ogni mezz'ora.

.

Risposte

BASE n. 1301 - Se un velivolo compie uno o più cerchi sopra la nostra barca:

F

Dobbiamo arrestarci immediatamente

V

Il velivolo intende comunicare con noi

V

ci mettiamo all'ascolto sui canali di chiamata e soccorso

.

Risposte

BASE n. 1302 - Nelle chiamate via radio, sul canale 16:

V

sono vietate le conversazioni

F

si deve ripetere insistentemente la chiamata, finché la stazione chiamata non risponde

V

si scandisce prima, per tre volte, il nome della stazione chiamata

.

Risposte

BASE n. 1303 - I segnali di soccorso a mano a luce rossa:

F

sono i segnali di soccorso a razzo

V

hanno un meccanismo di accensione a strappo

F

hanno una portata di circa 30 miglia

.

Risposte

BASE n. 1304 - Nel caso si renda necessario lanciare un MAYDAY via radio:

V

si comunicano: posizione, dati imbarcazione, pericolo in corso

V

la parola MAYDAY va ripetuta tre volte

F

la parola MAYDAY va ripetuta due volte di seguito, a intervalli di 5 minuti

.

Risposte

BASE n. 1305 - Le chiamate radio che rivestono carattere di soccorso sono precedute:

F

dalla parola PAN, quando riguardano la sicurezza della navigazione

F

dalla parola SECURITÈ, quando richiedono assistenza

V

dalla parola MAYDAY, quando richiedono soccorso

.

Risposte

BASE n. 1306 - I segnali a paracadute raggiungono un'altezza di:

F

100 metri circa

F

50 metri circa

V

200 metri circa

.

Risposte

BASE n. 1307 - Se di notte avvistiamo un razzo rosso:

V

ci avviciniamo ed avvisiamo l'Autorità marittima

F

ci allontaniamo e avvisiamo l'Autorità marittima

F

restiamo fermi e avvisiamo l'Autorità marittima

.

Risposte

BASE n. 1308 - Riguardo alle chiamate radio che rivestono carattere d'urgenza:

F

se incontriamo un relitto alla deriva, lanciamo un PAN PAN

V

se abbiamo un'infiltrazione d'acqua a bordo, lanciamo un PAN PAN

F

se abbiamo un ferito molto grave a bordo, lanciamo un PAN PAN

.

Risposte

BASE n. 1309 - Nel caso si renda necessario lanciare un MAYDAY via radio:

F

lo si lancia sulla frequenza di lavoro della stazione chiamata

F

lo si lancia due volte di seguito, a intervalli di tre minuti

V

si comunicano: nominativo dell'unità, posizione, pericolo in corso

.

Risposte

BASE n. 1310 - Possiamo pensare che un'unità richieda soccorso quando:

V

vediamo qualcuno muovere entrambe le braccia distese dall'alto verso il basso

F

vediamo dei razzi a stelle bianche ad intervalli di 1 minuto

V

sentiamo un suono continuo emesso con un apparecchio sonoro da nebbia

.

Risposte

BASE n. 1311 - Riguardo alle chiamate radio che rivestono carattere d'urgenza:

V

se incontriamo un relitto alla deriva, lanciamo un SECURITÈ

V

se abbiamo un importante infiltrazione d'acqua a bordo, lanciamo un MAYDAY

F

se abbiamo un ferito molto grave a bordo, lanciamo un PAN PAN

.

Risposte

BASE n. 1312 - Riguardo alla frequenza di chiamata e di soccorso:

V

il Canale 16 si può utilizzare per chiamare altre imbarcazioni

V

per le trasmissioni in VHF corrisponde al canale 16

V

è la frequenza di chiamata per qualsiasi notizia riguardante la navigazione

.

Risposte

BASE n. 1313 - Gli Avvisi ai naviganti possono:

V

fornire notizie su relitti alla deriva

F

fornire aggiornamenti ufficiali per il diario di bordo

F

dare notizia su fenomeni meteorologici

.

Risposte

BASE n. 1314 - Gli Avvisi ai naviganti possono:

F

essere richiesti per via telefonica

V

servire ad aggiornare le carte nautiche

F

fornire dati sulla ricettività portuale

.

Risposte

BASE n. 1315 - Riguardo alla frequenza di chiamata e di soccorso si può dire che:

V

si può utilizzare per chiamare altre imbarcazioni

V

per essere ben capiti si può adoperare l'alfabeto fonetico internazionale

V

è la frequenza di chiamata per qualsiasi notizia riguardante la navigazione

.

Risposte

BASE n. 1316 - I razzi a paracadute sono utilizzati:

F

trascorso il tempo massimo comunicato dalla Capitaneria di porto per l'arrivo dei mezzi di salvataggio

V

quando è in vista un'unità

F

quando l'unità di soccorso è affiancata alla nostra

.

Risposte

BASE n. 1317 - Il nominativo internazionale della stazione radiotelefonica a bordo dell'unità da diporto, è rilasciato:

V

dal Ministero delle comunicazioni

F

dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

F

dal Ministero della difesa, tramite i suoi Uffici marittimi

.

Risposte

BASE n. 1318 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali sono le dotazioni luminose d'emergenza per la navigazione entro le 12 miglia?

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa, 1 boetta luminosa

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa

V

2 fuochi a mano a luce rossa, 2 razzi a paracadute a luce rossa, 2 boette fumogene, 1 boetta luminosa

.

Risposte

BASE n. 1319 - Ogni quanti anni deve essere fatta sulle imbarcazioni la visita periodica?

F

Ogni 10 anni in ogni caso.

V

Ogni 5 anni dopo la prima visita periodica.

F

Ogni 12 anni dopo la visita iniziale.

.

Risposte

BASE n. 1320 - Le visite che si effettuano sulle imbarcazioni marcate CE sono:

V

periodica e straordinaria

F

solo visita iniziale

F

visita iniziale e finale

.

Risposte

BASE n. 1321 - In navigazione entro le 12 miglia dalla costa, le boette fumogene a bordo devono essere almeno:

V

2

F

1

F

3

.

Risposte

BASE n. 1322 - La cima gemellata al salvagente anulare è lunga:

F

20 metri

V

30 metri

F

25 metri

.

Risposte

BASE n. 1323 - L'obbligo di avere una cintura di salvataggio per ogni persona imbarcata:

F

è per la navigazione entro le 12 miglia

V

per ogni tipo di navigazione oltre i 300 metri dalla costa

F

solo per i natanti a motore

.

Risposte

BASE n. 1324 - La cassetta di pronto soccorso:

F

deve essere dimensionata al numero delle persone a bordo

V

è prevista per la navigazione oltre 12 miglia dalla costa

F

non è obbligatorio che sia di tipo approvato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

.

Risposte

BASE n. 1325 - Navigando entro 3 miglia dalla costa, non è obbligatorio avere a bordo:

V

i razzi rossi

V

il mezzo collettivo di salvataggio

V

la radio VHF

.

Risposte

BASE n. 1326 - Le visite occasionali vengono effettuate quando:

F

c'è un passaggio di proprietà

F

l'unità cambia bandiera

V

nei casi previsti dalla vigente normativa

.

Risposte

BASE n. 1327 - I segnali a mano a luce rossa:

F

scadono ogni 5 anni

V

scadono ogni 4 anni

F

scadono ogni 3 anni

.

Risposte

BASE n. 1328 - Per le imbarcazioni che navigano entro 6 miglia dalla costa, come mezzo collettivo minimo di salvataggio:

V

non è previsto il mezzo collettivo di salvataggio

F

è previsto un gommone

F

è prevista una barca a remi

.

Risposte

BASE n. 1329 - Le annotazioni di sicurezza devono essere presenti:

F

su tutte le unità da diporto

V

solo sulle navi, sulle imbarcazioni e sui natanti iscritti

F

solo sui mezzi di soccorso

.

Risposte

BASE n. 1330 - I natanti sono soggetti alla revisione delle annotazioni di sicurezza:

F

ogni 5 anni.

F

ogni 3 anni.

V

non sono soggetti a revisione.

.

Risposte

BASE n. 1331 - I razzi sono:

V

dotazioni di soccorso.

V

segnalazioni di pericolo.

F

segnali di comunicazione

.

Risposte

BASE n. 1332 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali sono le dotazioni luminose minime d'emergenza per le imbarcazioni che navigano entro 12 miglia dalla costa?

V

2 fuochi a mano a luce rossa, 1 boetta luminosa e 2 razzi a paracadute a luce rossa

F

3 fuochi a mano a luce rossa e 3 razzi a paracadute a luce rossa

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa e 1 boetta luminosa

.

Risposte

BASE n. 1333 - Secondo le vigenti norme di sicurezza, quali sono le dotazioni luminose minime d'emergenza per le imbarcazioni che navigano entro 12 miglia dalla costa?

F

3 fuochi a mano a luce rossa, 3 razzi a paracadute a luce rossa e 1 boetta luminosa

F

3 fuochi a mano a luce rossa e 3 razzi a paracadute a luce rossa

F

2 fuochi a mano a luce rossa e 1 boetta luminosa

.

Risposte

BASE n. 1334 - Un'unità da diporto con un motore di 50 CV, in navigazione entro le 12 miglia, dovrà avere almeno un estintore:

F

13 B

F

34 B

V

21 B

.

Risposte

BASE n. 1335 - Il Corpo delle Capitanerie di porto presta soccorso impiegando:

V

i propri mezzi e quelli di altre amministrazioni

F

esclusivamente i propri mezzi

V

i propri mezzi, quelli di altre amministrazioni e quelli privati

.

Risposte

BASE n. 1336 - In caso di rimorchio, tra le cautele da adottare ci sono:

V

appoppare l'unità da rimorchiare

V

lasciare l'elica dell'unità da rimorchiare libera di girare

V

alleggerire l'unità da rimorchiare e tener conto dell'assetto dell'unità da rimorchiare e dello stato del mare

.

Risposte

BASE n. 1337 - La cassetta di pronto soccorso è obbligatoria:

F

per le sole navi

F

per le navi e le imbarcazioni

V

per tutte le unità che navigano entro 50 miglia dalla costa

.

Risposte

BASE n. 1338 - Quando un'elica si definisce destrorsa (guardando da poppa)?

F

Quando le pale girano in senso antiorario in marcia avanti

V

Quando le pale girano in senso orario in marcia avanti

F

Quando le pale girano in senso orario in marcia indietro

.

Risposte

BASE n. 1339 - Un'elica destrorsa:

V

Vista da poppa, in marcia avanti gira in senso orario.

F

In marcia avanti tende a far accostare la poppa a sinistra.

V

In marcia indietro tende a fare accostare la prua a dritta.

.

Risposte

BASE n. 1340 - Riguardo al fenomeno della cavitazione dell'elica possiamo dire che:

V

consiste in una formazione di bolle d'aria

F

può dipendere dalla dimensione del timone

V

provoca fenomeni di corrosione dell'elica

.

Risposte

BASE n. 1341 - Un'elica destrorsa:

V

Vista da poppa, in marcia avanti gira in senso orario.

V

In marcia avanti tende a far accostare la prua a sinistra.

V

In marcia indietro tende a far accostare la prua a dritta.

.

Risposte

BASE n. 1342 - Un'elica sinistrorsa:

F

Vista da poppa, in marcia avanti gira in senso orario.

F

In marcia indietro tende a fare accostare la prua a dritta.

F

In marcia avanti tende a fare accostare la poppa a dritta.

.

Risposte

BASE n. 1343 - Un'elica destrorsa:

F

Vista da poppa, in marcia indietro gira in senso orario.

F

In marcia indietro tende a far accostare la poppa a dritta.

V

In marcia avanti tende a far accostare la prua a sinistra.

.

Risposte

BASE n. 1344 - Si ha cavitazione quando:

F

l'elica si impiglia in cavi sommersi

V

l'elica oltrepassa il suo corretto limite di giri

F

l'elica non raggiunge il regime minimo di giri

.

Risposte

BASE n. 1345 - Quante pale può avere un'elica?

F

Meno di due.

V

Tre.

F

Almeno cinque.

.

Risposte

BASE n. 1346 - Si definisce astuccio:

V

il passaggio asse-elica attraverso lo scafo

F

la cassetta galleggiante porta attrezzi

F

La cassetta galleggiante di pronto soccorso medico

.

Risposte

BASE n. 1347 - Sulle caratteristiche tecniche dell'elica (organo di propulsione) possiamo dire che:

V

il passo teorico di un'elica è la distanza che essa percorrerebbe, se l'acqua fosse solida, avvitandosi per un giro

V

il regresso di un'elica è la differenza tra il suo passo teorico e quello effettivo

F

il passo effettivo di un'elica è sempre maggiore del passo teorico

.

Risposte

BASE n. 1348 - Sulle caratteristiche tecniche dell'elica (organo di propulsione) possiamo dire che:

F

L'elica è formata da un mozzo e da un numero pari di pale.

V

Il rendimento di un'elica dipende anche dal rapporto tra il passo e il diametro.

F

Il passo di un'elica dipende dal suo diametro.

.

Risposte

BASE n. 1349 - Com'è denominata la controtrave posta sopra la chiglia di un'imbarcazione?

F

Controchiglia

F

Madiere

V

Paramezzale

.

Risposte

BASE n. 1350 - Cosa sono le battagliole?

F

Aperture per il passaggio delle catene delle àncore

F

Aperture praticate in coperta

V

Ringhiere laterali

.

Risposte

BASE n. 1351 - In uno scafo, com'è chiamata la struttura più bassa sulla quale si collegano le costole?

V

Chiglia

F

Madiere

F

Baglio

.

Risposte

BASE n. 1352 - Cos'è lo scalmo?

F

Perno fissato sulla parte prodiera del timone

V

Forcella o perno infissa sulla falchetta dove si appoggia il remo

F

Colonnina usata per dare volta alle cime

.

Risposte

BASE n. 1353 - Qual è il fondamentale elemento di rinforzo longitudinale dello scafo?

V

La chiglia.

F

La serretta.

F

Il baglio.

.

Risposte

BASE n. 1354 - Qual è l'ordinata maestra?

F

L'ordinata numero 1 della nave

V

L'ordinata corrispondente alla sezione maestra dello scafo

F

L'ordinata di maggiore spessore

.

Risposte

BASE n. 1355 - Cos'è il dritto di poppa?

V

Elemento verticale all'estremità posteriore della chiglia

F

Elemento verticale all'estremità anteriore della chiglia

F

Trave verticale di sostegno del baglio

.

Risposte

BASE n. 1356 - Come sono denominate le strutture trasversali che si incastrano nella chiglia di un'imbarcazione?

F

Torelli

V

Costole od ordinate

F

Serrette

.

Risposte

BASE n. 1357 - Com'è denominata la controtrave di rinforzo posta sotto la chiglia di un'imbarcazione?

F

Paramezzale

V

Controchiglia

F

Serrette

.

Risposte

BASE n. 1358 - Qual è il nome dell'elemento strutturale che prolunga la chiglia fino all'estrema prua?

F

Polena

V

Ruota di prua o dritto di prua

F

Bompresso

.

Risposte

BASE n. 1359 - In un tradizionale scafo di legno, la chiglia è:

F

La struttura trasversale dell'unità

F

Il ponte principale dell'unità

V

La struttura longitudinale che va da poppa a prua

.

Risposte

BASE n. 1360 - In un'imbarcazione, dove si trova la sentina?

V

Tra il pagliolo e il fondo dello scafo

F

Al di sotto di ogni ponte longitudinale

F

Adiacente al bompresso

.

Risposte

BASE n. 1361 - Cosa indica la freccia nell'unità rappresentata in figura?

V

Il mascone

F

Il dritto di prua

F

Il giardinetto

Risposte

BASE n. 1362 - Cos'è lo scafo?

F

La parte emersa di un'imbarcazione

F

La parte principale dell'opera viva

V

Il guscio costituito dall'opera viva e dall'opera morta dell'imbarcazione.

.

Risposte

BASE n. 1363 - Come si chiama la parte strutturale della poppa, alla quale può essere incardinato il timone?

V

Dritto di poppa.

F

Paramezzale di poppa.

F

Dritto di prua.

.

Risposte

BASE n. 1364 - Una tonnellata di stazza misura:

V

metri cubi 2,832

F

metri cubi 1,832

F

metri cubi 0,832

.

Risposte

BASE n. 1365 - La stazza si misura:

V

in tonnellate

F

in metri quadri

F

in ettolitri

.

Risposte

BASE n. 1366 - Tra i vari componenti di uno scafo tradizionale, definiamo:

V

coperta: il ponte continuo più elevato, che va da prua a poppa

V

pagliolo: il tavolato che copre la sentina

F

candeliere: l'asta verticale su cui poggia l'estremità dei bagli

.

Risposte

BASE n. 1367 - Tra i vari componenti di uno scafo tradizionale, definiamo:

F

trincarino: la protezione esterna dello scafo

F

giardinetto: la parte curva dello scafo vicino alla prua

V

boccaporto: l'apertura nel ponte di coperta per il passaggio all'interno di persone o cose

.

Risposte

BASE n. 1368 - Per indicare zone di un'imbarcazione o la posizione di oggetti a bordo di un'imbarcazione, si usa definire:

V

sinistra: il lato sinistro della nave vista da poppa

V

prua: la parte anteriore della nave

F

dritta: la zona centrale della nave

.

Risposte

BASE n. 1369 - Cosa rappresenta la stazza di una nave?

F

La portata massima della nave

V

La somma dei volumi degli spazi interni della nave, ermeticamente chiusi all'acqua

F

Il tonnellaggio della nave

.

Risposte

BASE n. 1370 - Il giardinetto si trova:

F

tra la fiancata e la prua.

V

tra la fiancata e la poppa.

F

a prua.

.

Risposte

BASE n. 1371 - Il baglio è:

F

una struttura verticale dello scafo.

V

una struttura trasversale dello scafo.

F

una struttura accessoria dello scafo.

.

Risposte

BASE n. 1372 - Cos'è il pulpito?

V

Parte rigida di sostegno della battagliola, a prora ed a poppa

F

Parte flessibile a sostegno della battagliola

F

Sostegno del timone sul dritto di poppa

.

Risposte

BASE n. 1373 - A quali elementi è fissato il fasciame esterno dello scafo?

V

Alle costole

F

Ai bagli

F

Al paramezzale

.

Risposte

BASE n. 1374 - Come si chiama il pavimento interno di un'imbarcazione?

F

Serretta

V

Pagliolato

F

Mura

.

Risposte

BASE n. 1375 - Cos'è il gavone in un'imbarcazione?

V

Vano-ripostiglio, sia di prua sia di poppa

F

Parte arrotondata dello scafo prima della poppa

F

Parte curva dello scafo prossima alla prua

.

Risposte

BASE n. 1376 - Com'è chiamata la linea che separa l'opera viva dall'opera morta?

F

Linea di insellatura

V

Linea di galleggiamento

F

Linea di bordo libero

.

Risposte

BASE n. 1377 - Quali elementi suddividono lo scafo in senso trasversale?

V

Le paratie.

F

I boccaporti.

F

Gli osteriggi.

.

Risposte

BASE n. 1378 - Cos'è la ruota di prora?

F

Parte curva tra il dritto di poppa e la chiglia

F

Elemento trasversale dell'ossatura dello scafo

V

Parte curva tra il dritto di prora e la chiglia

.

Risposte

BASE n. 1379 - Com'è denominata la superficie laterale dell'imbarcazione in prossimità dell'estrema prua?

F

Giardinetto

F

Specchio

V

Mascone

.

Risposte

BASE n. 1380 - Quale parte di un'imbarcazione è la sentina?

F

Lo spazio compreso tra la dritta e la sinistra dell'unità

F

Lo spazio compreso tra la poppa e la prima paratia

V

Lo spazio compreso tra il fondo dello scafo ed il pagliolo

.

Risposte

BASE n. 1381 - Cos'è il fasciame di un'imbarcazione?

F

L'involucro interno dello scafo

F

Il rinforzo delle zona estrema prodiera e poppiera

V

Il rivestimento esterno impermeabile dello scafo

.

Risposte

BASE n. 1382 - Cos'è l'ombrinale?

F

Il foro sulla prua, attraverso il quale passa la catena dell'àncora

V

Un foro per lo scolo dell'acqua

F

Piccola apertura nello scalmo

.

Risposte

BASE n. 1383 - Cosa si intende per prora di un'imbarcazione?

F

La rotta che l'imbarcazione segue

V

L'angolo che l'asse longitudinale della nave forma con il Nord

F

La parte posteriore della nave

.

Risposte

BASE n. 1384 - Come si chiama la superficie che chiude lo scafo di poppa?

V

Specchio di poppa.

F

Mascone.

F

Giardinetto.

.

Risposte

BASE n. 1385 - Quali imbarcazioni sono dotate, normalmente, di motore fuoribordo con gambo corto?

F

Le grosse imbarcazioni a vela

F

Gli scafi con carena a V

V

Gli scafi con carena piatta

.

Risposte

BASE n. 1386 - Com'è denominata la parte emersa di un'imbarcazione?

F

Opera viva

V

Opera morta

F

Mascone

.

Risposte

BASE n. 1387 - Da cos'è chiusa la sentina?

F

Dal boccaporto

F

Dalla tuga

V

Dal pagliolato

.

Risposte

BASE n. 1388 - Come sono chiamate le strutture verticali, che suddividono internamente lo scafo?

F

Pagliolato

V

Paratie

F

Murate

.

Risposte

BASE n. 1389 - Com'è chiamato il parapetto in legno, ferro o vetroresina che si innalza al di sopra del ponte di coperta, prolungando le murate?

F

Montante o mastra

F

Barcarizzo o battente

V

Impavesata

.

Risposte

BASE n. 1390 - Come si chiamano gli elementi verticali della battagliola?

V

Candelieri

F

Draglie

F

Tarozzi

.

Risposte

BASE n. 1391 - Com'è chiamata la lunghezza massima dell'imbarcazione?

F

Lunghezza fuori ossatura

V

Lunghezza fuori tutto

F

Lunghezza di costruzione

.

Risposte

BASE n. 1392 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

V

prua (o prora): la parte anteriore della nave

F

a poppavia: ciò che si trova a poppa del pulpito di poppa

V

sinistra: il lato sinistro della nave vista da poppa

.

Risposte

BASE n. 1393 - Tra i vari componenti di uno scafo tradizionale, definiamo:

F

bagnasciuga: la parte dell'opera viva che rimane sempre in acqua

V

fasciame: il rivestimento esterno dello scafo

V

paramezzale: la trave sovrapposta alla chiglia, che collega i madieri

.

Risposte

BASE n. 1394 - Tra i vari componenti di uno scafo tradizionale, definiamo:

V

battagliola: il parapetto di sicurezza che corre intorno allo scafo, formato da cavi

F

oblò: un'apertura per lo scolo dell'acqua

V

ponte: la superficie orizzontale che divide lo scafo in altezza

.

Risposte

BASE n. 1395 - Una tonnellata di stazza è pari a:

F

metri cubi 3,82

F

metri cubi 4,83

V

metri cubi 2,83

.

Risposte

BASE n. 1396 - Le parti strutturali di un'imbarcazione sono:

V

chiglia, ordinate, madieri e bagli.

F

scafo, timone ed elica.

F

scafo, motore e gruppo vele.

.

Risposte

BASE n. 1397 - Le strutture che dividono lo scafo in senso orizzontale sono:

F

le paratie.

V

i ponti.

F

i ponti e le paratie.

.

Risposte

BASE n. 1398 - Una tonnellata di stazza corrisponde a:

F

circa metri cubi 5,13

F

circa metri cubi 6,53

V

circa metri cubi 2,83

.

Risposte

BASE n. 1399 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

F

a poppavia: ciò che si trova a poppa del pulpito di poppa

V

prua: la parte anteriore della nave

F

dritta: la zona centrale della nave

.

Risposte

BASE n. 1400 - Tra i vari componenti di uno scafo tradizionale, definiamo:

V

bordo libero: l'altezza del ponte di coperta sul livello del mare

V

draglia: il cavo orizzontale di protezione che corre intorno alla coperta

V

serretta: l'elemento longitudinale dell'ossatura, fissata internamente sulle ordinate

.

Risposte

BASE n. 1401 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

V

prua (o prora): la parte anteriore della nave

F

a proravia: ciò che si trova a poppa del pulpito di poppa

F

prodiero: un oggetto che si trova sul lato destro della nave

.

Risposte

BASE n. 1402 - I boccaporti ed i passauomo sono:

V

aperture per scendere sottocoperta

F

boe di segnalazione per entrare in porto

F

fori sul fianco della nave

.

Risposte

BASE n. 1403 - Gli ombrinali sono:

F

la parte in ombra delle vele.

V

fori per lo scarico dell'acqua.

F

i supporti per legare le gomene.

.

Risposte

BASE n. 1404 - Le barre di zinco poste sotto lo scafo servono:

V

ad evitare le corrosioni galvaniche.

F

ad impedire che l'acqua filtri all'interno dello scafo.

F

ad aumentare la zavorra.

.

Risposte

BASE n. 1405 - L'ingombro longitudinale di un'unità:

V

è la lunghezza fuori tutto, comprese le appendici

F

è la lunghezza al galleggiamento

F

è la lunghezza del ponte

.

Risposte

BASE n. 1406 - La battagliola:

F

è l'insieme delle sartie e degli stralli.

F

è l'insieme delle draglie e degli stralli.

V

è l'insieme delle draglie e dei candelieri.

.

Risposte

BASE n. 1407 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

F

dritta: la zona centrale della nave

F

prodiero: un oggetto che si trova sul lato destro della nave

F

a proravia: ciò che si trova a poppa del pulpito di poppa

.

Risposte

BASE n. 1408 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

F

dritta: la zona centrale della nave

V

sinistra: il lato sinistro della nave vista da poppa

F

a poppavia: ciò che si trova sul lato destro della nave

.

Risposte

BASE n. 1409 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

F

prodiero: un oggetto che si trova sul lato destro della nave

F

prodiero: un oggetto che si trova sul lato sinistro della nave

V

prua (o prora): la parte anteriore della nave

.

Risposte

BASE n. 1410 - Per indicare zone di un'unità o la posizione di oggetti a bordo di un'unità, si usa definire:

V

sinistra: il lato sinistro della nave vista da poppa

V

prua (o prora): la parte anteriore della nave

F

sinistra: il lato sinistro della nave vista da prua

.

Risposte

BASE n. 1411 - Un oggetto all'esterno di un'imbarcazione viene indicato con l'espressione:

V

a poppavia del traverso di dritta, quando si trova a circa 120° dalla prua

F

al mascone di sinistra, quando si trova a circa 210° dalla prua

V

a proravia del traverso di sinistra, quando si trova a circa 290° dalla prua

.

Risposte

BASE n. 1412 - La lunghezza di un rimorchio si misura:

F

Dalla prua del rimorchiatore alla poppa dell'ultima unità rimorchiata.

V

Dalla poppa del rimorchiatore alla poppa dell'ultima unità rimorchiata.

F

Dalla prua del rimorchiatore alla prua dell'ultima unità rimorchiata.

.

Risposte

BASE n. 1413 - Il principio di Archimede enuncia che:

F

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dall'alto verso il basso, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato

F

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del corpo immerso

V

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato

.

Risposte

BASE n. 1414 - Come si chiama il peso dell'imbarcazione corrispondente, per il principio di Archimede, al peso del volume del liquido spostato?

F

Pescaggio.

F

Immersione.

V

Dislocamento.

.

Risposte

BASE n. 1415 - Secondo il principio di Archimede:

F

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dall'alto verso il basso, uguale per intensità alla massa del volume del fluido spostato

V

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato

F

un corpo immerso in un fluido riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità alla massa del volume del fluido spostato

.

Risposte

BASE n. 1416 - Riguardo alle leggi che governano la galleggiabilità di una nave, possiamo affermare che:

V

l'acqua spostata dallo scafo gli fornisce una spinta in galleggiamento

F